Se il calcio diventa 'virtuale' - Live Sicilia

Se il calcio diventa ‘virtuale’

La vuvuzuela
di
1 Commenti Condividi

È cominciato il campionato di calcio e così le nostre domeniche, o forse interi week end, saranno meno noiose. Quest’anno grandi novità: telecamere negli spogliatoi, anticipi, posticipi, monday night, spider cam… insomma il calcio si può vedere da tutte le angolazioni. Perfino allo stadio, anche se per vedere le partite dal vivo bisogna possedere una carta di credito, ovviamente emessa dalle banche legate alle varie società di calcio, essere schedato presso la banca dati del Ministero degli Interni e rilasciare i propri dati sensibili, senza tutela sulla privacy, all’autorità di pubblica sicurezza. Solo dopo si potrà entrare in una struttura di proprietà pubblica per vedere semplicemente una partita di calcio. Questo vale per tutti gli abbonati, perfino per i bambini accompagnati dai genitori.

Trattasi di una stranezza tutta italiana, in nome di un’ideologica adesione al mito della sicurezza negli stadi, chiamata impropriamente “tessera del tifoso”. Basterebbe applicare all’interno degli stadi le stesse leggi che si applicano, durante la settimana, in tutte le città italiane evitando di trasformare lo spazio ludico, costruito attorno a ventidue atleti in mutande che inseguono un pallone, in un territorio extra legem. Hanno fatto così in tanti Paesi e la violenza negli stadi è finita.

Si potrebbe applicare, in territorio nazionale, quello che avviene da anni per le partite di calcio internazionale in una cooperazione tra le forze di polizia che conoscono bene, in tutte le città, i trecento frustrati vestiti da tifosi che vanno allo stadio solo per dare sfogo pubblico alla propria imbecillità. La partita di calcio senza il tifo è come un dramma teatrale senza il pubblico, come il circo senza i bambini che urlano… è nella connessione sentimentale tra i calciatori e il pubblico che si costruisce la magia del gioco del calcio.

In questa prima giornata di campionato lo sciopero delle tifoserie organizzate contro la tessera voluta dal ministro Maroni è stato un segnale triste che ha impoverito lo spettacolo, ulteriormente immiserito dalla vergognosa violenza degli ultras dell’Atalanta che, in nome di una giusta causa ma in una forma abominevole, hanno dato forza a chi, in questi anni, ha costruito l’equazione tra tifo e violenza.

Sembra ormai inesorabile la deriva: fino a dieci anni fa sarebbe stato impossibile istituire la tessera del tifoso semplicemente perché gli abbonamenti erano la voce di bilancio più cospicua per una società di calcio e nessuno avrebbe rischiato di perdere adesioni in nome di una macchinazione propagandistica attuata dal Ministro degli Interni. Oggi, invece, il calcio italiano vive grazie ai diritti televisivi e pertanto non succede niente se i tifosi scelgono di non sostenere la propria squadra… perché il virtuale è più importante del reale.

Volete un esempio? In questa prima giornata del massimo campionato di calcio qual è la notizia su cui si sono concentrate maggiormente le trasmissioni sportive? I meravigliosi gol di Pato o D’Agostino? La sconfitta della Juventus o il pareggio casalingo della Roma? Il gol fantasma di Cavani? La grande parata di Agazzi sul tiro di Balzaretti? Nulla di tutto ciò… si è parlato soprattutto di un calciatore che non ha giocato e che ha visto la partita della sua nuova squadra in tribuna accanto al Presidente del Consiglio.

E meno male che non c’era il Ministro degli Interni a San Siro altrimenti allo zingaro Ibrahimovic avrebbe subito preso le impronte digitali e predisposto il foglio di via…


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

1 Commenti Condividi

Commenti

    Caro Giusto,
    sei una persona seria e ti rispetto, per quanto tu abbia idee politiche diverse dalle mie….in questo caso temo pero’ che ti sia approcciato in maniera poco errata al problema? Gli italiani, molti ovviamente, non tutti ma molti, non hanno senso civico. Basta andare in Romania o in Russia per citare nazioni a te,per la loro storia, immagino care, ma anche in Cile o in Argentina per citarne altre, dove lo stato e’ lo Stato! Il senso civico, quando si trovano nei loro paesi, lo hanno sorbito e metabolizzato dapprima con il latte delle loro madri e dopo con la sicurezza che se sbagliano verranno puniti…vanno in gattabuia! Da noi le istituzioni, prime fra tutte le forze di polizia sono quasi completamente svuotate di potere e di significato…non servono piu’ per quello per cui sono nate. Altrove e’ stato possibile risolvere il problema dei tifosi violenti in altro modo perche’ si tratta di mondi diversi….che tu, in quanto decoroso e degnissimo rappresentante della nostra isola, dovresti conoscere. Poiche’ qui non esiste la certezza della pena….il leghistissimo, ma non per questo squilibrato o razzista ministro Maroni, ha molto pragmaticamante pensato che la tessera del tifoso e soprattutto il Santo DASPO potrebbero essere, e forse potranno essere, se non una soluzione al problema una mezza-soluzione al problema degli scriteriati liberi il fine settimana.Il Calcio deve essere una festa…alla quale si deve invitare chi se lo merita.
    Con rispetto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.