Cartelle esattoriali, attenzione: ultima data 'saldo e stralcio' - Live Sicilia

Cartelle esattoriali, attenzione: ultima data ‘saldo e stralcio’

Ecco le risposte dell'Agenzia delle entrate, con l'indicazione della data per non perdere i benefici
FISCO
di
1 Commenti Condividi

PALERMO – Cartelle esattoriali, attenzione all’ultima data per non perdere i benefici del pagamento saldo e stralcio. Leggi con attenzione le risposte dell’agenzia delle entrate. Perché è il 6 dicembre (info sotto), passaparola.

LEGGI ANCHE : Super concorso 1.000 esperti PNRR: stipendio 108mila euro LINK

Saldo e stralcio: le prossime scadenze

Per mantenere i benefici del “Saldo e stralcio”, il pagamento delle rate in scadenza nel 2020 e nel 2021 deve avvenire entro il 30 novembre. Scopri di più

Il “Decreto Fiscale” (DL n. 146/2021), pur non modificando le date di scadenza originariamente previste nella “Comunicazione delle somme dovute” del “Saldo e stralcio”, ha fissato al 30 novembre il termine entro il quale effettuare il pagamento delle rate 2020 e 2021.

Scadenza delle rate 2020 non ancora versate

Per i contribuenti in regola con il pagamento delle rate 2019, il mancato, insufficiente o tardivo versamento di quelle in scadenza per l’anno 2020 non determina la perdita dei benefici del “Saldo e stralcio”, se le stesse verranno integralmente corrisposte entro il 30 novembre 2021.

Per il pagamento entro questo nuovo termine sono ammessi i cinque giorni di tolleranza di cui all’articolo 3, comma 14-bis, del DL n. 119 del 2018. Pertanto, il pagamento dovrà essere effettuato entro lunedì 6 dicembre 2021.

Scadenza delle rate 2021

Il termine “ultimo” per pagare le rate  in scadenza nel 2021 è fissato al 30 novembre.

Anche in questo caso, per mantenere i benefici del “Saldo e stralcio”, entro tale termine dovranno essere corrisposte le rate in scadenza il 31 marzo e il 31 luglio 2021.

Per il termine del 30 novembre 2021 sono previsti i cinque giorni di tolleranza di cui all’articolo 3, comma 14-bis, del DL n. 119 del 2018. Il pagamento dovrà, quindi, avvenire entro il 6 dicembre 2021. Come effettuare il pagamento “Stralcio” dei debiti fino a 5 mila euro

Attenzione

Se il pagamento avverrà oltre il termine ultimo previsto o per importi parziali, la misura agevolativa non si perfezionerà e i versamenti effettuati saranno considerati a titolo di acconto sulle somme dovute.
I soggetti decaduti dal “Saldo e stralcio” per mancato, insufficiente o tardivo versamento delle somme scadute nel 2019, che non possono beneficiare del nuovo termine previsto per il pagamento delle rate in scadenza nel 2020, grazie alle novità introdotte dal “Decreto Rilancio” (DL 34/2020), possono comunque richiedere la rateizzazione delle somme ancora dovute ai sensi dell’art. 19 DPR 602/1973.
La medesima possibilità è stata altresì prevista anche per i debiti che erano stati oggetto delle precedenti rottamazioni (prima Rottamazione e Rottamazione-bis) e successivamente decaduti dai benefici delle misure agevolative per mancato pagamento delle rate.

Se vuoi chiedere una “rateizzazione” vai alla sezione dedicata.

Documentazione


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

1 Commenti Condividi

Commenti

    ma non c’è stata un’ulteriore mini-proroga?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.