Protezione civile, tutti in ferie? | "I turni verranno garantiti" - Live Sicilia

Protezione civile, tutti in ferie? | “I turni verranno garantiti”

Come si conciliano le ferie nel dipartimento con le esigenze della popolazione e le possibili emergenze del maltempo?

L'allerta
di
6 Commenti Condividi

PALERMO – Con le previsioni meteo per il weekend che hanno prospettato abbondanti piogge specialmente sulla Sicilia orientale, si diffonde la preoccupazione. Con una circolare del 21 novembre scorso il dipartimento regionale della Protezione Civile ha invitato i propri dipendenti a fruire delle ferie e, nello specifico, “precisando per il personale con contratto a tempo determinato che le stesse devono essere fruite obbligatoriamente” entro la fine di quest’anno. Chi si attiverà in caso di emergenza?

La risposta della Protezione Civile a questo interrogativo però è stata chiara: “Risale a stamani una circolare di questo dipartimento – chiarisce Giovanna Ferrauto, dirigente dell’area Affari generali e comuni – in cui si chiarisce che fermo restando che le ferie sono un diritto irrinunciabile e non monetizzabile, il Dipartimento regionale della Protezione Civile invita i suoi dipendenti a non produrre istanze di congedo ordinario che interessino l’intero organico contemporaneamente riservandosi comunque il diritto di diniego per i piani ferie qualora ragioni di servizio lo richiedano. I siciliani possono stare tranquilli”.

 

*Aggiornamento ore 19.14
Calogero Foti, Dirigente Generale del Dipartimento della Protezione Civile Siciliana: “Per contemperare le esigenze delle ferie non fruite dai dipendenti a contratto e la gestione delle possibili emergenze, stamattina è stata diramata una circolare che prevede la possibilità di concedere le ferie ai dipendenti ma, allo stesso tempo, il loro rinvio o non concessione per esigenze di servizio. La mission della protezione civile contempla esigenze diverse rispetto a tutti gli altri uffici regionali e, pertanto, in caso di emergenze, allerte meteo o altri rischi che incombono sulla popolazione, abbiamo invitato i responsabili dei Servizi, a non concedere ferie che interessino contemporaneamente tutto il personale, in quanto necessita garantire i servizi essenziali per fronteggiare qualunque evenienza”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

6 Commenti Condividi

Commenti

    Egr. Sig. Scarbaci dovrebbe chiedersi come la protezione civile conciliera attività in corso con la possibilità di perdere parte del personale a tempo determinato visto che ad oggi non si ha certezza di proroghe o stabilizzazione per i precari. L’80% del personale della protezione civile di Catania è a contratto in scadenza al 31 dicembre.

    La vera protezione civile sono le associazioni di volontariato

    Condivido anch’io il problema sollevato nel commento precedente, rappresentando le difficoltà cui andrebbe incontro il dipartimento della protezione civile se privato della preziosa collaborazione dei cosiddetti precari che rappresentano quasi il 50% della forza lavoro.
    Questo personale è stato appositamente formato per gestire emergenze ed ha sempre risposto, ogni qualvolta chiamato ad operare, in modo puntuale contribuendo efficacemente al superamento delle varie criticità.
    Sarebbe una vera tragedia non potere ancora fruire della loro collaborazione e mi auguro che presto venga trovata una positiva soluzione.

    Osservatore romano : non c’è una vera ed una falsa protezione civile . La protezione civile è una sola fatta da uomini e mezzi che insieme collaborano per garantire un servizio utile ed efficace a sostegno del prossimo . Volontari e dipartimento fino ad oggi insieme ciascuno per le proprie competenze hanno dato un buon servizio in tutte le emergenze. Non ci sono prime donme e nessuno può fare a meno dell’altro.

    Non è che in Sicilia siete un po’troppi a lavorare alla protezione civile? Non v’è lo siete mai chiesto?

    Troppi ? Speriamo di non avere più bisogno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.