Prima notte a casa dopo 108 giorni, nuovi interrogatori per i pescatori - Live Sicilia

Prima notte a casa dopo 108 giorni, nuovi interrogatori per i pescatori

Il racconto dell'incubo vissuto in Libia continuerà oggi. Scoperto furto su uno dei pescherecci
NEL TRAPANESE
di
3 Commenti Condividi

MAZARA DEL VALLO (TRAPANI) – Hanno trascorso dopo 108 giorni di sequestro la prima notte tra le mura di casa a Mazara del Vallo i 18 marittimi tornati ieri da Bengasi coi due pescherecci Medinea e Antartide. I due senegalesi sono ospitati in albergo a spese dell’armatore dell’Antartide Leonardo Gancitano. Lavorano come guardiani di barche e normalmente dormono a bordo. Continueranno oggi gli interrogatori dei pescatori da parte dei carabinieri del Ros su delega della procura di Roma che ha aperto un fascicolo sul sequestro. Ieri erano stati sentiti in caserma Pietro Marrone comandante della Medinea, Bernardino Salvo, della Natalino, Giacomo Giacalone, dell’ Anna madre, e Michele Trinca del peschereccio Antartide, che hanno raccontato di essere stati trattati malissimo e umiliati.

Il comandante del peschereccio Medinea, Pietro Marrone, si recherà oggi alla Capitaneria di porto di Mazara del Vallo per redigere e firmare un rapporto sul sequestro della natante fino alla liberazione. Lo ha reso noto l’armatore del peschereccio, Marco Marrone, omonimo del comandante. “Dopo 108 giorni finalmente ho dormito 9 ore di fila, sereno come un bambino”. Così Marrone, armatore del Medinea, uno dei due pescherecci, assieme all’Antartide, sequestrati in Libia e arrivati ieri a Mazara del Vallo. “E’ la prima volta che succede dal giorno del sequestro – aggiunge mentre esegue un sopralluogo dell’imbarcazione – ieri sera mi sono addormentato alle 10, sono crollato in un sonno profondo e sereno, e mi sono svegliato poco prima delle 7 di stamattina. E al risveglio non ho avuto pensieri cattivi. Non mi succedeva da 108 giorni”. Sui danni subiti dal Medinea afferma: “Certo ci saranno delle riparazioni da fare ma l’importante è che la vicenda si sia chiusa. Tornerà in mare certo, ma prima dobbiamo controllare tutto ed eseguire la sanificazione”. Quest’ultimo intervento, spiega, lo farà “gratuitamente una ditta specializzata locale che ci ha contattati dicendoci che lo eseguirà come regalo di Natale”.

All’interno del motopeschereccio ci sono i segni evidenti del passaggio delle milizie: la porta del Comandante è stata forzata, dalla cucina manca il forno elettrico e nella plancia sono stati rubati attrezzi per la navigazione. «Sono danni che, seppur non ingenti, graveranno sulla nostra società – ha detto ancora l’armatore Marrone – il peschereccio dovremo tirarlo a secco per ripulire la parte sottostante che, dopo mesi di sosta in porto a Bengasi, è stata attaccata da piccoli molluschi» (ANSA)

Articoli Correlati


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

3 Commenti Condividi

Commenti

    e la cosa triste che il nostro governicchio manda soldi e motovedette a questi animali delinquenti che sequestrano le nostre barche e ci mandano clandestini

    Si per ora non esagerate con il vittimismo. Avete avuto tutto l’affetto degli italiani, siete stati liberati, ora basta con recriminazioni e lamentele. Basta anche con le polemiche di alcuni contro il governo che invece si e’ impegnato per la liberazione. Peraltro le violenze fisiche sono state smentite da altri pescatori. Ieri al telegiornale non si parlava di violenze fisiche, da Giletti si. Alcuni pescatori hanno ringraziato il governo, altri Berlusconi (non si sa perché). E poi sinceramente la telefonata a berlusconi ha fatto perdere molte simpatie popolari.

    X Giuseppe:
    Basta con il mettere in mezzo gli immigrati! Proprio gli immigrati hanno il terrore delle carceri libiche. Quanto ad Accordi con guardia costiera libica in funzione antimigranti sono stati presi in passato, ai tempi di salvini e minniti. Il governo giallorosso non c’entra nulla.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.