Cinque capitani persi in scadenza|Barreto rischia di essere l'ennesimo - Live Sicilia

Cinque capitani persi in scadenza|Barreto rischia di essere l’ennesimo

Da Maniero a Miccoli, passando per Corini, Zauli e Liverani: portare la fascia del Palermo non assicura un contratto. Il centrocampista paraguaiano, così come Muñoz, è ancora in trattativa per il rinnovo, ma la piazza teme di doverlo inserire in questo elenco.

calcio - serie a
di
17 Commenti Condividi

PALERMO – Capitano, mio capitano. Anzi, miei capitani. Perché le bandiere non esistono più, e di capitani se ne cambiano fin troppi. Ne sa qualcosa il Palermo, al settimo capitano dell’era Zamparini, e seriamente vicino al dover designare l’ottavo possessore della fascia rosanero. Edgar Barreto, infatti, può ritrovarsi libero al termine della stagione: il paraguaiano è in scadenza di contratto e al momento le trattative per il rinnovo sono in fase di stallo. Il Palermo deve rivedere il suo tetto salariale, a causa di un bilancio sanguinante dopo la retrocessione in serie B, e il contratto di Barreto è tra i più onerosi. O arriva una netta sforbiciata al contratto da 800 mila euro annui, oppure le strade del centrocampista e del Palermo si separeranno.

Non si tratterebbe certo del primo capitano lasciato andar via in scadenza. Se dell’addio di Pippo Maniero nessuno avrà rimpianti, la storia cambia con i capitani degli anni d’oro. Lamberto Zauli, dopo aver ceduto la fascia ad Eugenio Corini, si accasò a parametro zero alla Sampdoria, una diretta concorrente. Lo stesso Corini, in una conferenza stampa strappalacrime, annunciò il suo addio per incomprensioni sul rinnovo contrattuale. Parametro zero anche per Fabio Liverani, dopo una stagione passata tra infermeria, esclusioni e ripescaggi in extremis. L’unico a non aver lasciato Palermo per la scadenza naturale del contratto è stato Andrea Barzagli, con cui il club di viale del Fante ha potuto portare a casa una plusvalenza.

Parametro zero, ma con molti altri strascichi, anche Fabrizio Miccoli. L’ultimo capitano del Palermo, prima di Barreto, è stato protagonista di numerose voci di mercato nei suoi ultimi tre anni in Sicilia: prima le voci dall’Inghilterra che lo volevano al Birmingham, poi gli arabi del suo ex allenatore Walter Zenga. Più volte il salentino è stato ad un passo dal lasciare Palermo, senza però mai compiere il passo d’addio. Anche la retrocessione in serie B, probabilmente, non avrebbe interrotto il rapporto tra il fantasista e il club rosanero. La storia però la conosciamo tutti e l’addio di Miccoli alla città di Palermo, prima che alla squadra di calcio, si è reso necessario per rispetto di chi rappresenta i veri valori del capoluogo siciliano.

E ora? Palermo ha perso il conto delle bandiere ammainate. Nessuno si aspetta più un Roberto Biffi, ma almeno un Di Donato o un Brienza sarebbero utili per ridare un minimo senso di appartenenza alla squadra e alla tifoseria. Allora attenzione a lasciare andare a cuor leggero l’ennesimo capitano, che a differenza di altri che si autodefiniscono bandiere (o aspiranti tali) non ha mai detto pubblicamente di voler andare via, e che fuori dal campo si è mostrato integrato alla perfezione nella città. Anche perché, subito dietro nelle gerarchie, c’è Ezequiel Muñoz, altro caso spinoso di contratto in scadenza. Non è una questione economica, di vendite mancate o di stipendi risparmiati, qui c’è in mezzo qualcosa di più. Che segnale si dà quando, oltre a non poter trattenere le proprie stelle, non si riesce a trattenere un gregario?


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

17 Commenti Condividi

Commenti

    Speriamo che quest’articolo lo leggano Zampa e Ceravolo…anche se ho i miei dubbi…

    non mi STRAPPO le vesti.
    AVANTI il prossimo, si spera con MAGGIORE qualità

    Non si possono mettere nello stesso articolo l’attuale capitano e i predecessori. Ma per favore.
    Speriamo che vada via ( ma chi se lo prende? ) e che inizi pure ad andare in panchina.
    Bolzoni ne vale cento ed è molto più utile.

    Solo capitani? E NOCERINO regalato al Milan vi ricordate?.
    Adesso tocca a Barreto, certo in questo scorcio di stagione a me e’ piaciuto, insieme ad altri 2-3 giocatori si e’ distinto per carattere, sacrificio e gioco, non me ne voglia l’amico filippoSANSONE ma per quello che offre la rosa del Palermo me lo tengo stretto anzi strettissimo.
    FORZA PALERMO.

    Non discuto l’uomo Barreto perché non lo conosco, ma il calciatore Barreto se dovesse andar via non starò a staccarmi gli ultimi capelli che mi restano, come lui in Italia ne esistono tantissimi- Anzi a proposito, per domenica prossima, perché non inseriamo Maresca e Bolzoni e facciamo rifiatare qualcuno con certe pretese? Bisogna moralizzare il calcio in genere, è troppo costoso e molte società vivono con gestione scandalose e grossi rischi-

    Capisco quello che vuoi dire, anche se sai che non sono d’accordo.
    Ma il punto non è questo. Metti un attimo da parte il tuo “non gradimento” di Barreto sotto il profilo qualitativo. Il discorso qui é un altro. E’ l’ennesima destituzione di un simbolo che rappresenti la squadra e che abbia il gradimento (per l’abnegazione, la serietà, l’impegno e l’attaccamento ai colori) della tifoseria.
    Zamparini non perde il vizio di delegittimare i protagonisti. Io lo ritengo un fatto gravissimo. Forse il difetto più grave che lui ha. Si può risparmiare, fare acquisti low cost, vendere chi vuoi, ma azzerare sistematicamente gli idoli dei tifosi è inaccettabile. Per principio. Io, la vedo così.

    Ieri sera ho rivisto la partita in TV. Troppa bile dal vivo non mi ha permesso di valutare certe cose. Ha ragione tonik (e anche filippo mi pare su questo episodio). Il primo gol, mi dispiace dirlo, é sulla coscienza di Sorrentino: come fa a far sfilare una traiettoria così leggibile dentro l’area piccola? L’ha proprio mancata. Incredibile.
    Rigori: il primo no, ma quello su Feddal é netto: Mauri si accorge che gli ha preso il tempo e gli parte alle spalle. Lui, sotto gli occhi dell’arbitro e di quell’altro (mi pare che si chiama addizionale……mah!) lo spinge leggermente da sbilanciarlo e fargli colpire malamente di testa. Assolutamente intenzionale, NETTISSIMO.
    Tutti i problemi sono nati dalla ns. fascia sinistra. Su Candreva prima e Anderson poi, e lo scorrettissimo Cavanda, nei ripiegamenti, Lazaar non corre……..cammina e su Anderson lo stesso fa Emerson, né nessuno li aiuta raddoppiando o accorciando. I giocatori di fascia avversari vedono sempre il fondo campo. Non può essere. Ci vuole più concentrazione. Lazaar lo dovevano lasciare un altro anno in B. E’ troppo immaturo per la A. Si rischia di vanificare tutto quello di buono che avviene dal centrocampo in su. A Empoli per vincere, in qualsiasi modo. Sennò il distacco comincia a farsi preoccupante, più i vari risvolti psicologici negativi….

    Ho sempre ritenuto Barreto uno dei centrocampisti più scarsi di sempre. Giocatore da quarta serie. Se lo perdiamo… ci guadagnamo.

    anche perchè, filippo, di solito si è andato sempre a peggiorare, MAI a migliorare…

    amici, CAPISCO il vostro PUNTO, lo comprendo BENISSIMO.
    Dai TEMPI di DI DONATO lo comprendo.
    E ho smesso DI attaccarmi ai GIOCATORI (non è vero, è una BUGIA, mi sono attaccato MOLTO ad alcuni calciatori. Un nome su TUTTI? MIgliaccio).
    detto questo, CONCORDO pienamente con VOI

    Che dire? CONCORDO pienamente (sì, sostenevo che il primo È colpa di SORRENTINO al 90%).
    AGGIUNGO che Terzi SBAGLIA malamente nel raddoppio. Andelkovic a FARFALLE nel terzo.
    SUL rigore, credo che SIA da esempio nelle SCUOLE calcio: alla voce RIGORE fanno vedere questo.

    Io sono convinto che Barreto, di cui conosciamo bene pregi e difetti, resterà. Se non resta vuol dire che la Società ha fatto una scelta tecnico-economica, come fanno tutti i club.
    Piuttosto mi pare di poter dire che i capitani che lasciano il Palermo per mancato rinnovo non fanno molta carriera.
    Maniero scomparve dal calcio professionistico, Zauli fece un anno di panchina e poi sparì, Corini retrocedette col Torino e Miccoli gioca in serie C.
    Diteglielo a Barreto. Magari si autoriduce l’ingaggio!!!

    deprimiti fai una cosa. prima di parlare di zauli miccoli e corini lavati la bocca con l’aceto perche’ tu bestemmi

    zamarini ha già deciso: lascerà andare gratis sia barretoche munoz. scordiamoci le prime squadre di zampa. ogni momento sarà quello buono per vendere il palermo e meno costa più sarà facile venderlo. non ha nessuna importanza (per lui) se in B o in A, tanto credo che sia già rientrato dagli ingenti investimenti che fece dieci anni fà.
    pazienza , è stato comunque un bel sogno.

    paragonare corini zauli e miccolli campioni indiscussi e sopratutto gente che con il pallone ci parlava e ci cantava e’ una bestemmia. perche’ il signor barreto piedi di legno per quel che mi riguarda oltre ad essere un mestierante di cui francamente non sentirei la mancanza dovrebbe andare dal torniere per addrizzare i piedi prima di essere messo a paragone di lamberto zauli, di fabbrizio miccoli, e di eugenio corini. questi tre giocatori sono stati la storia del palermo negli ultimi 10 anni e sopratutto hanno entusiasmato la gente con le loro giocate. il signor barreto????? lo ricorderemo per i suoi piedi di legno!!! se non rinnova nessuno ne morirebbe!!!

    Ragazzi, anzi, tifosi: il capitano non si discute MAI.

    barreto e scarso come la calia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.