Un morto al Cpr di Caltanissetta |La polizia: cause naturali - Live Sicilia

Un morto al Cpr di Caltanissetta |La polizia: cause naturali

Rivolta nel centro, interviene l'esercito

Pian del Lago
di
2 Commenti Condividi

CALTANISSETTA – Rivolta da parte di alcuni migranti trattenuti presso il centro per stranieri di Pian del lago a Caltanissetta, in seguito alla morte di un tunisino di 34 anni deceduto oggi per cause naturali. A certificare il decesso, il medico legale, intervenuto nel primo pomeriggio di oggi all’interno della struttura. Il magistrato di turno presso la Procura ha disposto l’autopsia, che sarà eseguita nelle prossime ore. L’uomo era stato colpito da due provvedimenti, di espulsione e di trattenimento, emessi rispettivamente dal Prefetto e dal Questore di un’altra provincia. Ieri era andato a letto regolarmente; stamattina e stato trovato morto da personale della cooperativa che gestisce la struttura. In seguito a questo episodio i migranti trattenuti presso il Centro hanno inscenato una protesta, tentando di appiccare il fuoco ad alcuni materassi. Le fiamme, domate dai vigili del fuoco, non hanno arrecato danni. La situazione è ritornata alla calma dopo l’intervento delle forze di polizia e dei militari dell’esercito in servizio di vigilanza. Attualmente si sta cercando di assicurare l’agibilità dei padiglioni interessati dall’incendio.

(ANSA).


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

2 Commenti Condividi

Commenti

    Oltre l’esercito con i carri armati la prossima volta fate intervenire pure le forze speciali, la marina e l’aeronautica militare. Quando si tratta di Immigrati le esagerazioni sono diventate la norma malgrado non ci sia più il sig. Salvini ed, ancora per poco, i suoi due decreti sicurezza che stanno per essere aboliti dal parlamento.

    Quindi è normale appiccare il fuoco nelle strutture e aggredire le Forze dell’Ordine. Cosa si sarebbe dovuto fare….dargli un premio magari??
    Ma la smetta gentilmente e rispetti l’operato delle Forze dell’Ordine.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *