Trattativa, arrestati i killer di Gino Ilardo |Il confidente che poteva incastrare Provenzano - Live Sicilia

Trattativa, arrestati i killer di Gino Ilardo |Il confidente che poteva incastrare Provenzano

Luce dopo 17 anni nel delitto di Gino Ilardo, cugino di Giuseppe "Piddu" Madonia. Uno dei vertici della famiglia di Caltanissetta fu ucciso proprio pochi giorni dopo che aveva deciso di collaborare con la magistratura. La direzione distrettuale antimafia di Catania ha identificato i presunti mandanti e sicari. LA RIVOLUZIONE DI SALVI 

UCCISO NEL 1996
di
1 Commenti Condividi

CATANIA – La figura di Luigi Ilardo, ucciso in Via Quintino Sella a Catania il 10 maggio 1996, è una delle figure di spicco della mafia catanese tornato in questi mesi sotto i riflettori per il processo sulla “trattativa” che si celebra a Palermo. 17 anni dopo la sua morte arriva una svolta decisiva: la Direzione Distrettuale Antimafia di Catania ha identificato i presunti mandanti e killer di quello che fino ad oggi è stato definito uno dei delitti eccellenti rimasti irrisolti. La Squadra Mobile sta eseguendo un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di Giuseppe Madonia, conosciuto come “Piddu”, Maurizio Zuccaro e Orazio Benedetto Cocimano.

Ilardo, come è emerso nel corso del processo Mori – Obinu, era stato confidente del Colonello Riccio dei Ros e pochi giorni prima di essere ammazzato davanti alla sua porta di casa aveva espresso la volontà dI diventare collaboratore di giustizia.  Sul caso la Dda di Catania svolse delle indagini che portarono a un vicolo cieco tanto che il fascicolo fu archiviato. Grazie a dei nuovi elementi probatori acquisiti dalla procura nei mesi scorsi, a cui si sono aggiunte le dichiarazioni di diversi collaboratori di giustizia, si è arrivati alla richiesta di custodia cautelare per i soggetti ritenuti gli autori e i mandanti del delitto di Gino Ilardo, cugino proprio del suo presunto mandante, il boss Piddu Madonia.

 


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

1 Commenti Condividi

Commenti

    Forza magistrati!!
    Passo dopo passo forse si farà giustizia.
    In galera i protagonisti della trattativa!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *