Sigilli a una casa di riposo abusiva - Live Sicilia

Sigilli a una casa di riposo abusiva

La struttura, che ospitava dieci anziani, era priva dell'iscrizione all'albo comunale degli enti assistenziali. I carabinieri hanno rilevato anche irregolarità dal punto di vista igienico e medico-sanitario.

Mazara del vallo
di
0 Commenti Condividi

MAZARA DEL VALLO (TRAPANI) – Una casa di riposo in cui venivano ospitati anziani, in via Jesolo, nella zona di Tonnarella, a Mazara del Vallo, è stata chiusa in quanto priva dell’iscrizione obbligatoria all’albo comunale degli enti assistenziali. La sanzione è di natura amministrativa. Il titolare dell’attività è un mazarese di 84 anni (T.S.). I locali sono stati controllati da carabinieri, vigili urbani, personale dell’Asp e Ispettorato provinciale del lavoro, che non hanno rilevato irregolarità dal punto di vista igienico e medico-sanitario. I dieci anziani che venivano assistiti nella struttura sono stati riaffidati ai loro familiari. Il sindaco Nicola Cristaldi ha emanato un’ordinanza di sospensione immediata dell’attività della casa di riposo.

Lo scorso 19 febbraio i carabinieri del nucleo radiomobile si sono presentati, assieme ai vigili urbani – c’erano Ispettorato del Lavoro ed Azienda sanitaria provinciale – per un controllo della casa di cura. A seguito delle verifiche sul campo sono emerse delle irregolarità che hanno portato a chiudere, per il momento, la struttura. Sono stati trovati al suo interno 10 anziani. Le condizioni igienico-sanitarie e mediche non erano nella norma. La casa di cura non aveva però l’iscrizione obbligatoria all’albo comunale degli enti assistenziali ed è stato inoltre avviato l’esame delle carte che riguardano l’assetto urbanistico della casa di cura.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

0 Commenti Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *