Assemblea Inps-Inpdap| Protesta contro legge stabilità - Live Sicilia

Assemblea Inps-Inpdap| Protesta contro legge stabilità

I dipendenti Inps, Inpdap e Inail protestano presso la Prefettura di Palermo contro i tagli e le misure indicate nella legge di stabilità. Una delegazione dell'Unione Sindacale di Base (USB) è già stata ricevuta dal Prefetto per discutere dei motivi della manifestazione.

IN PREFETTURA
di
0 Commenti Condividi

PALERMO – I dipendenti dell’Inps e dell’Inpdap, dicono basta. Dopo l’assemblea generale dei docenti e del personale Ata di tutte le scuole di Palermo, prevista questa mattina, è la volta dei lavoratori dell’Inps-Inpdap e Inail, che si uniscono alla protesta corale contro i tagli e le misure indicate nella legge di stabilità.

Armati di cartelloni e sicuri degli obiettivi per cui lottare, si sono recati in mattinata presso la Prefettura di Palermo dove hanno intenzione di rimanere fin quando le loro richieste non verranno accolte. La legge di stabilità, che prevede circa 4.000 esuberi nell’ambito del pubblico impiego, il blocco dei contratti e il turn-over rappresenta un macigno troppo grosso da digerire per i lavoratori dell’Ente Previdenziale.

In vista del grande presidio nazionale delle lavoratrici e dei lavoratori dei due Istituti davanti al Parlamento, in programma il giorno in cui all’interno di Montecitorio approderà la discussione del disegno di legge di stabilità, i dipendenti dell’Ente siciliano vogliono far sentire con forza e veemenza le loro ragioni. Una delegazione dell’Unione Sindacale di Base (USB) è già stata ricevuta dal Prefetto per discutere dei motivi della manifestazione. Tra le richieste dei lavoratori di Inps-Inpdap e Inail, il rilancio degli Enti mediante l’internalizzazione del patrimonio dei servizi evitando sprechi di denaro pubblico e uno spending review che colpisca effettivamente gli sprechi oltre che un maggior dialogo con le Agenzie delle Entrate per il recupero dell’evasione fiscale.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

0 Commenti Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.