"6 mila euro al mese |per un immobile fatiscente" - Live Sicilia

“6 mila euro al mese |per un immobile fatiscente”

Il Comune ha affittato un immobile in via Manzoni. Il consigliere del Pd: "Ritengo che gli atti vadano trasmessi alla Procura regionale della Corte dei Conti". L'assessore Girlando: "Si tratta di un rinnovo di contratto - afferma - a un prezzo più basso". E annuncia che, a breve, verrà reso noto l'elenco di tutte le ricontrattazioni e del risparmio conseguente.

La denuncia di notarbartolo
di
4 Commenti Condividi

CATANIA – “Rendere efficiente la carente gestione del patrimonio immobiliare comunale ed evitare che si spendano ingenti risorse per affittare da privati sedi inadeguate e a canoni fuori mercato”. A chiederlo con una articolata interpellanza indirizzata alla Giunta Bianco è il consigliere comunale del Partito Democratico Niccolò Notarbartolo. L’esponente dei Democratici a Palazzo degli Elefanti ha chiesto chiarimenti in particolare sull’affitto, avvenuto il 12 dicembre 2014, di un immobile di 300 metri quadri circa in via Manzoni che “sarà destinato in parte a sede degli uffici della Direzione Risorse Umane – Politiche Giovanili mentre la restante parte verrà concessa al CNR in comodato gratuito e sarà destinata a sede del progetto nel settore delle Smart Cities and Communities” spiega Notarbartolo.

“Il canone di locazione complessivo concordato con la società privata proprietaria dell’immobile è di 480.000 euro in sei anni – prosegue il presidente della Commissione consiliare Lavori pubblici – L’importo annuale è di 80.000 euro, quello mensile di 6.666,66 euro e il Comune si farà carico inoltre delle spese di registrazione del contratto pari a 1.200 euro”. Un immobile però dalle condizioni decisamente fatiscenti come ben sanno anche gli impiegati comunali che vi lavorano: “Tra l’altro, il progetto del CNR a cui è destinata una stanza attualmente inutilizzabile, dovrebbe concludersi il 15 aprile 2015 mentre il contratto di locazione scadrà il 31 dicembre 2020 – sottolinea ancora Notarbartolo – Pare inoltre che l’Amministrazione avesse stabilito che gli uffici delle Politiche Giovani avrebbero dovuto essere trasferiti in altri locali comunali, salvo poi preferire gli uffici dell’immobile di via Manzoni”. Un immobile dai prezzi fuori mercato, contesta Notarbartolo: “Basta effettuare semplici indagini sulle riviste specializzate o sul web per notare che sul mercato immobiliare sono presenti offerte di immobili di dimensioni simili e condizioni migliori a prezzi più convenienti. Per questa ragione ritengo doveroso che vengano inoltrati tutti gli atti alla Procura regionale della Corte dei Conti”. “Si tratta a mio avviso di un cattivo utilizzo del denaro pubblico – prosegue Notarbartolo – Mentre in tante altre grandi città italiane, da Torino a Milano, si sperimentano modelli innovativi di gestione del patrimonio comunale, l’immobilismo dell’Amministrazione cittadina etnea in questa materia sta conducendo ad un crescente degrado del patrimonio immobiliare ed al suo conseguente depauperamento”.

La stanza destinata al CNR

La denuncia del consigliere del PD si riferisce a diverse strutture su cui di recente la commissione Lavori pubblici ha effettuato sopralluoghi e richieste d’intervento per riconvertirne l’utilizzo: “Immobili comunali vengono sistematicamente abbandonati all’incuria ed alla vandalizzazione che ne rende impossibile l’uso – sottolinea Notarbartolo – Questa è la sorte degli ex plessi scolastici Capponi Malerba a Picanello, Vitaliano Brancati a Librino, Padre Santo Di Guardo a San Giovanni Galermo, Livio Tempesta a San Cristoforo, del vecchio mercato ortofrutticolo a San Giuseppe La Rena, ma ci sono anche luoghi che ad oggi risultano inutilizzati ma disponibili, come le strutture dell’ex Mercato Ittico, del plesso scolastico che ospitava l’Istituto Giovanni XXIII, l’ex cinema Midulla a San Cristoforo”.

“Credo sia inaccettabile la scelta di dare in comodato gratuito una porzione di questo immobile di via Manzoni ad un ente che ha ricevuto un cospicuo finanziamento e che teoricamente dovrebbe utilizzare i locali per poco più di tre mesi e al contempo negare immobili comunali inutilizzati alle tante associazioni impegnate in attività sociali o darli in locazione alle stesse associazioni sottraendo loro importanti risorse per il raggiungimento dei meritevoli scopi perseguiti – conclude Notarbartolo – Si tratta di un gravissimo errore compiuto dal Comune, che avrebbe il dovere di comportarsi almeno da buon padre di famiglia nell’uso del denaro pubblico, a maggior ragione in un momento di estreme difficoltà economiche come quello attuale”.

 

Articoli Correlati


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

4 Commenti Condividi

Commenti

    Al consigliere Notarbartolo che, dal tenore sei suoi interventi di queste settimane sembra essere attento alla questione sprechi, chiederei di attivarsi per capire cosa ne sarà del Palazzo dei Minoriti sede della Provincia e del centro direzionale della stessa Provincia in via Nuovaluce.
    Immagino ad esempio che a Palazzo Minoriti tutti i locali che erano adibiti ad uso dei vari gruppi consiliari saranno liberi a breve, se non già adesso. Non potrebbero essere destinati ad esigenze del Comune di Catania? Ad esempio dall’elenco dei fitti passivi del Comune visibile sul sito, risulta che l’Amministrazione ha preso in affitto alcuni locali prestigiosi nel tratto iniziale di via Etnea proprio per esigenze di commissioni consiliari che potrebbero essere trasferite a Palazzo Minoriti.
    Quanto alla sede di via Nuovaluce ovviamente buona parte dei funzionari continueranno a lavorare lì, ma credo che la fine delle Province comporterà anche la cessazione di qualche funzione e la liberazione di stanze e uffici. Non potrebbe il Comune fare un censimento dei locali che la Provincia libererà e chiederne il possesso e utilizzo?

    Finalmente a quanto pare c’è ancora qualcuno che fa politica in questa città e non si limita allo schiavismo silenzioso o alla indifferenza in attesa di tempi migliori.
    Complimenti al consigliere Notarbartolo che non si spaventa di denunciare le schifezze nascoste agli occhi dei cittadini.
    Naturalmente ora verrà attaccato soprattutto dai suoi “compagni” di partito che lo accuseranno di fare il gioco dell’opposizione; vai avanti così, e che siano loro a vergognarsi per il loro complice silenzio.

    ricordo al Sig Notarbartolo che anche lui fa parte integrante di questa amministrazione e la sostiene al 100%

    W catania

    Concittadino Andrea, quanto dici vale per un paese civile che non sia dilaniato dalla corruzione. A Catania abbiamo cataste di immobili regionali o comunali vuoti ed andiamo a pagare esosi affitti a personaggi che ne hanno fatto un mestiere. Spetta a noi il diritto di protestare e contestare l’attuale Sindaco che continua in tale scempio delle nostre tasse comunali. Spetta alla Corte dei Conti ed alla Magistratura il potere-dovere di intervenire presto, prima del definitivo collasso economico e di quanto consegue.

Leave a Reply

Your email address will not be published.