Regionali, Dc Nuova e Udc verso la lista unitaria - Live Sicilia

Regionali, Dc Nuova e Udc verso la lista unitaria

Un'intesa nel nome dei comuni valori. Ma Cuffaro non vuole i deputati uscenti
SCUDOCROCIATO
di
8 Commenti Condividi

La Dc di Salvatore Cuffaro e l’Udc potrebbero correre assieme in un’unica lista a sostegno di Renato Schifani, candidato presidente del centrodestra. Anzi, potrebbero essere i candidati del partito di Lorenza Cesa a gareggiare all’interno del partito fondato dall’ex governatore siciliano. Il tutto nel segno della vecchia Balena bianca e della comune matrice politico-culturale. E della medesima necessità strategica di entrare all’Ars.

Sono fonti autorevoli di entrambe le formazioni a confermare a LiveSicilia quanto l’intesa sia a portata di mano. A Roma sono d’accordo. A Raffadali pure. In mezzo ci sono tuttavia delle condizioni a cui sottostare. Come già dichiarato nei scorsi giorni, Cuffaro non vuole in lista esponenti che abbiano avuto nel curriculum un’esperienza parlamentare da mostrare. “Tutti nuovi. Le regole nella DC sono che non candidiamo deputati”, è il mantra di queste ore. 

Una tagliola che si abbatterebbe, innanzitutto, su Mimmo Turano, deputato Udc uscente e assessore regionale alle Attività produttiva nel governo Musumeci. Si tratta di un nome di peso che – a quanto risulta – sarebbe stato tenuto a margine dei colloqui ufficiali. Non si esclude, tuttavia, che ci possano essere delle deroghe. A questo stanno lavorando gli uomini di Lorenzo Cesa in Sicilia.

Le ragioni della possibile intesa nascono dalle difficoltà riscontrate nelle ultime settimane dall’Udc di assemblare liste competitive e attrezzate per superare senza patemi la soglia di sbarramento. Tant’è che dal coordinamento di Catania era stata diffusa una nota pensata per infondere coraggio: “Lo Scudocrociato ci sarà”. 

I problemi più grossi, tuttavia, riguarderebbero la provincia di Messina. Sullo sfondo resta anche il dato tutt’altro che entusiasmante registrato, appena lo scorso 12 giugno, a Palermo città. Con l’Udc sotto il 4%. E gli “amici” della formazione di Cuffaro sopra quota 5%. Le Regionali sono però altra partita e anche la DC Nuova deve verificare su un terreno ben più vasto i propri numeri.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

8 Commenti Condividi

Commenti

    Sarebbe la negazione del progetto di cuffaro

    Cioè Turano e Cordaro fuori dall’ARS???
    NON CI CREDO….sarebbe troppo bello.

    Si può non leggere più nulla di questo inquietante signore? Sarebbe quanto meno di buon gusto… Grazie

    Meglio zappare tutta la vita, almeno si respira aria pulita….

    “Cuffaro non vuole in lista esponenti che abbiano avuto nel curriculum un’esperienza parlamentare da mostrare.”
    Però se si hanno nel curriculum condanne per reati di contiguità alla mafia, si può fare il “commissario / puparo”:
    l’indecenza non ha limiti ! ! !
    Non rimane che confidare nella maturità dell’elettorato.

    … la morale, ormai, è un optional!

    Per curiosità ma quanti crocifissi ha alle spalle in quella foto? In proporzione allora ne avrà più lui a casa sua che in tutte le chiese del circondario…….

    La stessa scena dell’altarino, vista quando hanno arrestato taluni mafiosi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *