"Vende cuccioli illecitamente" | Blitz in pieno centro - Live Sicilia

“Vende cuccioli illecitamente” | Blitz in pieno centro

Dpo diverse denunce delle associazioni animaliste, i carabinieri hanno avviato gli accertamenti su un uomo che raccoglie offerte e cerca adozioni per alcuni cani. "Non fa capo ad alcun rifugio e li maltratta", dicono gli animalisti. I cuccioli saranno affidati al Comune.

IN VIA RUGGERO SETTIMO
di
31 Commenti Condividi

PALERMO – E’ stato segnalato diverse volte dalle associazioni animaliste, ieri pomeriggio il blitz in via Ruggero Settimo. La polizia municipale e i carabinieri hanno bloccato l’uomo che, ormai da anni, si aggira per il centro città e non solo, insieme a cani in cerca di adozione. “Ha sempre detto di avere un rifugio per gli animali, ma non risulta – spiegano le associazioni – abbiamo effettuato diverse ricerche, ma non esiste alcuna area destinata a rifugio che sia a lui ricollegabile. Anni fa diceva di abitare in via Roma a Palermo, poi a Carini. In realtà non sappiamo dove vivono questi cani la notte, come vengono trattati e da dove provengono”.

E, in effetti, l’attività “del ragazzo col codino”, conosciuto da tutti in città per il suo appello “Aiutateci ad aiutarli”, non sarebbe per nulla chiara. “In passato – spiega l’avvocato Viola Cecilia – il ragazzo è stato raggiunto da diversi provvedimenti, è stato fermato altre volte, ma continua imperterrito in questa attività dietro al quale ci potrebbero essere diversi illeciti. Dall’accattonaggio con animali, fino ad una vendita dei cani non regolamentata perché priva di qualunque registro che la certifichi. Lui dice di regalarli, ma in realtà si fa pagare, senza alcuna autorizzazione”.

Ma non finisce qui, perché secondo quanto rilevato dali animalisti presenti in via Ruggero Settimo ieri, alcuni dei cani in quel momento in possesso dell’uomo sarebbero ammalati. Un esemplare nero, in particolare, sarebbe stato affetto da una pesante dermatite, ma saranno gli esami ad accertare le loro reali condizioni di salute. “Si trattano così gli animali? – Dice un giovane volontario – questo non è amare i cani, ma maltrattarli. E, se consideriamo che in estate va pure nelle spiagge insieme a cuccioli di pochi mesi per chiedere le offerte, trascinandoli sulla sabbia, la situazione può essere considerata gravissima”.

L’uomo è stato condotto dai carabinieri del nucleo  operativo Radiomobile presso la caserma, dove sono partiti primi accertamenti e la verifica delle sue responsabilità. I cani trovati in suo possesso sotto i portici, sono stati al momento affidati alle associazioni animaliste che inoltreranno una comunicazione al canile municipale. a cui saranno consegnati.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

31 Commenti Condividi

Commenti

    questo individuo sn anni che gira e rigira.quale amore per gli animalia me sembra che faccia accattonaggio con i cani facendo impietosire il prossimo.cmq la notizia in se e’ poco utile ai fini della cronaca.chi ha passeggiato qualche volta in centro lo ha di certo notato.pure le forze dell ordine…quindi !cmq questo atteggiamento di “METTI TEMPO E CAMPERAI”da parte delle istituzioni e’ davvero triste.palermo ormai e’ in balia di ogni stranezza.posteggiatori,lavavetri,lavafari,accendini ,accattoni ecc ecc. ma sopra roma fermandovi ad un semaforo siete mai stati assaliti da tutti questi venditori che abbiamo a palermo? bhe io no.e nn capisco perche tutta questa gente perloppiu clandestina non venga presa e rimpatriata.non sono razzista ,ma queste figure ai semafori ed in giro non servono ne a palermo,ne ai palermitani ne ai turisti (semmai c’e ne sono ancora).poi qualche politicante armato di dialettica esclama palermo citta ‘ europea…….a me viene da dire palermo e’ alla frutta !

    Questo qui nond eve più avere canuzzi tra le mani!

    Era ora…….diceva che li regalava invece ci lucrava. Poveretti, che qualcuno se ne occupi con passione e dedizione.

    Solo a Palermo poteva essere consentito che uno tenesse animali (molti) in pieno centro, liberi di scorazzare ed abbaiare e di defecare senza ritegno tra la gente e senza controllo alcuno. Probabilmente i poliziotti municipali non lo hanno notato, nonostante avesse eletto il marciapiede piu frequentato di Palermo a sua sede di vendita, perché sono convinto che, in tal caso, lo avrebbero fermato già tempo fa.

    Finalmente!Con la speranza che non ricominci nuovamente, come ha sempre fatto!

    Come dici tu, non per essere razzisti ma stamani Malta ha rifiutato lo sbarco di 102 profughi invece le nostre autorità ne hanno autorizzato lo sbarco sul nostro territorio.

    ma smettiamola va… li vendeva, allora? se qualcuno li comprava meglio! mi hanno sempre detto che i cani meglio comprarli che averli in regalo almeno siamo sicuri che li trattano bene.
    Evitiamo di fare i moralisti, i cani nelle spiagge non possono stare è vietato, quindi qst qua… non poteva portarseli dietro.
    Amo gli animli ma ancor di più gli esseri umani!

    @tizia
    Sei una cittadina incredibile:li vendeva? Bene e faceva lo scontrino? Li vaccinava? Li accudiva come un rivenditore con un negozio e controlli? Era in possesso dei documenti necessari a dimostrare la provenienza? E quando lo infastidivano, secondo te, li prendeva a calci o no?
    Evviva la legalitá e chi rispetta le regole.

    Comprare un cane sarebbe garanzia di un buon trattamento?? Moralisti??? di cosa blateri?? Trattare con rispetto tutti gli esseri viventi è garanzia di civiltà non significa fare i moralisti. Informati: Gli animali da compagnia da quest’estate potranno accedere a spiagge, bar, musei e tutti i luoghi pubblici e aperti al pubblico senza problemi, a patto che i loro proprietari rispettino determinate regole. Io amo gli esseri umani e gli animali purchè rispettino le fondamentali norme di educazione e rispetto!

    Dany è per questo che sono fiero di essere italiano e non maltese

    “mi si arricciano le carni” sai benissimo che tutti questi clandestini sono in larghissima parte sotto il controllo delle mafie…quindi semmai comincia a prendertela con i tuoi compaesani delinquenti che danno “lavoro” a questi poveri disgraziati

    e ma la prendo pure con gli stolti che gli davano soldi…è normale che il tizio in questione non smetteva di “prendersi cura” dei poveri cagnolini, chissà quanta elemosina raccattava a fine serata

    Francamente penso che per i cani forse era meglio passeggiare per le vie della città con il ragazzo col codino, piuttosto che finire reclusi in una gabbia con chissà quanti altri animali sofferenti e stressati al canile municipale.
    Chiusi in gabbia a vita, a piangere e disperarsi se nessuno li adotta.
    Dalle mie parti in campagna c’è un pastore di pecore che tiene 4 cani tipo maremmano bianco con il gregge.
    Non sono curati e sono stressati dai parassiti.
    Più volte ho pensato di fare una segnalazione…ma per ottenere quale risultato?
    Segregarli a vita in una gabbia di uno squallido canile?
    Ho letto che nei canili i cani hanno una vita triste e breve, circa 5 anni…..non è certo una razione di crocchette industriali e assetanti chiusi in gabbia che lia aiuta….per loro forse è meglio vivere e morire liberi!

    Francamente sono certa che non conosci affatto il truffatore col codino.
    Ha inventato un business degno solo di Palermo, che ingannava solo bambini e adulti creduloni.
    In via Libertá, davanti ad un supermercato, aveva organizzato una sdraio, ombrellone e cartelloni pubblicitari. Era sicuramente bummiáto e dei cani se ne frega: sono un introito esentasse. Ne ha venduto uno davanti a me per 40€!!!

    Oggi era di nuovo al Politeama

    Più frequento gli uomini e più amo il mio cane. Che non c’è più e mi manca tantissimo.

    Cara Ahia capisco quello che hai visto, perchè vivo a palermo ed ho visto più volte il tizio in questione con i cani ma vorrei che d’ora in poi qualcuno mi documentasse sullo stato di vita di questi cani e sul loro reale destino.
    Non basta preoccuparsene soltanto qualche giorno e poi rinchiuderli in gabbia per sempre, i canili sono degli orrendi lager.

    Mi ricordo una scena dal sapore “dolceamaro”; qualche anno fa questo ragazzo con il codino aveva avvicinato Vittorio Sgarbi a Palermo per una conferenza alla Galleria d’Arte Moderna chiedendo solidarietà per i suoi cuccioli. Il buon Sgarbi, che nulla sapeva e nulla peteva immaginarsi dei loschi traffici del ragazzo col codino, preso dall’onda emotiva trasmessa da que cuccioli s’impegno a trovare loro un rifugio a Salemi e dintorni (allora Sgarbi lì era il sindaco). Poi non so che sviluppi ebbe la vicenda. Ma penso che la cosa finì lì.
    Personalmete ho sempre pensato che questo tizio dei cani fosse un tipo poco raccomandabile e che dei suoi cuccioli volesse farne solo un mero business. Ma è solo il mio pensiero e spero di sbagliarmi

    Qualche mese fa ho chiamato il 113 per segnalarlo (era sotto i portici di via Ruggero Settimo). Dopo 10 minuti è arrivata una volante, gli agenti non sono nemmeno scesi dall’auto, l’hanno chiamato, lui s’è avvicinato, hanno parlato per un po’, poi sono andati via e lui ha continuato come prima… anzi più forte di prima a gridare “aiutateCI ad aiutarli”!!! 🙁

    “i cani nelle spiagge non possono stare è vietato, quindi qst qua… non poteva portarseli dietro.”
    AHAHAHAAH bella questa!!! ……ma dove, a Palermo???? AHAHAHAAH AHAHAHAAH AHAHAHAAH AHAHAHAAH
    🙁

    ma prima di parlare siete mai stai nelle altre città, anche europee? Vi sembra che sia tutto perfetto lì? Viaggiate e vivete le città straniere prima di parlare.
    – Londra: borseggiato sul bus (quelli belli, caratteristici a due piani sai?)
    – Parigi.1: in coda sotto la tour Eiffel, venditori irregolari di cianfrusaglie varie che ti tartassano tutto il tempo;
    – Parigi.2 (altro viaggio): tentativo di scippo a mia moglie sul quay d’Orsay;
    – Budapest: taglieggiato dai controllori della metro;
    – Milano: fermato in pieno giorno a parco Sempione per propormi coca, eroina, hashish e, se volevo, anche una “donna di facili costumi”.
    Potrei continuare ma mi fermo qui…

    era ora finalmente

    comunque , nn è cambiato niente, è nuovamente al suo posto, andateci e ve ne renderete conto.

    STAMATTINA ERA DI NUOVO IN VIA RUGGERO SETTIMO!!!
    ASSURDOOOO

    potresti occupartene tu ad esempio…

    le associazioni di animalisti con tanto di struttura e organizzazione, potrebbero risolvere il problema alla fonte, prendono in custodia il tipo, anche con un minimo di gettone di presenza, che ne so 500 euro, e gli fanno fare lo stesso mestiere… In fin dei conti, è un disgraziato che non ha altro modo, non ti minaccia, lo maltrattano e non se ne prende, ha sicuramente problemi.
    Siamo tutti a puntare il dito, ma vi chiedo: “Esiste a Palermo assistenza vera per nullatenenti, per gente con problemi di droga e altro?” Tutti a dire poveri animali (che come ha detto qualcuno sopra, meglio nelle mani di uno che per commercio li nutre e li tiene con se, con la possibilità di essere adottati e trovare migliore sistemazione, che in nell’unico canile municipale sempre in crisi e dove i poveri cani sono in gabbia fino alla morte). Il municipio da i fondi al canile, invece di pagare lo stipendio ad un gesip qualunque figlio del mafiosello o del politico di turno, lo inserisca e lo tenga sotto osservazione.
    La regione, invece di pagare il pip mafioso in galera, appronti un programma per il recupero di persone come lui.

    facci riri na missa.

    @Vabbé Secondo me siete fuori dal mondo. Io che amo gli animali non chiedo se è stato controllato, se ha documenti, di che provenienza è, lo prendo e vado a fare tutto …. lo scontrino? magari anche i due anni di garanzia! @Marco ma tu a mare dove vai? o Rumagnuolu forse, nei lidi privati e nelle aree attrezzate non potevi entrarli, fino all’anno scorso.

    Evviva l’anarchia. Comunque si: é bummiatissimo ed equivoco, davvero strano…

    Intanto ieri l’ho visto nuovamente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *