“Il consulente ha copiato” | Ars, condannato il gruppo - Live Sicilia

“Il consulente ha copiato” | Ars, condannato il gruppo

Sicilia democratica dovrà restituire i soldi per l'incarico a un esperto.

Corte dei conti
di
14 Commenti Condividi

PALERMO – La relazione del consulente Reale è copiata. Per questo motivo, la Sezione giurisdizionale della Corte dei conti ha deciso di non approvare il rendiconto di un gruppo parlamentare dell’Ars nella parte in cui stanzia cinque mila euro per quella consulenza. Adesso i deputati dovranno metterli di tasca propria.

La vicenda riguarda la nomina all’interno del gruppo parlamentare di Sicilia democratica presieduto da Giambattista Coltraro, del consulente Vincenzo Reale. La spesa per quel lavoro, sostenuta con i soldi pubblici destinati alle forze politiche di Palazzo dei Normanni, non è stata considerata regolare dalla Sezione di controllo della Corte dei conti nella deliberazione con la quale esamina ogni anno le spese dei gruppi parlamentari. A quella pronuncia il gruppo di Sicilia democratica si è opposto. Ma il ricorso è stato respinto per un vizio formale: il gruppo aveva dimenticato di notificare l’atto al Procuratore generale. Così, il ricorso è stato giudicato inammissibile e il gruppo dovrà restituire i soldi.

Perché la Corte aveva considerato irregolari quelle spese? Secondo la Sezione di controllo, il consulente era “sprovvisto della necessaria idoneità tecnico–scientifica o, comunque, dell’esperienza necessaria, nel campo della ricerca scientifica, per l’espletamento della consulenza”, e ancora, i magistrati contabili hanno segnalato la “sostanziale inadeguatezza dell’elaborato” che costituisce la relazione finale con cui si attesta il lavoro del consulente “stante l’elementarietà sia del primo testo (allegato al rendiconto) che del secondo testo dello studio e l’assoluta mancanza di originalità dell’ultima versione dell’elaborato redatto dal consulente”. Sul primo punto, il gruppo parlamentare ha affermato che nessuna norma prevede particolari titoli di studio per svolgere l’attività di consulente e che comunque Reale aveva maturato una “pluriennale esperienza politico/amministrativa”.

La Corte però parla anche di “mancanza di originalità” dell’elaborato. E a leggere le carte della sentenza della Sezione giurisdizionale, quel passaggio suona come un eufemismo. “Tale lavoro, infatti, – scrive la Corte – pur presentando una veste scientifica più adeguata risulterebbe, ad avviso della Sezione regionale, pedissequamente riproduttivo di alcuni saggi pubblicati nei numeri 22 (ottobre-dicembre 2012) e 39 (gennaio-marzo 2017) della rivista “Illuminazioni”. Una contestazione respinta dal gruppo: “Lo studio redatto rappresenta il frutto anche degli incontri e degli approfondimenti del consulente con uno degli autori degli scritti pubblicati sulla rivista “Illuminazioni”, non sussistendo la contestata copiatura di saggi altrui”. Ma quella consulenza non potrà essere pagata con i soldi pubblici. I deputati di “Sicilia democratica” dovranno pagarla di tasca propria.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

14 Commenti Condividi

Commenti

    Trovo assurdo la mancanza di controllo da chi elargisce i fondi pubblici ai gruppi parlamentari, aziende private, che allo stesso tempo diventano autonome dell’agire. Così come trovo assurdo che qualche gruppo utilizza anche i fondi del personale per fare altro. Ne l’ente erogante “ars” ne la corte entra nel merito in quanto l’azienda gruppo diventa privata, quindi le dichiarazioni del capogruppo diventano sovrane!

    Vi prego date uno sguardo anche ad altre consulenze… vi farete quattro risate!!

    Se proprio volete fare una panoramica chiara su come operano i gruppi parlamentari, il primato spetta all’ mpa. Anche se supera tutti i controlli, c’è da ridere veramente!

    Il 99,99% delle “consulenze” commissionate dei deputati (?) sono aria fritta che non serve a nulla… copiate o non copiate SONO SOLDI CHE DOVREBBERO PAGARE I DEPUTATI (!) DI TASCA PROORIA… milioni e milioni di euro OGNI ANNO… CHE SCHIFO!

    Scusate la mia domanda, ma il notaio COLTRARO, dopo lo scandalo delle IENE, continua ancora a fare politica e a rappresentarci all’assemblea regionale!!!!????? Poveri noi!

    Cosa c’è di così tanto assurdo? Molto spesso le consulenze inutili servono a ricompensare i capi bastone. Le famose quattro carte buttale lí a ca..so.

    Il singolo deputato può commettere errori come tutti, ma vi assicuro che è facile commetterli in un ente senza regole certe. Ovvia decisione di non avere delle regole, si l’opportunità di agire con estrema fantasia. Manipolazione di casa che si trincera dietro al dito, o meglio risponde che non ha competenza in merito alla gestione dei gruppi, è ancora più vergognoso. Forse dimentica quando fu’ capo dei questori, istituendo un regolamento veramente scellerato. Vero non esiste un ente che controlla tutto questo, dimenticavo la casta è sempre casta!

    Un buon presidente, sarebbe come un buon capofamiglia. Non in questo caso, dobbiamo attendere il prossimo, l’attuale sbotta facilmente, ed è ostaggio di se stesso. Ma le colpe sono degli altri.

    Ho pagato Irap senza saperlo, a chi mi devo rivolgere per averla restituita? Visto che ne il gruppo(mpa) ne ars sostengono di non avere competenza. È sfuggito pure alla corte dei conti, la procura ci pensa da un anno ma non ho risposte. Cosidetto stabilizzato, socio di minoranza del gruppo mpa solo nel pagare competenze non spettanti!

    Non ci posso credere. I consulenti bravi sono fuori e mai considerati. Ridicolo è chi sceglie malamente

    Ma Coltrato ancora fa politica!? E’ il notaio di Siracusa!? Se è davvero lui è incredibile e Vergognoso.

    Ma davvero Coltraro che se non sbaglio è un notaio siracusano ancora è in politica? Ma le istituzioni? Mha

    Rispecchia il livello mediocre ed onnipotente di questa legislatura, comunque in linea con la presidenza, anzi al di sotto. Basta verificare, controllare in modo equo!

    ed io concordo con te al 100% e vado anche oltre, è una presa in giro costante…..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *