Settimo Mineo resta in carcere | Il boss della cupola è al 41 bis - Live Sicilia

Settimo Mineo resta in carcere | Il boss della cupola è al 41 bis

L'arresto di Settimo Mineo

Rigettata l'istanza dei legali per il rischio Coronavirus

1 Commenti Condividi

PALERMO – Settimo Mineo resta in carcere. Il giudice per le indagini preliminari ha negato la scarcerazione dell’anziano boss, 83 anni, accusato di avere presieduto la nuova cupola di Cosa Nostra. Quella convocata dopo la morte di Totò Riina.

Il boss Settimo Mineo

Nella richiesta inviata al giudice per le indagini preliminari Rosario Di Gioia che sta processando Mineo, gli avvocati Stefano Santoro e Giovanni Restivo avevano allegato la cartella clinica del carcere di Sassari, dove il boss è recluso al 41 bis, e la consulenza di un cardiologo palermitano. Entrambe certificano i problemi cardiovascolari del padrino di Pagliarelli.

La direzione sanitaria del carcere ha scritto al gip che Mineo non è a rischio “non essendo presenti pericoli concreti di contagio”. La stessa direzione segnala che il paziente deve essere comunque considerato per la patologia e per l’età superiore ai 70 anni “ipersuscettibile” al rischio di complicanze serie in caso di infezione da Covid-19. Il gip ha concluso lo scorso 22 aprile, ma la notizia si apprende oggi, che non essendoci rischi attuali e concreti vanno garantite le esigenze cautelari. Dunque Mineo deve restare in carcere.

Per Mineo, già condannato in passato, la Direzione distrettuale antimafia ha chiesto 20 anni di carcere ed è in attesa di conoscere il verdetto. Il ritorno al potere di Mineo è stato ricostruito dai carabinieri di Palermo in interi capitoli di informative, zeppe di intercettazioni ed esiti di pedinamenti.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

1 Commenti Condividi

Commenti

    Faccio un appello a tutti gli imprenditori e a tutti i commercianti che continuano a pagare il pizzo,denunciate i mafiosi che vi fanno le estorsioni e fate le denunce di massa in ogni quartiere di Palermo ossia le denunce collettive e prima di denunciarli andate da Addiopizzo e subito dopo andate dalle forze dell’ordine a denunciare i mafiosi che vi fanno le estorsioni,ricordatevi che l’unione fa la forza contro Cosa Nostra Palermo e c’è bisogno di dare il colpo di grazia a Cosa Nostra Palermo per espellerla da Palermo e pertanto mi auguro che il prima possibile nasca una ribellione popolare contro Cosa Nostra Palermo in ogni quartiere di Palermo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *