Sì alla proroga per 7000 precari | C'è un altro anno per stabilizzare - Live Sicilia

Sì alla proroga per 7000 precari | C’è un altro anno per stabilizzare

Via libera alla legge passa con 41 voti a favore. Le assunzioni a tempo indeterminato potranno essere firmate entro il 31 dicembre 2020

 

 

 

6 Commenti Condividi

PALERMO – Approvato all’Ars il disegno di legge che prevede la proroga di un anno, e quindi al 31 dicembre 2020, del termine ultimo per realizzare le procedure di stabilizzazione del personale precario degli enti locali. La legge passa con 41 voti favorevoli e l’approvazione da parte di tutte le forze che occupano i banchi dell’Assemblea regionale siciliana.

Ad oggi, infatti, secondo i dati della seconda Commissione di Palazzo dei Normanni sono stati stabilizzati 4305 dipendenti su 11.388 totali. Le procedure sono state compiute invece da 158 su 390. Per questo a norma varrà non solo per i circa 3000 dipendenti degli enti in dissesto e pre dissesto, per cui era stato sollevato l’allarme negli scorsi giorni, ma per tutto il comparto dei lavoratori ancora non stabilizzati. 

Plaude all’approvazione della legge, l’assessore regionale alle Autonomie locali Bernadette Grasso. “I precari comunali non ancora stabilizzati possono tirare un sospiro di sollievo” ha affermato l’esponente dell’esecutivo che poi ha aggiunto: “Ringrazio il Parlamento siciliano e tutte le forze politiche per aver accolto questa importante proposta, che ci permette di ridare serenità a centinaia di lavoratori. Continueremo a lavorare senza sosta con il Governo nazionale, per trovare una soluzione normativa che possa portare alla definitiva chiusura del processo di stabilizzazione”.

Apprezzamento anche dal Movimento cinque stelle con Giovanni Di Caro. “Abbiamo dato un po’ di tranquillità ai lavoratori – ha detto il deputato M5s – ma è fondamentale che i comuni non perdano tempo prezioso. Gli enti facciano la loro parte. Già diversi mesi addietro – ha poi aggiunto Di Caro – ho sottoscritto un disegno di legge per la stabilizzazione dei precari all’interno dei comuni in dissesto finanziario. Alcuni dei comuni interessati però risultano essere in forte ritardo, con gli adempimenti necessari alla stabilizzazione dei lavoratori in pianta organica con contratto a tempo determinato. Basti pensare, che ci sono comuni che non hanno ancora trasmesso alla Commissione per la stabilità finanziaria degli enti locali, presso il Ministero dell’Interno, tutti i bilanci stabilmente riequilibrati per gli anni pregressi. Avremmo rischiato quindi– conclude Di Cari –  di produrre una norma poco utile per alcune amministrazioni comunali inadempienti”.

Per il capogruppo del Partito democratico Giuseppe Lupo “era doveroso dare garanzie alle migliaia di precari che da anni lavorano nei comuni svolgendo funzioni importanti all’interno delle amministrazioni al servizio dei cittadini.In questa occasione – ha aggiunto- il Partito Democratico ha lavorato con grande senso di responsabilità prima garantendo il numero legale in commissione Affari istituzionali, e poi chiedendo ed ottenendo una procedura d’urgenza per approvare già oggi il ddl in aula. In questo percorso abbiamo riscontrato la volontà del governo e delle altre forze politiche di esitare rapidamente il testo. Per definitiva stabilizzazione dei lavoratori, però – ha terminato il democratico -, serve l’impegno finanziario della Regione che deve essere garantito dal governo Musumeci”.

Anche il deputato il deputato Udc Vincenzo Figuccia festeggai l’approvazione della legge. Poi però ammonisce: “Ci sono alcuni comuni – denuncia Figuccia – che al di là della pianta organica nella fase di stabilizzazione stanno dichiarando che alcuni soggetti sono inidonei. Tra questi c’è anche il comune di Capaci. Un fatto scandaloso che non può passare nell’indifferenza. Queste platee storiche vanno tutelate nella loro interezza senza azioni discriminatorie che rischiano di pregiudicare percorsi lavorativi di centinaia di soggetti”.

In mattinata c’era stato il via libera della Commissione Bilancio. “La proposta – ha raccontato il presidente della commissione Bilancio Riccardo Savona – è stata votata all’unanimità ed è un primo segnale forte per chiudere la pagina del precariato in Sicilia. Dopo l’ultimo passaggio in aula – ha proseguito -,rimane obiettivo prioritario da parte del Governo regionale e del Parlamento siciliano definire una volta e per tutte la stabilizzazione del precariato nella nostra isola. Questo sarà possibile – ha concluso Savona – grazie alle norme vigenti,infatti ci sono tutte le condizioni per la trasformazione a tempo indeterminato di tutto i lavoratori dei comuni siciliani”.

A Palazzo dei Normanni, malgrado tutte le forze politiche sono state d’accordo sulla votazione, non è mancata la polemica. L’ok della commissione Bilancio è arrivato dopo il primo via libera della commissione Affari istituzionali e ieri il capogruppo del Partito democratico, Giuseppe Lupo, ha rivendicato come la norma sia passata “grazie al Pd”. Eleonora Lo Curto, presidente del gruppo parlamentare Udc, però ha protestato. “Tutto il parlamento regionale – ha affermato Lo Curto – è impegnato per dare una soluzione ai contrattisti degli Enti locali, per questa ragione trovo che le parole autocelebrative del capogruppo Pd Giuseppe Lupo siano fuori luogo ed eccessive. Chi è all’opposizione ha gli stessi doveri dei colleghi di maggioranza, non ultimo quello di garantire il numero legale quando si approvano provvedimenti importanti a favore dei lavoratori. Sui precari storici  – ha concluso la capogruppo Udc -, il voto dato per la proroga dei contratti e per la stabilizzazione, successivamente, va espresso secondo coscienza e senza per questo dover necessariamente sventolare una particolare bandiera politica”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

6 Commenti Condividi

Commenti

    Da buoni politichesi di periferia …. continuiamo con il medioevo…………

    fanno sempre cosi’ danno un po’ di ossigeno e dopo agosto si sentiranno di nuovo presi per la gola e strozzati, cosa faranno? un altro rinnovo? altre promesse?, si puo’ vivere sempre in ansia di anno in anno, fra proteste ed altro e i sindacati che dicono che quest’anno che verrà sarà quello giusto etc, non è la canzone di lucio dalla, è una triste realtà che si ripete anno dopo anno promesse su promesse, debiti su debiti, tenuti alle catene come schiavi al remo della galea.

    Precari e forestali.Forestali e precari.Sempre la solita musica.La Sicilia andrà sempre peggio con questa sinfonia.

    “Ci sono alcuni comuni – denuncia Figuccia – che al di là della pianta organica nella fase di stabilizzazione stanno dichiarando che alcuni soggetti sono inidonei”….Cioè il comune si assume la giusta reponsabilità di non avallare assunzioni inutili e questo qua come al solito si atteggia a populista!

    Ecco … perfetto…
    Ricorderei all’assessore Grasso e a tutti i deputati dell’Ars, che esistono ancora altri lavoratori senza contratto e quindi senza contributi: i lavoratori ASU, così denominati in quanto impegnati in attività socialmente utili dal 1997. Noi non siamo neanche considerati precari in quanto non abbiamo mai avuto un contratto a termine… siamo ancora più anonimi… quindi non è assolutamente vero che con la stabilizzazione di questi 7000 contrattisti si risolve il problema del precariato a carico della Regione Sicilia.

    I politichesi tengono per la gola i componenti di questo bel bacino ai soliti fini elettorali …… e loro faranno di buon grado le vittime sacrificali agli incolti feudatari…..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *