Bonus di 200 euro, arriva con la 14esima: a chi spetta - Live Sicilia

Bonus di 200 euro, arriva con la 14esima: date e categorie coinvolte

Presto un assegno più consistente per chi ha diritto alla somma
DECRETO AIUTI
di
1 Commenti Condividi

Sarà un importo più sostanzioso quello che i pensionati riceveranno il primo luglio. Arriverà ai titolari di pensione con un reddito annuo non superiore ai 35 mila euro grazie al bonus da 200 euro previsto dal decreto Aiuti. Destinatario, chi percepisce uno o più trattamenti pensionistici. E anche chi usufruisce dell’assegno sociale e di quello di accompagnamento alla pensione, previsto solitamente per gli “esodi”.

Spetta anche a chi percepisce l’indennità di disoccupazione

Ciò riguarda anche i “prepensionati” e chi a giugno avrà percepito, ma con gli stessi vincoli, l’indennità di disoccupazione, ovvero Naspi e Dis-Coll. In pratica, il bonus sarà accreditato con la cosiddetta 14esima, sempre in pagamento a luglio con lo stesso cedolino, di cui beneficiano proprio i pensionati con un reddito personale annuo inferiore ai 13.659,88 euro.

I tempi per l’erogazione

Ma ecco la tempistica. Per tutti gli aventi diritto vale il tetto di reddito annuale di 35 mila euro. Nel bacino sono compresi anche i lavoratori che entro la fine del prossimo mese risulteranno destinatari di indennità di disoccupazione. E in extremis sono entrati anche i possessori di Reddito di cittadinanza e gli “stagionali”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

1 Commenti Condividi

Commenti

    Mettiamo il caso di un pensionato Inps single che superi di poco i 35,000 euro lordi e che quindi non ne avrà diritto e di una coppia di pensionati che percepiscono ad esempio 34.000 euro a testa (per un totale di 68.000 euro) e che quindi riceveranno un totale di 400 euro. Non sarebbe stato più giusto studiare una forma di progressività del bonus legata al reddito complessivo familiare?…….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.