Ricomincia la protesta anti rom | Ancora off limits la villa confiscata - Live Sicilia

Ricomincia la protesta anti rom | Ancora off limits la villa confiscata

Secondo giorno di protesta in via Felice Emma.

Palermo
di
38 Commenti Condividi

PALERMO – Prosegue il presidio anti-rom da parte di un gruppo di residenti in via Felice Emma, davanti alla villa confiscata dalla mafia che il comune di Palermo ha assegnato a due famiglie nomadi ma che, anche per impedire l’ingresso dei rom, è stata occupata da sei nuclei di senzacasa che hanno il sostegno dei manifestanti. Il sit-in, proprio all’ingresso della villa, impedisce il transito. Al fianco dei manifestanti si sono schierati Forza nuova e militanti di ‘Diventeràbellissima’, il movimento fondato dal governatore Nello Musumeci.

In via Felcie Emma è arrivato anche il consigliere comunale della Lega Igor Gelarda che sostiene i manifestanti: “Non si tratta di razzismo e neanche di discriminazione – sostiene -. E’ una strada completamente abbandonata, al buio, piena di spazzatura. I cittadini si sentono presi in giro – aggiunge -. Dopo anni, adesso il Comune si è ricordato che esiste questa strada”. Gelarda annuncia poi per venerdì un tavolo tecnico con l’assessore  Mattina e alcuni residenti “perché vogliamo – dice – delle risposte”.

(ANSA).


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

38 Commenti Condividi

Commenti

    Perché Orlando e company non se li portano a casa loro, e danno le case ai palermitani che aspettano da tanti anni e vivono in mezzo alla strada. Aiutiamo i nostri poveri.

    Cari residenti, come ho già scritto in un altro blog dovreste cercare di affrontare il problema della convivenza con queste famiglie adottando un atteggiamento mentale positivo utile ad entrambe le parti. Io abito in un condominio di lusso quale è la Torre Sperlinga in piazza Unità d’Italia ma, credetemi, se dovesse capitare anche a me il vostro stesso problema di ritrovarmi improvvisamente, per decisione d’autorità del Comune, ad avere nell’appartamento vicino nello stesso pianerottolo una famiglia rom cercherei di fare buon viso a cattivo gioco. Del resto disperandomi o strappandomi i capelli loro resterebbero lì lo stesso in quanto imposti d’autorità come vicini dal Comune. Cercherei piuttosto di instaurare un rapporto di buon vicinato non creandomeli nemici ma accogliendoli sin dall’inizio con un sorriso, gesto sempre beneaugurante. Questo è il solo consiglio che mi sento di darvi.

    E mi sembra giusto…. e direi che OLLANDO…. IL SINDACO NON LO SA FARE

    Mai protesta fu più condivisibile è ovvia.Prima i palermitani,i siciliani,gli italiani,poi gli altri.E’ questo il concetto.I politici facciano tesoro di questo altrimenti scompariranno per sempre.

    Quando si dice che non si e’ razzisti e poi invece non si vogliono persone perche’ diverse in nome di religione o cultura, in realta’ si e’ razzisti.

    Che squallore usare i rom per raccattare qualche misero consenso e voto. Vergogna!

    Mi auguro che gli elettori puniscano i partiti che alimentano tensioni, soffiano sul fuoco e stimolano la pancia della gente

    Che striscione grottesco! Infatti le famiglie del campo nomadi di Palermo sono italiane!

    Occorrerebbe precisare che NON si tratta di sit-in ANTI ROM, bensì di sit-in contro l’assegnazione IMMEDIATA di case ai rom, a fronte di famiglie di palermitani che DA ANNI ED ANNI attendono l’assegnazione di un alloggio.
    Ma si è mai visto il comune di palermo attuare provvedimenti con tale celerità?
    Nemmeno superman sarebbe stato più veloce.
    Morale della favola: se tutti noi palermitani ci annerissimo il viso, o parlassimo con accento slavo, vedremmo riconosciuti i nostri diritti, da parte del comune, in tempi degni dei paesi scandinavi.
    Purtroppo abbiamo la pelle bianca e non parliamo con accento slavo: come dire “Il mio nome è nessuno”.
    Questo è il concetto di giustizia del “sindaco” di palermo, pagato dalle NOSTRE TASSE.

    scrivete che un presidio di militanti di destra (forza nuova, lega e diventerà bellissima). Basta vedere gli striscioni, gli slogan e i tricolori. Nessuno crede alla protesta spontanea. chiamate le cose con il loro nome

    Meglio rom che fascista!

    Meglio rom che leghista!

    meglio rom che di destra!

    Solidarietà ai rom!
    fuori fascisti e leghisti da Palermo!
    A Palermo non vi vogliamo!
    Palermo è antifascista!

    Invito tutti i palermitani ha manifestare contro l’assegnazione di quella enorme villa ai rom. Si metta all’asta e con il ricavato si costruisca o case di edilizia popolare sia per i palermitani che per i rom ma seguendo dei criteri di assegnazione.

    Andate ad occupare la casa di “palermo è bella” vediamo come se la passa.

    Si invita antonio a frequentare un corso serale di lingua italiana. Prima la grammatica!

    I più grotteschi sono quelli che scrivono prima gli italiani e nemmeno sanno scrivere in italiano. Prima l’italiano! Prima la grammatica!

    Antonio lo zanichelli è un buon vocabolario. Prima la grammatica! Prima la lingua italiana!

    Evidentemente non hai mai avuto a che fare con i Rom e i loro furti, i loro comportamenti antisociali etc. Vallo a dire a chi subisce intrusioni in casa, furti etc…
    Beato te che vivi in un mondo dorato, o fortunato……

    A quello striscione scritto con caratteri che si usavano durante il ventennio noi della Sinistra rispondiamo invece: prima i Rom, prma i Migranti, prima i Richiedenti Asilo, Viva Leoluca Orlando Sindaco di Palermo Capitale dell’Accoglienza e dell’Integrazione.

    Ed io aggiungo fuori da Palermo tutti coloro che non accettano accoglienza ed integrazione diffuse.

    Hai notato che manca Casa Pound?

    continua a starnazzare, tanto vince la volontà popolare.

    questo è un commento sensato

    guarda che l’uso di nick multipli è una grave mancanza di netiquette, non serve a niente (i trolletti come te, Giuseppe/Giovanni, vengono sgamati subito), e denota una malizia che è sicuramente peggiore dell’errore di grammatica di un poverocristo che magari non ha avuto l’opportunità di studiare e che tu denigri con tanta ferocia – umiliare un uomo perchè non sa esprimersi correttamente è un gesto ignobile.

    Caro Carlo non credo che nel palazzo dove abiti tu possa accadere che vengano assegnati degli appartamenti a dei rom o a gente sfollata, quindi scusami se te lo dico il buonista fallo da un’altra parte.

    per fortuna voi ormai estinti pieddini contate come diceva il merchese del grillo un….

    candidati alle prossime elezioni,forse il tuo voto lòo prendi hahaha

    resistete pelrmo e’con voi con i bambini dentro non vi possono toccare

    Giacomo….Lei mi fa tenerezza….no pena !!

    Voi della sinistra con questa politica avete perso tutto….anche qualche misero voto…. !! Ve ne renderete conto alle prossime tornate elettorali.

    Pelermo è bella e Giacomo….voi la cantate e voi la suonate….peccato che il popolo la pensa diversamente. Fatevene una ragione e cercate di vivere più serenamente ( la sinistra è finita ).

    E’ un forum accessibile a tutti ( da chi analfabeta e chi come Lei dotto ed acculturato), nel quale può intervenire chiunque ….basta capirne il contenuto alle volte. Se poi la dobbiamo mettere a titoli ed attestati Le assicuro che ci sono persone che ne hanno di certo più di Lei. Quindi la invito a non essere presuntuoso. Saluti.

    Totale solidarietà alle famiglie assegnatarie, già solidarietà, parola a voi del tutto sconosciuta.

    Caro docente di letteratura italiana non importa se Antonio ha fatto qualche svirgolettata ,quello che conta e’ il concetto

    Palermo è bella. Ormai sei scoperto, sei un troll non credibile.

    Meglio accoglierli rifatevi. Cosi state solo creando astio che vi si ritorcerà contro….auguri!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *