Test sierologici, i laboratori: | "A questi prezzi non li facciamo" - Live Sicilia

Test sierologici, i laboratori: | “A questi prezzi non li facciamo”

Monta la protesta. Un intoppo grave nella Fase 2

CORONAVIRUS
di
5 Commenti Condividi

PALERMO – Sembrava tutto pronto per iniziare i test sierologici in Sicilia. Ma il piano della Regione si scontra con la “ribellione” di una parte dei titolari di laboratori. La circolare dell’assessorato regionale alla salute fissa i prezzi: da 10 a poco di 32 euro per ogni test. Prezzi che vengono bollati come insufficienti persino a coprire le spese. Fabio Buccheri, titolare di un laboratorio che fa parte di un consorzio di 23 strutture, lo dice con chiarezza:

“È impossibile eseguire i test a queste condizioni. Con queste cifre non si coprono i costi dei reagenti ai quali vanno aggiunti quelli per mettere in sicurezza lavoratori e pazienti: dalle mascherine ai sanificatori, ai camuci usa e getta. Non si comprende poi in base a quale regola si imponga un prezzo alle attività private. Lungi da noi dal voler coprire eventuali manovre speculative che non ci saranno e che in ogni caso vanno censurate, ma ipotizzare che si spenda più di quanto si guadagna è impensabile. Quello che sosteniamo è facilmente riscontrabile dalla lettura delle fatture di acquisto della merce”.

Buccheri è certo, avendo sentito gli umori di tanti altri titolari di laboratori oltre ai 23 suoi consorziati, che tantissimi non intendono applicare la circolare dell’assessorato. Significa che non faranno i test. Potrebbe essere un problema molto serio visto che gli esami sierologici sono decisivi nella Fase 2.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

5 Commenti Condividi

Commenti

    In compenso i manager nominati dalla politica sono ben pagati.

    Si impone un prezzo alle attività private da quando esse hanno iniziato a specularci sopra. Vedi mascherine!

    Si desidera evidenziare che peraltro la foto presente nell’articolo riporta un tipo di test Covid-19 che evidenzia soltanto la presenza attuale dell’infezione, senza indicare se il paziente in questione è già stato oggetto di precedente contagio (Igg).

    E vabbe, lo abbiamo capito che volete il solito contributo della regione… Tra l’altro, che privato sarebbe se non fosse incentivato dal pubblico…..

    Devono speculare su tutto….mascherine..amuchina…prodotti dei supermercati…adesso i test…… sciacalli ovunque. VERGOGNATEVI!!!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *