Reintegrato dopo il licenziamento|Ma riparte la procedura per cacciarlo - Live Sicilia

Reintegrato dopo il licenziamento|Ma riparte la procedura per cacciarlo

Comune di Catania
di
5 Commenti Condividi

Era stato licenziato dopo essersi opposto a una gara. Adesso Maurizio Consoli, da 16 anni dirigente informatico del Comune di Catania, è stato reintegrato dal tribunale etneo, che ha disposto anche un risarcimento nei confronti del funzionario, che dovrebbe ricevere 90 mila euro dall’amministrazione guidata da Raffaele Stancanelli. Il reintegro, però, è arrivato con una sorpresa: con lo stesso provvedimento che dispone il ritorno in servizio di Consoli, infatti, il Comune ha deciso di avviare un nuovo procedimento disciplinare nei suoi confronti.

La vicenda è iniziata alla fine dell’estate dell’anno scorso. Consoli si era opposto ad alcune procedure di gara ed in particolare a un capitolato che secondo il funzionario sarebbe stato copiato dal sito internet di una delle ditte partecipanti. Si trattava di tre gare per complessivi 4 milioni di euro. Dopo la presa di posizione di Consoli, la Procura ha aperto un fascicolo, ma poco tempo dopo l’ingegnere è stato licenziato con un procedimento disciplinare.

Adesso, però, la contestazione a Consoli riparte. “La richiamata decisione giudiziale – annota il direttore del personale Valerio Ferlito -, essendo attinente ad un vizio formale del procedimento, non fa venir meno i gravi motivi sostanziali che hanno determinato il recesso”. In altre parole, secondo il Comune, il reintegro è stato disposto non perché Consoli avesse ragione, ma perché gli era stato concesso troppo poco tempo per difendersi dalle contestazioni dell’amministrazione. Quindi la decisione di “procedere alla rinnovazione della contestazione degli addebiti, sulla base degli stessi motivi sostanziali determinativi del precedente recesso, con assegnazione del termine a difesa di venti giorni, sì da assicurare la pienezza dell’esercizio del diritto di difesa”. La palla torna a Consoli.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

5 Commenti Condividi

Commenti

    Andatevi a controllare ciò che e’ stato fatto ai lavoratori dalla truffa SISE SEUS… Quella che sta mettendo in atto il comune di Catania e’ una “marachella” a fronte di atti abberranti illegittimi e in frode alla legge compiuti da queste DUE società di diretta emanazione l’una della Croce Rossa Italiana e l’altra della Regione Siciliana

    Pubblicate il bando gara oggetto del licenziamento.
    Entriamo nel merito e facciamo giornalismo vero, no gli amici dei politici.

    Andate a leggere il curriculum del dott.Valerio Ferlito, conoscenze vicino allo zero di informatica ed esperto di “rifiuti” con due stipendi, comune e università che licenzia l’esperto informatico del comune per il mancato assenso di quest’ultimo a un bando di informatica fatto da altri. E’ il massimo che si possa immaginare…. Purtroppo è realtà.

    Una curiosità ????

    Ma i procedimenti disciplinari sono stati avviati dall’Aministrazione anche nei confronti di tutti gli indagati tra cui risultano anche funzionari e dirigenti del Comune.. o no????
    tra cui rientra in base a notizie di stampa anche l’autore della determina nonchè Dirigente del personale ?????

    http://www.livesicilia.it/2011/01/12/ecco-i-nomi-dei-47-indagati/

    http://www.livesicilia.it/wp-content/uploads/Determina-reintegra-e-rinnovo-proc-disciplinare.pdf

    oppure si agisce solo nei confronti dell’Ing. Consoli che chiedeva legalità negli appalti pubblici?

    Come sarebbe importantissimo che su questa vicenda gli uffici giudiziari competenti facessero (e presto) piena luce, perseguendo duramente eventuali responsabilità, onde fare pulizia dove forse essa manca, rendendo così migliore, in definitva, la qualità di vita ai catanesi (soprattutto a quelli che pagano davvero le tasse)!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.