Alfano: "Non mi ricandido |Contro di me attacchi ingiusti" - Live Sicilia

Alfano: “Non mi ricandido |Contro di me attacchi ingiusti”

L'annuncio a Porta a Porta.

Centristi
di
35 Commenti Condividi

PALERMO –  Clamoroso a Porta a Porta. Angelino Alfano annuncia che non si ricandiderà alle elezioni. Il coup de theatre arriva durante la registrazione del programma di Bruno Vespa e viene subito rilanciato dalle testate nazionali. “Dal 5 di marzo, se si voterà il 4, non sarò né ministro né deputato”, ha detto il ministro degli Esteri. Quasi in contemporanea anche Giuliano Pisapia ha gettato la spugna, annunciando che non si candiderà e che la collaborazione col Pd non è più possibile.

“Io non starò seduto sui banchi del prossimo Parlamento – dice il ministro agrigentino – perché ho scelto di non ricandidarmi alle prossime elezioni e voglio compiere questo gesto perché quello che ho fatto in questi anni è stato dettato da una sincera passione per l’Italia, quando il paese rischiava di andare giù per un precipizio”.

“Farò campagna elettorale – spiega – non lascio la politica, mi riprendo un pezzo della mia vita fuori dal palazzo”.

 Per spiegare la sua scelta, Alfano tira in ballo gli attacchi subiti. “Hanno influito in me anche gli attacchi che io sono convinto siano stati ingiusti. Ho sempre detto che se non ci fossimo stati noi a portare sulle nostre gracili spalle di un partito del 4,4 per cento alle Europee la settima potenza del mondo, questa potenza non avrebbe conosciuto la crescita, invece saremmo ancora in recessione. E tutto sarebbe andato il peggio possibile. Oggi è il momento di dirlo con un gesto e di dirlo con grande chiarezza”.

Da settimane, il partito di Alfano, Alternativa Popolare, rinvia la decisione definitiva sulle prossime Politiche. Un pezzo del partito guarda al centrodestra, a cui sono tornati diversi esponenti siciliani in occasione delle Regionali. Un’altra parte, capitanata da Beatrice Lorenzin e Fabrizio Cicchitto, spinge invece verso l’alleanza con il Pd, con cui il dialogo è avviato da tempo. C’è poi una parte di Ap, che ha il suo riferimento in Maurizio Lupi, che ancora considera l’ipotesi, difficile, di una corsa solitaria. La direzione che dovrà sciogliere il nodo è stata più volte rinviata. I centristi che puntano all’accordo col Pd confluirebbero nella lista dei moderati a cui sta lavorando, in raccordo con i dem, Pierferdinando Casini. Il contenitore metterebbe insieme i Centristi per l’Europa (casiniani, in Sicilia il leader è Gianpiero D’Alia), gli ex Udc di De Mita in Campania, il trenitno Lorenzo Dellai. Manca ancora una leadership definita, si spera di poter coinvolgere il ministro Carlo Calenda, che però al momento non ha dato la sua disponibilità.

 

Articoli Correlati


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

35 Commenti Condividi

Commenti

    Beh, prende atto….

    Sic transit gloria mundi.

    Non si ricandida (se) perché non ha un voto che sia uno, punto.

    Che dispiacere immenso!!!lascia migliaia di elettori senza un riferimento sicuro!!vabbe potrà godersi in pace tutti i soldi che ha guadagnato e ha fatto guadagnare in famiglia.non so se stasera dormirò!

    Secondo me, si ricorda di un certo Fini che ha rimesso le penne e l’immagine per lo stesso modo di operare.

    Il fatto che non abbia voti lo considera un dettaglio???

    Ma cosa devo fare ora?
    Non mangio stasera?
    Ma ha finito i fratelli?

    Finalmente ha capito che non ha i numeri per essere eletto, d’altronde dopo quello che non ha fatto per l’ITALIA, mentre ha fatto solo per la sua famiglia e i suoi intimi parenti e amici, cosa meglio poteva fare? RITIRARSI
    E l’Italia respira.

    sia se si ricandida sia se non si ricandida non se ne accorge nessuno

    Dopo avere rovinato l’Italia insieme al PD non si ricandida. Spero che vada a far parte di quella schiera che deve risarcire gli italiani.

    Ma chi lo vota, the end

    Visto che è così da oggi in poi non mangio più

    Normale

    Mi mangio la gallina con tutte le penne

    Ci assicuri che non avra’ una poltrona a spese degli italiani.

    Bravo Angelino. Non ho mai condiviso le tue idee (sino allo Ius soli e al biotestamento), i tuoi discutibilissimi riferimenti politici (il Cavaliere su tutti), epperò riconosco l’intelligenza di un uomo che non ha ancora compiuto 50 anni e che, dopo aver fatto il ministro degli interni, della giustizia e degli esteri, capisce che ormai ha solo da perdere. In fondo, angelino è un tecnico della politica, non è un politico, non ha carisma. Dunque buona fortuna, uomo fortunato.

    No! Proprio ora che avevo deciso di votarlo …..

    Aveva troppi voti quindi evito di candidarsi ahahhaha

    E va bè ….me ne faró una ragione….

    Non si ricandida perché è cosciente della batosta che prenderebbe! …e non per gli attacchi ingiusti che ha subito! Hanno fallito a livello regionale, figuriamo a livello nazionale, sparirebbero!!! e poi cmq con chi si dovrebbe alleare?????? 1) M5S manco a parlarne 2) centro-destra avrebbe il veto contrario di Salvini (che porta il 12/15% di voti, figuriamo se forza italia rinuncia alla lega per allearsi con Alfano che porta percentuali minime) 3) col centro-sinistra si è potuto alleare in questa legislatura solamente perché è stato eletto col centro-Dx per poi passare al centro-SX, ma un patto pre-elettorale centro-sinistra con Alfano sarebbe assolutamente sgradita all’elettorato di sinistra (e quei pochi voti che farebbe guadagnare sarebbero persi con gli elettori delusi da tale ipotetica alleanza che non andrebbero a votare!) QUINDI LA DOMANDA SAREBBE: SCUSATE MA ALFANO CON CHI POTREBBE FARE COALIZIONE?

    La persona intelligente si alza dal tavolo da gioco mentre vince. La vita come la politica e’ uno chemin de fer. Chi non lo capisce sbatte a muro

    Facendo così mette il suo partito di nuovo nel centro destra, se vi ricordate salvino avevan detto che nn avrebbe mai fatto alleanza con alfano, lui si smarca, mette il partito di nuovo nel centro destra, fa eleggere i suoi, mette insieme renzi e bersani che nn volevano lui neanche nel centro sinistra, e dopo le elezioni visto che ha fatto un piacere a tutti si becca qualche incarico di peso. Il tempo ci darà ragione, alfano che sta fuori nn ci credo, in questo modo rimane protagonista.

    Ma andate a lavorare……

    ma allora ra Castigline, Cimino, Firrarello si candidan cn il Pd?

    Il furbacchione lancia l annuncio per conquistare un po’ di visibilità su porta a porta e sulla stampa poi magari a seguito delle pressanti richieste degli elettori disperati per la sua assenza ci ripenserà nel frattempo valuterà con chi schierarsi e chi possa offrirgli qualche poltrona

    Un brivido percorre il mio corpo. Come faremo noi senza di lui.ma soprattutto come farà l’Italia . Da oggi saremo sempre più un paese in declino. Ah ah ah ah

    Non credo si candidino per evitare una disfatta certa. Non ci può essere futuro per i mercenari della politica che cambiano schieramento o coalizione dalla sera alla mattina inseguendo solo il proprio tornaconto. Alfano è stato maestro in questo e i suoi gregari faranno la stessa fine.

    promesse alla Renzi?

    condivido in pieno….anche perchè candidarsi sarebbe stata una figuraccia con i voti che avrebbe preso.

    dopo la riunione nel grande ascensore di massima capienza 3 persone, decide di non candidarsi, MA il suo partito ci sarà, questo come lui stesso asserisce che non si candita ma non lascia la politica, è un portatore di voti e dunque spera che il suo partito con un PUPO come leader possa superare la soglia del 3% cosi’ da poter essere sottobanco ancora una volta l’ago della bilancia fra destra e sinistra, questo sarà nella volontà degli italiani lasciargli fare questo giochetto a nascondino, oppure togliergli il giocattolo e non fargli superare la soglia al suo partito e disperderlo come merita

    Che ritorni a Sant’Angelo Muxaro

    Sapendo di rimanere fuori ha giocato d’anticipo.

    INGIUSTI ????
    Ma la politica serve a sistemare parenti ?????
    I quali, nonostante il lauto stipendio assegnatogli, si lamentano che gli sembra poco e pretendono ancora di più !!!!!
    E, dulcis in fundo, non si sa in cosa consiste la loro prestazione lavorativa

    Alla fine si ricandiderà dicendo di essere ” CORTEGGIATISSIMO”

    NON SI RICANDIDA …SE NON GLI OFFRONO UN COLLEGIO SICURO

    …alle Poste magari

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.