Il premier Letta: |"Noi fuori senza Onu" - Live Sicilia

Il premier Letta: |”Noi fuori senza Onu”

Il presidente del Consiglio si dichiara disponibile a trovare una soluzione politica al dramma siriano. E ribadisce il no ad un intervento senza l'ok dell'Onu.

SIRIA
di
1 Commenti Condividi

ROMA – Mentre Damasco si dichiara pronta a rispondere ad un attacco che potrebbe avvenire in “ogni momento”, Enrico Letta mette nero su bianco la posizione dell’Italia.

Il regime di Assad – spiega il premier – possiede arsenali di armi chimiche, il cui uso è un crimine contro l’umanità. Comprendiamo l’iniziativa di Stati Uniti e Francia, alla quale però, senza le Nazioni Unite, non possiamo partecipare”.

La settimana prossima a San Pietroburgo – prosegue Letta – faremo di tutto perché si trovi una soluzione politica al dramma siriano…La rapida convocazione di ‘Ginevra 2’ è oramai ineludibile”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

1 Commenti Condividi

Commenti

    E’ umiliante assistere all’operato inutile e costoso del Governo che ha istituito e mantiene un c.d. Ministero dell’Integrazione con immigrati, clandestini, profughi, rifugiarti politici di comodo e terroristi, quando ancora, dopo 153 anni dall’Unità d’Italia nel nostro paese, manca proprio l’integrazione del Popolo italiano a qualsiasi livello persino nell’ambito regionale, provinciale e comunale. Senza entrare nel merito del colore della pelle di un ministro affaccendato alla c.d. INTEGRAZIONE con immigrati, ecc., che non c’è e che mai ci sarà, ognuno pensi a fare integrazione nel proprio paese d’origine, che probabilmente né ha tanto bisogno (già cosa alquanto difficile), e non in Italia che ha problemi d’integrazione interna di altra natura secolare, dove il Governo tramite ministro interessato non rispetta usi, costumi, religione, tradizioni, e in particolare la storia vera e cultura che ci diversificano persino a livello regionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *