Coppa degli Assi| La gara equestre torna in Sicilia - Live Sicilia

Coppa degli Assi| La gara equestre torna in Sicilia

Si terrà nella Tenuta di Ambelia.

REGIONE
di
3 Commenti Condividi
Ritorna in Sicilia, dopo l’ultima edizione svoltasi a Verona nel 2016, la storica Coppa degli assi, il concorso equestre internazionale di salto a ostacoli. A ospitarlo per la prima volta – dopo le trentadue edizioni svoltesi a partire dal 1976 nel campo che si trova all’interno del Parco della Favorita di Palermo – sarà l’impianto della Tenuta di Ambelia, che sorge sulle colline di Militello in Val di Catania a quaranta chilometri dal capoluogo etneo. Si tratta di un palcoscenico prestigioso e già ben rodato: la Regione Siciliana, che ne è prorietaria, lo ha completamente restaurato in occasione della Fiera mediterranea del cavallo che si è svolta nel maggio scorso e che ha registrato la partecipazione di oltre trentamila visitatori. A presentare l’appuntamento, giunto alla 34esima edizione e diviso in due tappe – dal 18 al 20 ottobre la prima, dal 13 al 15 dicembre la seconda – è stato il governatore Nello Musumeci. Presenti alla conferenza stampa, nel Palazzo della Regione a Catania, anche la presidente dell’Istituto di incremento ippico Caterina Grimaldi di Nixima, i sindaci di Catania Salvo Pogliese, di Militello in Val di Catania Giovanni Burtone e di Scordia Franco Barchitta, oltre al consigliere nazionale della Federazione italiana sport equestri Ettore Artioli e al consulente di marketing territoriale della Regione Fabrizio Bignardelli. “Questa – ha sottolineato il presidente Musumeci – è la dimostrazione che Ambelia non è stato solo un fuoco di paglia. L’obiettivo è quello di fare un importante impianto di caratura internazionale dello sport equestre, attività scomparsa da anni in Sicilia. Siamo convinti che la Tenuta a cavallo tra Militello e Scordia possa diventare un Polo di richiamo. In tal senso stiamo già lavorando perché la struttura possa essere riconosciuta come internazionale: il progetto per un secondo campo è già pronto e a gennaio dovrebbero partire i lavori”. La Coppa degli Assi, che si era tenuta per l’ultima volta nell’Isola nel 2011, è il più longevo concorso ippico internazionale d’Italia dopo Piazza di Siena. E il Gran Premio Coppa degli Assi, al quale possono accedere soltanto i migliori binomi, ha visto gareggiare a Palermo cavalieri del calibro dell’azzurro Raimondo D’Inzeo, degli inglesi David Broome e Harvey Smith, del fuoriclasse brasiliano Nelson Pessoa, uno dei più grandi di tutti i tempi e, ancora, dell’elvetico Willi Melliger, del francese Michel Robert o dell’austriaco Anton Martin Bauer. Tutte celebri partecipazioni che fecero prendere al concorso siciliano l’ambizioso appellativo di “mini olimpiade” dell’equitazione. Attualmente sono già 161 i cavalli iscritti per questa nuova edizione. 
Nel loro intervento, i tre sindaci hanno sottolineato l’apprezzamento per l’iniziativa della Regione che punta a destagionalizzare il turismo, oltre alla valorizzazione di una struttura che può essere di grande attrazione. L’ultimo Gran Premio Coppa degli Assi svolto a Palermo è stato vinto dal cavaliere azzurro Emanuele Gaudiano, in sella a Cocoshinsky, che bissò la vittoria ottenuta l’anno precedente mentre a Verona, nell’ultima edizione svoltasi nella cornice di Fieracavalli, a imporsi fu il cavaliere anglosassone Ignace Philips. Alla manifestazione di quest’anno sono già iscritti i componenti delle squadre nazionali giovanili che hanno partecipato a fine agosto alla Coppa delle Nazioni in Polonia. A sottolineare il grande lavoro svolto dalla Regione ad Ambelia è stato Ettore Artioli. “Con il presidente della Fise Marco Di Paola – ha detto il consigliere nazionale della Federazione – quando un anno fa siamo andati ad Ambelia non credevamo che in così poco tempo si potesse realizzare quello che poi abbiamo trovato a maggio. Questa è la dimostrazione che quando si vuole si possono fare anche cose importanti: un vero atteggiamento di concretezza”. Il nuovo appuntamento di Ambelia rappresenterà un’altra prestigiosa vetrina per la promozione dell’Isola ed è proprio in quest’ottica che l’Istituto di Incremento Ippico per la Sicilia e Veronafiere hanno predisposto un Protocollo d’intesa, che sarà firmato in occasione di Fieracavalli 2019 in programma a novembre, con il quale si impegnano, nell’ambito delle rispettive manifestazioni, a collaborare nelle strategie di valorizzazione dei territori e del turismo.
“Attraverso lo svolgimento di attività e di eventi ippici ed equestri – recita l’intesa – sarà possibile realizzare opportunità trasversali che coinvolgano le eccellenze dei territorio interessati che dovranno generare ricadute economiche e di comunicazione di livello internazionale”. In questo senso, il vincitore del Gran premio “Fastweb” – in programma il 20 ottobre – parteciperà di diritto al concorso internazionale di Verona, mentre il secondo e terzo classificato saranno ammessi al concorso nazionale “121×121”. Di contro, i primi cinque in graduatoria a Verona potranno partecipare alla Coppa degli assi, prevista ad Ambelia il 15 dicembre.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

3 Commenti Condividi

Commenti

    ce ne ricorderemo a palermo presidente

    Nella metropoli tentacolare di Sant’agata di Militello, dove bisognerà prima spiegare che con questi cavalli NON SI FANNO BISTECCATE…

    e dove se no?
    ……. la favorita era e rimane la sede naturale della Coppa degli Assi,
    invece guarda caso ….. dove si porta la manifestazione?
    in provincia di Catania, a posto siamo…..
    Musumeci da quale paese proviene? no! é solo un Caso!!!!!!?????
    eccome se ce ne ricorderemo, povera Palermo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *