Frana il viadotto per Pietraperzia| Il ministero: cedimento strutturale - Live Sicilia

Frana il viadotto per Pietraperzia| Il ministero: cedimento strutturale

Foto Google Street View

I tecnici dell'Anas sulla Statale 640, l'azienda: "Abbassamento di un pilone"

Il maltempo
di
6 Commenti Condividi

PALERMO – Proseguono le verifiche tecniche del personale Anas sul viadotto “Villano I” della strada statale 640 a Pietraperzia, tra il km 8,800 (innesto con SS 626) e il km 15,400, chiuso da ieri in via precauzionale a causa di un abbassamento del piano viabile. Da una prima indagine i tecnici hanno verificato la presenza di una frana di grosse dimensioni a monte del viadotto che ha interessato l’opera causando l’abbassamento di una pila. Già dalle prossime ore verranno avviate analisi approfondite sui rilievi del versante per consentire una verifica più accurata sullo stato dello struttura e pianificare gli interventi di ripristino dell’opera.

(ANSA)

*Aggiornamento
“In merito al cedimento strutturale da cui consegue l’interruzione della circolazione sulla strada statale 640 di Pietraperzia, in Sicilia, il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli, stamattina ha avuto un colloquio telefonico diretto con il sindaco del comune dell’ennese, Antonio Bevilacqua, e con i tecnici Anas presenti in sopralluogo. Il Ministro sta seguendo da vicino l’iter di ripristino dell’importante arteria”. Lo dice una nota del Mit. “Si tratta di una infrastruttura importantissima per la Sicilia centrale. Lavoreremo alacremente a tutti i livelli di governo per una rapida rimessa in esercizio dell’asse viario. – spiega -. Sono sicuro che su questo fronte non mancherà il fondamentale apporto della Regione”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

6 Commenti Condividi

Commenti

    Uhm….prevedo la costruzione di un’altra bretella a carico del M5S regionale.

    Voglio proprio vedere cosa farà Tonelli,ancora a Genova aspettano dopo la caduta del ponte

    Io penso che anche in questo caso si devono fare delle ricerche storiche,
    Chi ha costruito quella strada?
    Chi era l’ingegnere?
    Poi fare delle prove sul cemento armato della struttura.
    Poi analizzare la relazione idrogeologica dell’epoca purché.
    Quel tronco stradale in passato se non ricordo male è stato oggetto di un evento analogo all’ora forse sprofonda di qualche metro
    Ora io dico conviene spendere soldi li o conviene spendere gli stessi soldi per un’alternativa alla stessa.

    E’ impegnato al momento con i cantieri del Terzo Valico genovese e del mega-tunnel ferroviario del Brennero….

    Colpa di benetton !!! affidiamo tutto allo stato ! ah, è già dello stato ? non lo sapevo, scusate….

    A Genova in poche settimane hanno costruito una rampa che collega l’uscita autostradale con la via guido rossa, a bologna in 50 gg. hanno ricostruito il ponte autostradale crollato, in sicilia 3 anni sono passati e 100 di viadotto autostradale nei pressi di scillato ancora non c’è traccia come l’annoso restringimento tra resuttano e ponte cinque archi della A19, il viadotto petrusa per favara è da anni una chimera come l’ultimazione della ss 640 e della PA-AG insomma, i cittadini siciliani non contano una beata e basta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *