Allarme ebola per un senegalese | I medici del Policlinico rassicurano - Live Sicilia

Allarme ebola per un senegalese | I medici del Policlinico rassicurano

Il Policlinico di Messina

Per sicurezza i medici hanno inviato gli esami all'ospedale Spallanzani di Roma.

messina
di
1 Commenti Condividi

MESSINA – Un senegalese di 39 anni ospite dello Sprar, la struttura per richiedenti asilo, di Caltanissetta si è presentato stamani all’ospedale Sirina di Taormina (Me) dicendo di temere di avere l’Ebola perchè da qualche ora aveva la febbre alta e una possibile emorragia interna poichè c’era del sangue nelle feci. L’uomo è stato trasferito al Policlinico di Messina dove i medici lo hanno subito ricoverato in isolamento nella clinica di malattie infettive. Da un primo esame i sanitari escludono tuttavia che il paziente possa avere contratto l’Ebola ma per sicurezza hanno inviato gli esami all’ospedale Spallanzani di Roma.

Il paziente ricoverato ieri in un’area protetta del reparto di malattie infettive dell’Azienda Ospedaliera Universitaria “Gaetano Martino” di Messina, per un sospetto caso di ebola, continua ad essere stabile. Dall’osservazione di tutta la notte e della mattinata odierna emerge che l’uomo, senegalese, 39 anni, continua a non avere febbre, è vigile e tutti i parametri vitali sono nella norma. Non è presente sul paziente alcun sintomo della sospetta malattia. Continuano intanto i controlli da parte dell’autorità di pubblica sicurezza al fine di appurare con maggiore precisione possibile le dichiarazioni rilasciate dal paziente al momento dell’accesso in pronto soccorso a Taormina circa un suo dichiarato viaggio in Africa .


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

1 Commenti Condividi

Commenti

    Cosa volete che sia l’Ebola in Sicilia. Con la grande sanità che abbiamo è come curare il mal di mola. Imbarchiamo tutti. Avanti il prossimo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.