Vetrine sfondate al ristorante| Giunta: "Lo Stato ci abbandona" - Live Sicilia

Vetrine sfondate al ristorante| Giunta: “Lo Stato ci abbandona”

I danni al ristorante 'Castello a mare'

Nel mirino il locale del noto chef. "La serenità è solo un'utopia"

PALERMO
di
8 Commenti Condividi

PALERMO – “Mi mancavano atti come questo da tempo. La serenità è solo un’utopia, lo Stato è assente e abbandona gli imprenditori”. Sono le amare parole dello chef Natale Giunta dopo l’ennesimo attacco ad una delle sue attività. A finire nel mirino, stavolta, il ristorante ‘Castello a mare’ che si trova a pochi metri dal porticciolo della Cala a Palermo: le vetrate del locale sono state sfondate e ridotte in frantumi, probabilmente nella notte dopo la chiusura.

L’allarme è stato lanciato da un dipendente dello chef. Giunta in questi giorni si trova a Roma per le registrazioni del programma la ‘Prova del cuoco’ che va in onda su Rai uno ed è stato informato di quanto accaduto telefonicamente. “Stanotte il locale è stato chiuso alle 2 – spiega Giunta – e tutto era a posto, quindi è sicuramente successo dopo. Io mi trovo a Roma, in seguito all’emergenza sanitaria è il primo viaggio dopo tre mesi e sinceramente non mi aspettavo una notizia del genere”.

Un nuovo episodio preoccupante nei confronti dello chef originario di Termini Imerese che nel 2012 fece arrestare i suoi estorsori e che negli ultimi anni ha denunciato più volte intimidazioni e danneggiamenti, ribadendo di sentirsi ancora in pericolo. Lo scorso ottobre, dopo un lungo e complesso iter, il Tar del Lazio con decreto immediato ha sospeso, per la seconda volta, l’efficacia del provvedimento restituendogli nuovamente la scorta. Nel maggio 2018, infatti, la Prefettura di Palermo aveva comunicato allo chef la revoca della misura di protezione della tutela con due uomini, su autovettura non protetta; Giunta ne beneficiava dal gennaio 2013.

L’avvocato Maria Geraci, presentò ricorso contro il provvedimento di revoca assunto dall’Ufficio centrale interforze per la sicurezza personale (Ucis) a fine maggio. A marzo del 2019 il Tar ha poi annullato il provvedimento restituendo la scorta. A luglio del 2019 l’Ucis ha comunicato nuovamente la revoca della scorta ritenendo che non ci fossero i presupposti reali di un pericolo concreto e attuale. Poi la nuova decisione del Tar. Sul danneggiamento al ristorante sono in corso le indagini, al vaglio ci sono le immagini delle telecamere da cui potrebbero emergere elementi utili per risalire ai responsabili.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

8 Commenti Condividi

Commenti

    Giunta , lo Stato non ti abbandona MA TI SEGUE SEMPRE PER FARTI PAGARE LE TASSE

    Lo scrivo da anni a Palermo ci vorrebbe un sistema di video sorveglianza

    Dai che ce la puoi fare: sei un Termitano doc!!

    Puoi mettere tutte le telecamere di questo mondo, ma se le pene comminate per questo genere di reati ammontano a pochi giorni da passare ai domiciliari nella propria abitazione non esiete un deterrente efficace. Più che telecamere occorre una riforma della giustizia.

    ***MA TI SEGUE SEMPRE PER FARTI PAGARE LE TASSE***
    io avrei scritto “PERSEGUE”

    Franco perdonami ma mio zio è avvocato e mi ha spiegato che in generale un conto sono i provvedimenti tipo gli arresti domiciliari,e obbligo di firma(che sono se ho capito bene momentanei)e un’altra cosa è subire il processo per qualunque reato se le forze dell’ordine scoprono il reato,nel senso può essere che un qualunque delinquente subisce un provvedimento tipo obbligo di firma o domiciliari,ma il processo poi si farà se viene scoperto dalle forze dell’ordine,cordiali saluti

    Società Civile il processo poi si farà………….ma molto poi…….con esito tutto da vedere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *