Controlli anti Covid-19| Chiuso panificio, ambulante multato - Live Sicilia

Controlli anti Covid-19| Chiuso panificio, ambulante multato

L'attività è stata trovata aperta nonostante i divieti

CORONAVIRUS
di
3 Commenti Condividi

PALERMO – Continuano i controlli in città da parte della polizia municipale per il rispetto delle normative legate alla emergenza del Covi-19. Sotto sequestro è stato posto un panificio in via Salvatore Cusa, zona Monfenera, perchè aperto al pubblico e senza le prescritte autorizzazioni amministrative. Sequestrati circa 100 Kg di pane e prodotti alimentari e 35 bottiglie di vino. Al gestore sono state elevate multe per 3.099 euro per la vendita al dettaglio di prodotti alimentari senza la prescritta SCIA e 3.000 euro perchè privo della prescritta Registrazione Sanitaria.

Lo stesso è stato naturalmente sanzionato anche con una multa di 400 euro per non avere ottemperato al divieto di apertura dell’attività, nei giorni festivi, nell’ambito delle restrizioni del Covid-19 e con un altra multa sempre di 400 euro per spostamento senza giustificato motivo. Identiche sanzioni sono state elevate ad un venditore abusivo di pane nella stessa strada del precedente controllo, tranne per la sanzione per la mancata esibizione della Scia che è invece pari a 309 euro in quanto ambulante. Sequestrato anche il mezzo mobile cassonato adattato alla vendita e circa 30 chili di pane e 15 bottiglie di vino. Infine, due persone sono state multate in Via Montalbo, G.S. di 57 anni e N.D. di 35 anni, per spostamento senza giustificato motivo. Ad entrambi la prevista sanzione da 400 euro.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

3 Commenti Condividi

Commenti

    Ma secondo voi questi signori che aprono per probabile necessità non troveranno per sempre ogni modo per fargliela “pagare” allo stato? Come dovrebbe vivere la gente se non ha più un euro per la famiglia? La potenza di fuoco di Conte dov’è?

    Non bisogna lavorarechiedete il bonus casa , il bonus pasto il reddito di cittadinanza e state tranquilli.

    Il colmo e che i migranti che gironzolano x la città fregandosene del DCPM non nessuno dice lo nulla.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.