Rissa con omicidio a Marsala: chiesto il rinvio a giudizio per 4 persone - Live Sicilia

Rissa con omicidio a Marsala: chiesto il rinvio a giudizio per 4 persone

La prima udienza è fissata per il 25 luglio
IL PROCESSO
di
0 Commenti Condividi

MARSALA (TP) – La Procura di Marsala ha chiesto il rinvio a giudizio delle quattro persone protagoniste della rissa in cui, la sera del 7 ottobre 2021, a Marsala, in via Curatolo, davanti la pizzeria Carpe Diem, venne ucciso a coltellate il 27enne Luigi Loria.

Il processo è stato chiesto per Ion Nadoleanu, di 21 anni, e il padre Constantin Tapu, di 39, romeni, accusati di omicidio in concorso, rissa e porto illegale fuori dall’abitazione di coltello dalle dimensioni non consentite dalla legge, nonché, solo per rissa, per i marsalesi Giuseppe e Catia Loria, di 27 e 21 anni. Questi ultimi, fratello e sorella dell’ucciso, sono al contempo anche “parte offesa”.

La prima udienza preliminare davanti al gup del Tribunale di Marsala è stata fissata per il prossimo 25 luglio. Un 16enne appartenente al nucleo familiare romeno è già stato rinviato a giudizio davanti il Tribunale per i minorenni di Palermo.

Ad immortalare i fatti di quella sera (intorno alle 23.30) sono state alcune telecamere di impianti di videosorveglianza. E sulla base di questi filmati, la stessa notte, la polizia arrestò i protagonisti. Per aver assassinato Loria (una delle coltellate è arrivata al cuore), in carcere è finito Ion Nadoleanu. E con lui anche il padre, Costantin Tapu, in difesa del quale sarebbe intervenuto il primo. Tapu è accusato di concorso nell’omicidio. Sarebbe stato lui, colpendo Loria con due pugni, ad innescare la rissa.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

0 Commenti Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.