Autovelox e telelaser implacabili | Più di 24 mila multe in sei mesi - Live Sicilia

Autovelox e telelaser implacabili | Più di 24 mila multe in sei mesi

Automobilisti nei guai anche per mancata revisione e assenza della copertura assicurativa.

PALERMO
di
15 Commenti Condividi

PALERMO – In viale Regione Siciliana si corre di più. E specialmente sulla corsia in direzione Catania, all’altezza di via Principe di Paternò. A parlare chiaro sono i dati raccolti dalla polizia municipale sull’eccesso di velocità a Palermo: la circonvallazione resta l’arteria più trafficata e in cui si verifica la maggior parte delle violazioni, in cui autovelox e telelaser hanno rilevato, da gennaio ad oggi, 15803 auto che hanno superato il limite di velocità.

Più di seimila, pari al 39,5 per cento totale, sono state rilevate sulla carreggiata in direzione Catania, tremila e seicento, invece, all’altezza di via Ernesto Basile, ovvero il 22,87 per cento. Ma i numeri aumentano se si considera il totale, in tutto il capoluogo, delle multe elevate tramite gli implacabili autovelox. Nel primo semestre di quest’anno, infatti, sono stati 24.492 gli automobilisti che hanno premuto troppo spesso il piede sull’acceleratore.

“Nella maggior parte dei casi – spiegano dal comando della polizia municipale di via Dogali – l’automobilista viene multato per aver superato i limiti di velocità da oltre 10 chilometri orari fino a 40 chilometri orari, con 18.250 rilevamenti pari al 74,51 per cento del totale e 54.750 punti decurtati dalla patente di guida dei conducenti”. Ma non solo alta velocità. I palermitani alla guida sottoposti a controlli negli ultimi sei mesi, sono anche stati sorpresi senza copertura assicurativa e senza revisione del veicolo.

Gli agenti del nucleo autovelox hanno infatti eseguito più di duemila controlli e rilevato 831 violazioni al codice della strada: 220 sanzioni sono scattate per l’assenza di revisione del veicolo, 212 per irregolarità dei documenti di circolazione, 103 per mancato uso della cintura e 99 per mancanza di copertura assicurativa del mezzo.

Per quasi ottocento conducenti è scattata la sospensione della patente di guida da uno a tre mesi, oltre alla sanzione da 532 euro e la decurtazione di sei punti per avere superato i limiti di oltre quaranta chilometri orari. Duecento conducenti, infine, sono stati multati per avere superato i limiti di oltre 60 chilometri orari: hanno ricevuto la notifica della sospensione della patente di guida da sei a dodici mesi, oltre alla sanzione di 829 euro e la decurtazione di dieci punti dalla patente di guida.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

15 Commenti Condividi

Commenti

    Premesso che bisgno rispettare il codice della strada,deisderavo mettere in risalto che c’è la necessità di educare l’autista al rispetto delle regole che dovrebbe essere dato anche con il buon esempio da chi a parole vuole farle rispettare quindi, se anche loro allacciassero le cinture,non stessero al cellulare (x motivi di servizio qualcuno si giUstifica,togliete le radio dalle auto!) o mettessero i caschi,i falchi,come fanno in tutta Italia(tra l’altro non sarebbe facilmente riconosciuti)potrei comprendere l’elevato numero di multe che serve,come più volte e stato sottolineato in queste pagine,solo a fare cassa senza destinare un solo centesimo alla vera sicurazza della strada come palesemente visibile dai manti stradali,segnaletica e tutto ciò che dovrebbe garantirla.

    OTTIMO. SPERIAMO CHE SI CONTINUI ED INCREMENTI.

    Manca il dato relativo alle multe per l’infrazione più pericolosa: l’uso del cellulare.

    tutto per fare cassa, si ok ci sono le infrazioni ma le multe esose giovano solo a fare soldini

    Quindi sarebbe meglio pensare a multe di 5€????????????
    Pensi un po’, a chi non ha l’assicurazione (e quindi, se ha un incidente, NON paga nessuno) io sequestrerei immediatamente la macchina per 6 mesi e poi, se non paga, gliela confischerei.

    …venerdì scorso erano nascosti in Favorita, senza la prescritta segnaletica per gli autovelox mobili…

    …ai dati più recenti, ed alle relative modifiche al CdS

    Duecento pazzi che vanno ad oltre (non si sa quanto!) 130 kmh dove c’è un limite di 70… Bisognerebbe bloccarli subito e fare i test alcol/droga. Basta piangere vittime innocenti di questi potenziali assassini.

    Io aggiungerei il lasciare l’auto accesa per avere l’aria condizionata nei servizi statici (autovelox/opacimetro a piazza Massimo) ecc.

    @claudio
    Questi autovelox sono i bancomat del Comune!

    Concordo: lo scopo è quello di fare cassa, non di insegnare agli automobilisti a rispettare la legge …

    E dove li mettiamo tutti i motori (no motorini) Honda, Kawasaki, Ducati, Harley Davindson di cilindrata 400/600/1000, ecc. che rombano accelerando fino a 100 km l’ora, in piena zona residenziale, giorno e notte, tra le vie Libertà, Roma, Sciuti, Notarbartolo, Regione Siciliana, ecc.?

    saranno anche bancomat ma ti ricordo ch la via regione siciliana in questione e’ da sempre molto pericolosa e ora vedo che la gente finalmente cammina piano e ci sono decisamente meno incidenti mortali,,,,quindi l autovelox deterrente ha funzionato e ci ha educato ad andare piano,,,punto

    Il problema è che il Comune con la scusa di proteggere gli automobilisti e i pedoni ha riempito la città di postazioni fisse e le postazioni mobili vengono occultati alla vista al solo scopo di fregare l’automobilista e di rimpinguare le disastrate casse dell’Amministrazione ed è dimostrato dal fatto che, così come prevede la Legge, parte di questi introiti non vengono spesi assolutamente per la sicurezza stradale.
    Hanno messo dei limiti di velocità impossibili (vedi la Favorita o via Lanza di Scalea) di 50 Km orari, dove è molto difficile da rispettare perché l’auto senza che te ne accorgi li supera facilmente.
    Ben vengano le misure di sicurezza e limiti di velocità ma rifiuto l’ipocrisia che ciò venga fatto al solo scopo di proteggerci da noi stessi e dalla nostra sconsideratezza

    @Antonio, si ma chi finanzia volontariamente questi bancomat come li chiami tu?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.