Sala, il 'passaporto' e Musumeci | Quei confini aperti che fanno paura - Live Sicilia

Sala, il ‘passaporto’ e Musumeci | Quei confini aperti che fanno paura

Contagi e polemica. Ma dietro c'è un problema di sostanza. Musumeci: "Battuta infelice".

Coronavirus
di
9 Commenti Condividi

Se perfino un uomo sobrio e moderato come Beppe Sala rilascia dichiarazioni con un tono che può essere interpretato come polemico, significa che il nervosismo che percorre il Paese, malgrado le migliori intenzioni, è arrivato al livello di guardia. Ed è forse questo il tema, oltre la necessità dell’emergenza sanitaria: il fiume carsico di rabbia che scorre tra social (palco) e realtà.

Ripercorrere la storia dell’ultima divisione è forse, anche, un buon modo per raccontare il momento. Tutto ha il suo epicentro, tra il prima e il dopo, proprio nella dichiarazione del sindaco di Milano, a margine dei pensieri e delle parole dei governatori del Sud circa una possibile e maggiore vigilanza dei confini per evitare i contagi da Coronavirus in occasione delle ‘riaperture’.

Sala non l’ha mandata a dire:Vedo che alcuni presidenti di Regione, ad esempio quello della Liguria, Giovanni Toti, dicono che accoglieranno a braccia aperte i milanesi. Altri presidenti, non li cito, dicono che magari sarebbe meglio una patente di immunità. Qui parlo da cittadino prima ancora che da sindaco: quando deciderò dove andare per un weekend o una vacanza me ne ricorderò”.

Ne è seguita una trama di botte e risposte. Lo stesso primo cittadino ha successivamente chiarito il senso delle due dichiarazioni, smussando, secondo il suo costume, con moderazione gli angoli più aspri. Sulla querelle è intervenuto pure il ministro per gli Affari regionali, Francesco Boccia: “Passaporto sanitario? Rileggete l’articolo 120 della Costituzione: una Regione non può adottare provvedimenti che ostacolino la libera circolazione delle persone. E poi se gli scienziati dicono che non ci sono passaporti sanitari, non ci sono”.

Ma, a prescindere dalla cara e vecchia consuetudine alla baruffa, il tema resta. Non siamo fuori dalla pandemia e ci sono regioni che presentano criticità maggiori: è indubbio. Nessuno vuole discriminare, però è naturale che quei confini aperti possano fare un po’ paura. Un sentimento che va governato con prudenza, senza eccessi.

Dal canto suo, il presidente Nello Musumeci, in una intervista con il ‘Messaggero’ ha tagliato corto: “Noi in Sicilia abbiamo fatto un’ordinanza che impedisce di entrare nella regione non fino al 4 ma fino al 7 giugno. E ora dobbiamo farne un’altra che confermi questa o la modifichi. Con il cuore aprirei l’isola ai turisti già dal 7 giugno. Ma con la ragione dico: aspettiamo il dato epidemiologico nazionale che sta per arrivare e sulla base di questo decidiamo. Ma tutti insieme, presidenti regionali e governo, dobbiamo confrontarci e credo lo faremo sabato. Non si può avviare la nuova fase in una logica da macchia di leopardo. Ci vuole una responsabilità condivisa da tutti”.

Aggiornamento

“L’amico Sala se vuole venire in Sicilia, con piacere: non gli chiederemo alcuna patente, neppure quella dell’auto. Mi sembra una esagerazione la sua, non tutti gli amici della Lombardia o dell’Emilia Romagna sono portatoti di virus. Sala ha fatto una battuta infelice, chiunque vorrà venire in Sicilia rispettando protocollo sicurezza sarà il benvenuto”. Così il governatore della Sicilia, Nello Musumeci, rispondendo ai cronisti in conferenza stampa, a Palazzo d’Orleans


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

9 Commenti Condividi

Commenti

    Poveri lombardi! Non sia mai che veniate trattati come tutti gli altri! La vita caro Sala non è solo una questione di soldi, non vuole venire in Sicilia? Non verranno i suoi concittadini? Bene, anzi benissimo! Non vi vogliamo, non si compra tutto con il denaro, restate in quella palude inquinata e piena di covid-19! Tanti saluti! Unità d’italia un paio di ciufoli!

    Poveri lombardi! Non sia mai che veniate trattati come tutti gli altri! La vita caro Sala non è solo una questione di soldi, non vuole venire in Sicilia? Non verranno i suoi concittadini? Bene, anzi benissimo! Non vi vogliamo, non si compra tutto con il denaro, restate in quella palude inquinata e piena di covid-19! Tanti saluti! Unità d’italia un paio di ciufoli

    Musumeci è imbarazzante

    se non fosse stato per Musumeci dal nord sarebbero arrivate molte persone infette

    caro sala se non vieni ce ne faremo una ragione,vattene in vacanza in emilia da bonaccini

    La Lombardia ha ancora dati troppo alti. Se fosse per me aprirei tutte le regioni tranne la Lombardia e il Piemonte. Capisco che è dura per chi vive e lavora lì. In molti hanno familiari al sud che non vedono da tanti mesi e poi tanti Lombardia e piemontesi ma anche tanti emiliani e Veneti ogni anno venivano a farsi le vacanze in Sicilia. Adesso musumeci con quei 4 casi che ha la Sicilia vuole continuare a tenere l’isola chiusa. La gente prima o poi si romperà le scatole e sceglierà Spagna, Grecia, Portogallo, Croazia, Albania, Montenegro o regioni del nord come Liguria, Toscana o Romagna per farsi le vacanze. Poi a settembre vai a piangere miseria al portone del governo. Serve buon senso e rispetto delle regole

    Penso che il covid 19 a molti politici, per non dire quasi tutti, anziché colpire i polmoni abbia colpito il cervello. Smettetela di blaterare tutti i giorni per avere un po’ di visibilità e lavorate per il paese se ne siete capaci. Altrimenti andate a casa che ci guadagniamo tutti.

    Il terrore di Musumeci è dovuto al fatto che se arriverà un epidemia come quella delle regioni del nord, si scoprirà che la sanità siciliana è assolutamente impreparata.

    Da Sala parte una minaccia. A noi arriva una promessa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.