Comune, Ludovico Balsamo dimissionario: "Tanta amarezza" - Live Sicilia

Comune, Ludovico Balsamo dimissionario: “Tanta amarezza”

La nota ufficiale.
CATANIA
di
0 Commenti Condividi

CATANIA – Ludovico Balsamo, assessore alle Attività produttive della giunta Pogliese/Bonaccorsi, ha rassegnato le dimissioni. L’annuncio arriva con una nota nota ufficiale nella quale l’esponente di FdI non nasconde il suo stato d’animo. “Trasparenza e coerenza hanno da sempre contraddistinto il mio percorso amministrativo. Oggi, guidato da tali principi, e con la serenità che accompagna chi sa di aver speso tutte le proprie forze in tale percorso, mi trovo nelle condizioni di dover rassegnare le dimissioni dal ruolo di assessore alle attività produttive”, scrive.

Le motivazioni

Le motivazioni riguardano Catania, ma anche lo stato dell’intero comparto delle Attività produttive. “Mi sembra doveroso – scrive l’comunicare le diverse motivazioni che mi hanno condotto ad assumere questa decisione e il perché tali dimissioni arrivino solo oggi. L’approvazione della delibera dì giunta di ieri 31/03/2022, che ha prolungato l’estensione delle concessioni del suolo a tutto il territorio catanese fino al 30 aprile, mi consente di poter consegnare il regolamento relativo all’ utilizzo del suolo pubblico nelle fidate mani del consiglio comunale, che entro tale data potrà finalmente esitarlo, dopo questi anni di sperimentazione che hanno consentito a centinaia di operatori di poter usufruire di spazi all’ aperto.
Le mie dimissioni, senza questo atto, a causa del venir meno dello stato d’emergenza, avrebbero penalizzato oltre 200 esercenti sin dal primo di aprile, determinando di fatto il respingimento delle richieste di rinnovo”.

“Fatto salvo quanto detto, è stato determinante per la mia scelta anche apprendere l’ orientamento relativo all’ applicazione della famigerata direttiva Bolkestein in merito al rinnovo dei suoli pubblici del mondo degli ambulanti. Tale questione, a mio avviso, riveste una importanza straordinaria e potrebbe determinare un’ amara ricaduta sul territorio, in quanto comporterà, probabilmente, notevoli problemi anche di carattere sociale”.

“Aver riscontrato di essere il solo ad avvertire un sentimento di emergenza, di fronte ad una questione di tale portata, è un’altra dimostrazione di disattenzione nei confronti del mondo produttivo della città, che mi sta tanto a cuore e che, più che mai oggi, dopo un biennio di pandemia, vive una condizione di grande sofferenza. Personalmente, più che promuovere svariati incontri tra i vertici nazionali dei sindacati degli ambulanti con quelli del nostro Ente e con quello regionale, e inoltre suggerire di seguire quanto attualmente disposto dall’omologo ufficio delle attività produttive del Comune capoluogo di regione, non avrei potuto fare”.

“Probabilmente sono stato l’unico, ad aver ritenuta doverosa la richiesta di rendere uniformi i criteri di rinnovo a livello regionale, ed è impensabile, infatti, dover sottoporre oltre 2000 concessionari a bando di gara, quando nella città di Palermo tali concessioni vengono automaticamente rinnovate fino all’ anno 2032, garantendo così continuità lavorativa a migliaia di concessionari. Appare surreale, poi, immaginare di affrontare un lavoro di programmazione di questa portata, con un personale ridotto al lumicino e che già sconta la carenza cronica di figure indispensabili per gestire l’ordinaria amministrazione degli uffici che ho rappresentato”.

“Pur comprendendo la grave situazione che ormai attanaglia il Comune, dal punto di vista delle risorse umane, ritengo, infatti, impossibile mandare avanti financo le ordinarie procedure amministrative, che il nostro ufficio dovrebbe espletare quotidianamente. Salvaguardando le esigenze e le professionalità del personale dipendente presente nelle altre direzioni, trovo davvero incomprensibile come un’ adeguata attenzione non sia stata rivolta alle attività produttive, quantomeno avviando una ricognizione di personale generale, rivolta al rafforzamento di quella che, sono convinto, sia la direzione strategica per la ripartenza della città”.

“Pensate che la Direzione delle attività produttive non gode più della presenza di una figura tecnica effettiva in organico. Sembra quasi superficiale dover dire che, per la mole di lavoro dell’ ufficio, ne servirebbero almeno 3. Tali reiterate disattenzioni subite dalla Direzione, nonostante gli sforzi compiuti dal sottoscritto e dal personale in servizio, hanno reso oggi del tutto inattuabile il tanto auspicato snellimento delle burocrazie, altresì annunciato nel nostro programma elettorale.A nulla sono valse le continue richieste di personale inoltrate, così come rimangono, purtroppo, poco funzionali i protocolli, adottati sempre dal sottoscritto, che per garantire celerità necessiterebbero di personale adeguato.
Ripeto, con l’attuale organico, non riesco nemmeno ad immaginare come potrebbero essere espletate oltre 2000 procedure di gara entro il dicembre 2023″.

L’amarezza

“L’amarezza che accompagna questa mia decisione fa il paio con la serenità derivante dalla consapevolezza di aver lasciato al Consiglio comunale la nuova stesura di ben cinque regolamenti adottatti a salvaguardia di varie categorie professionali: il già citato regolamento dell’area storico ambientale, quello relativo alle poltrone in affitto per parrucchieri, estetisti e tatuatori, la riperimetrazione dei mercati storici, quella dei mercati rionali e il regolamento relativo alla depenalizzazione”.

“In conclusione, e non meno importante, un sentito ringraziamento, per l’impegno, l’affetto e l’umanità profusa, a tutti gli impiegati, funzionari e direttori che in questi anni si sono avvicendati, e che saranno sempre parte integrante dei ricordi di questa mia fantastica esperienza”.

“L’auspicio per la mia città, è che le mie dimissioni possano, quantomeno, accendere i riflettori sui temi che ho trattato, con la speranza che si giunga presto ad una inversione di rotta e ad una rinnovata attenzione nei confronti di una Direzione che rischia presto di dover chiudere i battenti, sempre nell’ottica di una maggiore tutela del tessuto economico-produttivo catanese. Sarò, chiaramente, pronto a dare il mio contributo, se necessario, a chi mi succederà, per far meglio comprendere il lavoro fin qui svolto e la visione di città immaginata, con lo stesso spirito con cui ho sempre esercitato il mio ruolo”.

Il commento di Salvo Di Salvo

“Scelta responsabile e coraggiosa”, così il consigliere comunale Salvo Di Salvo commenta le dimissione dell’ormai ex assessore. “Ho appreso delle dimissioni da Assessore alle Attività Produttive dell’Amico Ludovico Balsamo, una scelta coerente con l’impegno che ha profuso in questi anni alla guida delle Attività Produttive. Si riscontra sempre più il disagio che i componenti della Giunta vivono a causa della sospensione del Sindaco. Balsamo è stato il primo a rimettere il mandato e non sarà nemmeno l’ultimo. Avrebbe fatto bene Pogliese a dimettersi in tempo utile affinché si potesse votare a Giugno piuttosto che affossare la città come sta facendo”.

Articoli Correlati


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

0 Commenti Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.