Vaccino, strani sintomi e morte: 'Giustizia per mia moglie' - Live Sicilia

Vaccino, strani sintomi e morte: ‘Giustizia per mia moglie’

“Mi disse che era stanca e non ce la faceva più, tutto è iniziato dopo la seconda dose di vaccino".
5 Commenti Condividi

MARSALA – Troppo presto per dire se esista un nesso di causalità. Il vaccino, quegli strani sintomi, poi il decesso di Cristina a 72 anni. Adesso il marito Alfredo Anania, noto psichiatra di 76 anni e il figlio chiedono giustizia.

Le ultime parole

“Mi disse che era stanca e non ce la faceva più, tutto è iniziato dopo la seconda dose di vaccino, mia moglie nessuno me la restituirà”. Non si rassegna Alfredo Anania, lo fa per la moglie e per quel legame maturato dopo 49 anni di matrimonio.

“Aveva 72 anni e scelto di vaccinarsi perché era impaurita del covid. – racconta lo psichiatra a LiveSicilia – il 23 luglio aveva fatto la prima dose, senza alcuna reazione”.

La seconda dose

Il 25 agosto la signora riceve la seconda dose di vaccino. Dopo due giorni le appare una tumefazione sul viso, perde l’appetito. Non ha la forza di camminare. Il 31 agosto non riesce a salire le scale. E ancora, il marito raccoglie tutto in un fascicolo. Il 2 settembre compaiono “petecchie” agli arti inferiori e superiori, “erano delle chiazze bluastre di sangue fuoriuscito, come se fosse caduta. Contemporaneamente – ricorda ancora il medico – la tumefazione alla mandibola aumenta di volume e compare su entrambi i lati”.

Prelievo d’urgenza

Scatta il prelievo di sangue d’urgenza, ma si coagula subito. Alfredo Anania vive giornate d’inferno: “Il 4 settembre si aggravano le petecchie e le tumefazioni, sospetto subito la carenza di emoglobina e andiamo in ospedale. I medici accertano che mia moglie ha una crisi blastica con 300mila globuli bianchi e valori bassissimi di emoglobina, con un pericolo tremendo di emorragia. Era come se fosse stata esposta a radiazioni”.

Il trasferimento e le ultime ore

La signora viene trasferita al Cervello di Palermo, nonostante la trasfusione i globuli bianchi sono 260mila.

“Lunedì sei settembre parliamo più volte al telefono, Cristina mi dice che non riesce ad alzare una gamba. Inizia l’emorragia cerebrale”.

Alfredo Anania ha la voce rotta dal pianto: “Grazie ai medici, riusciamo a vedere mia moglie, siamo bardati ma riusciamo ad accarezzarla”. Poi le ultime parole: <<Alfredo, sono stanca, non ce la faccio più>>.

“Chiediamo giustizia”

“Mio figlio ha presentato una denuncia, chiede giustizia, io sono rassegnato al fatto che nessuno me la restituirà, ma vorremmo sapere veramente cosa è successo e cosa può succedere con i vaccini.

Poi è morta, l’abbiamo potuta accarezzare. Mi aveva detto, alfredo, sono stanca, non ce la faccio più

Mia moglie non può essere riportata in vita. Adesso chiediamo giustizia, mio figlio ha presentato una denuncia. Io – conclude lo psichiatra – mi sono vaccinato con la prima dose, non so se fare la seconda”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

5 Commenti Condividi

Commenti

    Nessuna correlazione!!!!!!

    Finalmente si dà una voce a queste vittime
    Anche io ho avuto qualche effetto collaterale che ho segnalato all’AIFA senza avere risposta…come tanti. C’è da pensare che alcuni casi vengano a galla, i più gravi o letali, grazie alla posizione o all’ostinazioe dei parenti…

    Spiace naturalmente per la Signora che ha avuto una terribile malattia come la leucemia, ma accusare il vaccino di averla peggiorata o addirittura provicata non ha basi scientifiche, come ribadito dall’Istituto Superiore di Sanità.

    Per altri vaccini – è stato sostenuto in passato (con qualche supporto di giudici poco attenti al parere della comunità scientifica e sentenze molto discusse) che dei conservanti come il mercurio  presenti nei vaccini potessero provocare, dopo anni,  malattie ematologiche. Ma qui parliamo di vaccini senza queste sostanze, non presenti più nei vaccini da molti anni  e per di più con sintomii insorti dopo pochi giorni.

    Piuttosto il vaccino  può avere un’efficacia minore in pazienti con patologie tumorali per l’alterazione del sistema immunitario, pur rimanendo comunque una delle armi per proteggerli.

    Colpisce anche che il marito accusatore, medico, abbia fatto, in questo momento, solo la prima dose, quando la maggior parte dei suoi colleghi è pronta per la terza. Ma avrà avuto la sue ragioni.

    A Lei chi lo ha detto che la Signora soffriva di leucemia, scusi tanto? Nell’articolo ne avrebbero parlato

    Tralasciando i commenti di chi spara sentenze senza sapere nulla ( ormai è lo sport nazionale) invito la gentile redazione – e il redattore – a mettersi in contatto con me .
    Aspettiamo ancora le disposizioni del magistrato riguardo le indagini e gli esami chiesti… ed è ora che vengano fatte, dato che il tempo sta passando.
    Non possiamo tutti quanti non pretendere l’accertamento della verità dei fatti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.