Il Catania non si ferma più | Anche il Monopoli si arrende - Live Sicilia

Il Catania non si ferma più | Anche il Monopoli si arrende

Gli etnei trovano un nuovo acuto casalingo, il sesto consecutivo in questa stagione.

calcio - lega pro
di
25 Commenti Condividi

CATANIA – Il Catania pigia sull’acceleratore e, sulle ali dell’entusiasmo dopo la vittoria di Cosenza, strapazza il Monopoli infliggendo ai pugliesi un perentorio 4-1 malgrado il terreno pesante per la pioggia. Sin dai primi minuti, la squadra di Rigoli (che ripresenta la medesima formazione vittoriosa in terra calabra con l’unica eccezione di Barisic al posto dell’infortunato Anastasi), assedia gli avversari nella loro metacampo, con piglio deciso e propositivo.

Il risultato si sblocca al 25° minuto grazie a Russotto abile a deviare al volo una perfetta imbeccata di Scoppa. Il Monopoli potrebbe pareggiare un minuto più tardi ma Gatto manda di pochissimo a lato. Poi ci prova Genchi in un paio di circostanze ma la mira del numero 9 ospite non è delle migliori. La gara si ravviva ulteriormente nella fase iniziale della ripresa: i rossazzurri arrotondano il punteggio prima con Barisic (ottimamente servito da uno spumeggiante Russotto) e poi con Mazzarani lesto a ribadire in rete dopo la corta respinta del portiere Mirarco.

Risultato al sicuro? Macchè. Palla al centro ed il Monopoli accorcia le distanze con Montini che, approfittando di una dormita generale della difesa etnea, batte Pisseri da due passi. Gli ospiti prendono coraggio ma il neoentrato Paolucci chiude definitivamente i conti trasformando un penalty che lui stesso si procura un minuto dopo essersi alzato dalla panca. Finisce in trionfo per il Catania, adesso maggiormente consapevole dei suoi mezzi e delle possibilità di volare verso l’alta classifica. E sabato prossimo i rossazzurri saranno di scena al “De Simone” per un derby contro il Siracusa sin d’ora attesissimo.

TABELLINO

CATANIA – MONOPOLI 4–1 (25′ Russotto, 49′ Barisic, 51′ Mazzarani, 53′ Montini, 81′ rig. Paolucci)

CATANIA (4-3-3) – Pisseri, Parisi, Drausio, Bergamelli, Djordjevic, Bucolo, Scoppa, Fornito, Russotto (dal 41° s.t. Graziano), Barisic (dal 34° s.t. Paolucci), Mazzarani (dal 18° s.t. Di Cecco). A disposizione: Martinez, Nava, De Santis, Bastrini, Silva, Piermarteri, Di Grazia, Piscitella, Calil. Allenatore: Pino Rigoli.

MONOPOLI (4-3-3) – Mirarco, Forbes, Esposito, Ferrara, Pinto, Sounas (dal 16° s.t. Mercadante), Nicolini, Viola, Genchi (dal 26° s.t. Balestrero), Gatto (dal 9° s.t. D’Auria), Montini. A disposizione: Pellegrino, Bei, Cassano, De Vito, Mercadante, Mouzakitis, Padalino, Franco, Mavretic. Allenatore: Diego Zanin.

Arbitro: Giovanni Nicoletti della sezione A.I.A. di Catanzaro. Assistenti: Pierluigi Della Vecchia (Avellino) e Lorenzo Abagnara (Nocera Inferiore).

Ammoniti: Ferrara (M); Forbes (M); Djordjevic (C); Bergamelli (C).


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

25 Commenti Condividi

Commenti

    IMPREVISTO! Gadanesi, restate fermi in lega pro per un turno, senza passare dal via

    MARK,CORTESEMENTE SEMBRA LA GUERRA DEI POVERI!!!!!!FAI LE TUE PREGHIERINE PER LA TUA SQUADRA CHE NE HA FORTISSIMAMENTE BISOGNO E NOI LE FACCIAMO PER LA NOSTRA,MA TI MANCA PROPRIO IL PULPITO DAL QUALE PARLARE!!!!!!!SE TI SARAI SALVATO TANTO DI CAPPELLO,MA AD OGGI SEI ULTIMO CON SEI, DICONSI SEI PUNTI DOPO QUINDICI GIORNATE.LA SQUADRA CON MENO PUNTI IN TUTTI I CAMPIONATI EUROPEI,MA COL PRESIDENTE PIU’ DIVERTENTE.

    A parte il fatto che voi siete i primi a sfottere sempre noi palermitani… cmq detto questo, noi male che vada andremo in B, voi invece paghereste per essere in B, e noi non abbiamo mai imbrogliato o comprato le partite, quindi il pulpito per parlare ce l’ho eccome, io posso ,rispetto a voi, andare fiero della mia squadra e anche di quel pazzo, irascibile, divertente, farneticante imprevedibile volubile ma pur sempre onestissimo presidente!!! Ricordatelo smpre!

    Nella nostra regione non ci sono solo perdenti come i rosanero, noi compensiamo i loro risultati negativi tenendo calcisticamente alto il nome della Sicilia.

    E la ruota continua a girare…

    Scusi Mark, solo per la precisione.
    Ferme restando le responsabilità per illecito del Catania per le quali da due anni stiamo scontando pene anche superiori rispetto ai fatti sinora accertati ( dove sono i giocatori che hanno venduto le partite ancora non si sa …), le vorrei educatamente ricordare che anche il Palermo ai tempi di Caccia e compagnia bella fu coinvolto in uno dei primi scandali calcio-scommesse e che un vostro presidente, Parisi, fu assassinato dai mafiosi per vicende di appalti elettrici e altre brutte storie che coinvolsero pure la squadra di calcio.
    Chi è senza peccato scagli la prima pietra.
    Non è né il nostro né il vostro caso …

    Lasciamo perdere queste sterili polemiche interregionali e godiamoci questa superba vittoria, amici tifosi rossazzurri. Piuttosto, se c’e’ da fare una polemica, io la farei con i responsabili della lega che ancora una volta, penalizzano la citta’ di Catania, impedendoci sabato prossimo di invadere pacificamente Siracusa. Ancora un divieto, incomprensibile a seguire la nostra squadra in trasferta. Era gia’ accaduto sia a Messina che ad Agrigento, ma anche in altre trasferte, senza carattere di reciprocita’ dal momento che a campi invertiti, non viene praticato il medesimo divieto ai tifosi ospiti che vogliono venire al Massimino. Le ragioni di ordine pubblico applicate a senso unico? Dovrebbero avere un carattere di eccezionalita’, mai diventare un fatto sistematico. A che serve,altrimenti, la tessera del tifoso? La societa’. dovrebbe alzare la voce. Adesso il campionato entrera’ nella fase decisiva e vietare ai tifosi catanesi di seguire in massa la propria squadra, puo’ contribuire a falsare il torneo. Siamo stanchi di subire penalizzazioni ad ogni pie’ sospinto. Senza quell’assurda penalizzazione di sette punti. per esempio, potevamo ambire ai vertici della classifica. La squadra sta assumendo una fisionomia finalmente concreta. L’apporto del suo pubblico puo’ diventare determinante, come avviene in casa, puo’ ripetersi anche in trasferta. Ma poi, amici sportivi, il calore, il folklore e l’entusiamo non fanno parte integrante dello spettacolo?

    Domenica si attende pioggia di bistecche su Palermo.

    Vulcano, come spesso capita uno scrive una parola un pò oltre le righe e la redazione ti blocca (per replicare ai vostri intellettuali), mentre consente ai vari Alfio saro santo turi nello agatino di timbrare ogni articolo del Palermo e anche qui, mai una parola pro Catania e tanta demenza contro il Palermo, e poi vi lamentate di Gianluca . Anche qui di seguito ci sono perle di questo tipo. Mark ha ragione. Parlano le sentenze. Poi voi padronissimi di fantasticare su tutti i complotti del mondo contro il Catania. Se qualcuno, in ogni caso non provocasse forse anche noi risparmieremmo di scrivere presunte inesattezze. A proposito: Ma Caccia chi? Mai giocato nel Palermo. Si informi prima di sparare. Quanto a Parisi se lo poteva risparmiare questo riferimento. O le devo fare l’elenco degli imprenditori catanesi legati a doppio filo a cosa nostra catanese?? Anche se non sono stati presidenti del Catania? Smettetela. Ci rompete dal giorno della nostra ultima, e mi creda, unica, retrocessione. Avete scocciato, fatevi gli affari vostri. Tacete. Buon campionato di serie C

    Perdenti con dignità forse, con ignominia come voi, mai nessuno. Ci salveremo, vedrai, poi dovrai rimanere solo MUTO

    Ora si blocca e rigira all’inverso, vedrai babbu

    EGREGIO MARK ,NESSUNO VUOLE EVITARE GLI SFOTTO’ CHE NEL CALCIO CI STANNO E DANNO QUEL GIUSTO PEPE CHE RENDE QUESTO SPORT BELLO E COINVOLGENTE.NOI STIAMO GIA’ PAGANDO PER LE SCELTE FOLLI DI PULVIRENTI (NON DELLA CITTA’ DI CATANIA NDR.) E NON LESINIAMO SOLDI E PRESENZE CON GLI ABBONAMENTI,PERCHE’ LA MAGLIA E’ SOPRA OGNI COSA.IN MERITO A CALCIOSCOMMESSE E COSE SIMILI FORSE LEI E’ GIOVANOTTO E NON RICORDA IL 1980 O UN PRESIDENTE IN ODOR DI MAFIA,MA PUO’ SEMPRE RIPASSARE LA STORIA DELLA SUA SQUADRA NEL BENE E NEL MALE.

    “Nostra”regione? In primis sei un suddito della capitale, ricorda. E sei anche due fognature più i basso. Caro SantoNelloTuriOrazioAlfioAgatino, come sempre, non appena ne vinci 5 cominci a fare il boccalarga (parli di scudetti, di derby e di serei A), non solo ma ricominci a parlare del Palermo. Poi, col tempo, anche quest’anno vedremo come andrà a finire (come quando esultavi perla super salvezza). Vedrai, noi ci salveremo e voi non andrete in B. E’ il contrappasso che da 3 anni vi svergogna e vi punisce puntualmente.

    Secondo me, a breve, salta fuori qualche altra magagna e stavolta vi sbattono tra i dilettanti, dove dovreste essere, e vi cancellano pure la matricola.

    – Santo “Nella nostra regione non ci sono solo perdenti come i rosanero, noi compensiamo i loro risultati negativi tenendo calcisticamente alto il nome della Sicilia.”

    La prego, in serie Z potete compensare soltanto la voglia di pani ca meusa alle 5 del mattino!

    @Vulcano lei parla di fatti dell’anteguerra e che tra l’altro nemmeno sono ceerto siano veramente come dice lei, io invece parlo di fatti attualissimi, delle attuali rispettive società, quindi abbiate almeno la decenza di non prendere scuse o difendere certi criminali che vi governano la società

    LILLO MA VAI A STUDIARE TU INVECE DI DIRE SCIOCCHEZZE SUL PALERMO. E’ MEGLIO CHE TI SCIACQUI LA BOCCA. OPPURE VATTI A DOCUMENTARE

    Ma spendila una parola intelligente sulla tua supersquadra di serie CCCCCC
    invece di pensare sempre al Palermo, perché poi succede che paolo e vulcano etna se la prendono con noi quando vi auguriamo di fallire, perché per loro due voi siete invisibili o folcloristici. Mi auguro anche che ti salga il colesterolo cosi ti metti a mangiare verdure e ti si ossigena il cervello che per adesso ce l’hai intuppato

    Non ti scaldare LLILLO. Il nostro presidente sarà pure divertente, il vostro un corruttore. Altro che preghiere e pulpiti. Dovreste solo tacere e godervi la vostra splendida cavalcata da terza serie. E poi, sii onesto ogni tanto. Rivolgiti ai tuoi o al tuo co-tifoso e concittadino che ci ammorba da tre anni con le loro (o sue) deiezioni mentali. Lasciate stare il Palermo, in ogni caso, ci salveremo comunque nonostante stiate godendo del nostro transitorio momento no. Rimarrete delusi come al solito. E’ una certezza. Pensate di essere la squadra più rappresentativa della Sicilia. Evidentemente pensate di disconoscere la STORIA che per fortuna parla da sola. Saremo sempre superiori a voi e ci guarderete comunque sempre dal basso

    Mark, non parlo dell’anteguerra ma del 1980.https://it.wikipedia.org/wiki/Scandalo_italiano_del_calcioscommesse_del_1980
    Ho sbagliato solo il nome del giocatore del Palermo, non era Caccia ma Magherini.
    In appello furono inflitti 5 punti di penalizzazione scontati in serie B e Magherini fu squalificato.
    Ripeto, nessuno può invocare purezza. Purtroppo. Nessuno.
    Per Gnazio.
    Si ripeto ho sbagliato, non era Caccia ma Magherini, vedi sopra.
    Quanto a Parisi ed ai mafiosi catanesi.
    Nessuno lo nega che i cavalieri avessero certi legami, tutt’altro.
    Ma a differenza di Parisi, i Cavalieri non si occuparono mai di calcio.
    Noi avevamo Massimino, morto in un incidente stradale di ritorno da Palermo, cieco e anziano, dove era andato a difendere le buone e conclamate ragioni del Catania ingiustamente radiato dalla FIGC e poi DOVEROSAMENTE reintegrato.
    Facemmo allora una trave sarà nel deserto e la rifaremo adesso.
    Ripeto, nessuno può scagliare la prima pietra.
    Ed io non ho mai detto nulla contro il Palermo, anzi.
    Vi invito a dimostrare il contrario.
    Impossibile .

    Vulcano ma che dice? Parisi non era mafioso, tutt’altro, ma taglieggiato. Il suo riferimento a lui rimane inopportuno. Ma poi, mi scusi, il fatto di essere stato vittima della mafia e presidente del Palermo comporta che il Palermo ha una macchia che il Catania non ha? Ma si rende conto di quello che dice? Io credo che lei pur di rendere pariglia a queste discussioni stucchevoli si appiglia all’impossibile. La verità dei fatti dice cose diverse. Checchè lei ne possa dire. Il vostro momento è complicatissimo e proviene da fatti non completamente dimostrati come dice lei, ma ampiamente illeciti per stessa ammissione di pulvirenti e della sua banda. Anche il nostro futuro è incerto, chissà se e come ce la caveremo. Ma non è questo il punto. Qua il punto è che quattro deficienti scrivono solo contro il Palermo e mai pro Catania. Per cui è legittimo rispondere qualche volta anche oltre le righe (con l’augurio del fallimento, che è un vostro cavallo di battaglia da sempre contro di noi) e mi stupisco come lei quasi non se renda conto di questo e si fissa ad es. con il solo Gianluca. Capisco che lei criticherà questa mia interpretazione ma ho sempre pensato che la stragrande maggioranza dei catanesi ha sempre reagito di pancia alle nostre sfortune (che fortunatamente non sono mai durature) e il sogno inconfessato dei più da parte vostra è la nostra non esistenza. Ma una cosa è certa. Sopravviveremo comunque a questa fissazione. Il che renderà più drammatico per certuni il concetto stesso di tifo per la propria squadra. Esisteremo sempre e comunque anche contro le vostre incomprensibili e insane aspettative. In definitiva siete molto più fissati voi con noi che non viceversa.
    P.S. Forse le gioverà ricordare – se mai lo sa – che anche una delegazione di tifosi rosanero era presente ai funerali di Massimino

    Gnazio, mi scusi ma lei perpetua un errore.
    Fa di tutta l’ erba un fascio.
    Usa riferendosi a me il pronome plurale VOI. E sbaglia !
    Io, ribadisco, non ho MAI DICO MAI, augurato alcuna disgrazia al Palermo.
    Ho auspicato lo scorso anno la salvezza e mi sono compiaciuto sia arrivata, vada a leggere i miei commenti.
    Quando ho compreso che, malgrado ciò, si continuava RECIPROCAMENTE a scambiarsi offese non ho più scritto sul Palermo, limitandomi a commentare solo il Catania e le sue disavventure .
    Non sono più intervenuto sulle pagine riguardanti i risanero.
    Ma se qui qualcuno continua a dire inesattezze sono costretto a replicare.
    Lasciamo perdere Parisi, ricorda quando presidente vostro fu Gambino e chi fosse ?
    Finiamola qui, non senza aggiungere che sono il primo – ripeto il primo !- critico e censore di Pulvirenti specie quello degli ultimi tre anni, Dio ce ne liberi !
    Ma questo non significa che si possa concordare sul fallimento e tutte le altre stupidaggini che si è costretti a sorbire quasi ogni giorno.
    Ed io non sono disposto ad accettare che si parli di un fallimento che non c’è e non ci sarà .
    E lo stesso vale per il Palermo. che certamente non fallirà .
    Lei ha ricordato la delegazione rosanero ai funerali di Massimino.
    Benissimo, lo ricordo perfettamente : dobbiamo aspettare un altro funerale per smettere le insulsaggini e comportarsi da persone serie ?
    Spero di no, DA PARTE DI TUTTI.
    TUTTI.

    Noi siamo ancora in serie “A” voi in “Lega pro” , noi Padroni assoluti del calcio in Sicilia, voi la Vergogna del calcio in Sicilia, zitti e muti, il dopo si vedra’……

    Panormiti mangiameusa avete strarotto!
    Perdenti (da record) e straultimi siete i meno sportivi di tutti i tifosi: avete infierito (e continuate a farlo) quando le vicende del Catania erano tutt’altro che legate allo sport, e la tifoseria così come la città erano solo parte lesa… i tifosi non c’entravano nulla con le schifezze di Pulvirenti e lo hanno fortemente contestato. Dopo di che è normale che col tempo si torni a tifare la propria squadra sperando in una dirigenza migliore… perché, voi cosa avreste fatto? Avreste forse tifato, chessò, per l’Empoli? Siete insopportabilmente spocchiosi
    salvo poi dire che i catanesi si riempiono la bocca…Personalmente non godo delle disgrazie altrui, calcio compreso, voi non fate altro. E un’ultima cosa: finitela una volta per tutte con la storia delle B al Cibali. Certo, è stato un gesto poco sportivo, ma avvenuto dentro il campo… e voi invece cosa avete fatto per festeggiare la A? In ogni angolo di Palermo in vendita (le ho viste coi miei occhi) sciarpe, striscioni e persino magliette con su scritto “AMO PALERMO, SCHIFIO CATANIA” e “AMO PALERMO, ODIO CATANIA”!
    E cosa c’entra questo col calcio e con lo sport? Una cosa è lo sfottò, ben altra è insultare violentemente un’intera città e chi la abita!
    Vergognatevi (se ne siete capaci) e tacete.

    Ma vergognati tu manciacavaddi. Ecco un altro fissato con la spocchia. Sei complessato come gli altri liotri. Salutaci i tuoi compari agatino nello turi e compagnia delirante. Rivolgiti a loro.
    P.S. di quelle magliette ne avete più voi che noi, quindi taci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *