Vestiti griffati rubati venduti alla fiera di Catania, l'inchiesta - Live Sicilia

Vestiti griffati rubati venduti alla fiera di Catania, l’inchiesta

L'indagine partita da Siracusa.
IL CASO
di
0 Commenti Condividi

CATANIA – Denunciato un ricettatore catanese di 45 anni e la complice di 43 che vendevano abiti griffati alla fiera di Catania. Le indagini sono state avviate a seguito dell’ammanco di grosse forniture di abiti di marca dai magazzini di alcuni punti vendita della provincia di Siracusa. L’analisi delle telecamere ed il pedinamento dei mezzi che trasportavano le merci hanno portato gli investigatori sulla pista catanese.

Gli oltre 400 capi di abbigliamento rubati venivano rivenduti dai due denunciati durante la famosa fiera del mercato storico di Catania. Parte della merce era posta sulla bancarella mentre il grosso della refurtiva era nascosta in un magazzino, apparentemente abbandonato e fatiscente, di proprietà dei due. Alcuni vestiti riportavano ancora il dispositivo anti taccheggio e le etichette originali che costituivano per gli acquirenti l’esca per poter comprare a prezzi stracciati abiti di marche prestigiose.

I denunciati non sono stati in grado di spiegare il possesso dell’ingente quantitativo di prodotti “griffati” venduti in tutta Italia solo dai punti vendita autorizzati. Il valore dei capi d’abbigliamento sequestrati ammonta ad oltre 15.000 euro. Gli abiti saranno restituiti, previa ricostruzione della filiera attraverso le bolle di carico, ai punti vendita che hanno subito i furti.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI
0 Commenti Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.