La querelle fra i legali | Ciancimino deve pagare - Live Sicilia

La querelle fra i legali | Ciancimino deve pagare

Massimo Ciancimino

La vicenda ruotava su una parcella da duemila euro.

1 Commenti Condividi

PALERMO – Alla fine è Massimo Ciancimino a dovere pagare. I duemila euro incassati dell’avvocato Roberto D’Agostino e anticipati da un altro legale, Francesca Russo, altro non erano che un acconto per la prestazione professionale.

Così è stato deciso dal giudice di pace di Palermo, Rosina Maria Graziano, che ha chiuso la querelle fra i due penalisti che hanno condiviso per anni la difesa di Ciancimino jr, fino a quando Russo non ha deciso di rinunciare al mandato. Sulla base di un accordo sulle parcelle fra Ciancimino e Russo, quest’ultima aveva anticipato a D’Agostino il denaro. Solo che Ciancimino non avrebbe onorato l’accordo spingendo Russo a chiedere al collega la restituzione della somma che, a suo dire, sarebbe stata incassata in maniera illegittima. In sub ordine chiedeva la condanna del suo ex assistito.

Il giudice ha stabilito che D’Agostino era estraneo all’accordo e che i soldi erano stati da lui legittimamente incassati per la sua prestazione professionale. A questo punto per mettere le cose a posto Ciancimino dovrà versare i soldi all’avvocato Russo.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

1 Commenti Condividi

Commenti

    Altra storia impromtata sul Dio denaro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *