Corruzione ai Monopoli, chieste pene per 15 anni - Live Sicilia

Corruzione ai Monopoli, chieste pene per 15 anni

PALERMO
di
0 Commenti Condividi

Pene per quasi 15 anni di carcere complessivi sono state chieste dal pm di Palermo Sergio Demontis nel processo a sei tra imprenditori e funzionari dei Monopoli di Stato accusati, a vario titolo, di corruzione aggravata, abuso d’ufficio e falso. Secondo gli investigatori, per accelerare l’iter di rilascio delle concessioni per l’apertura di sale gioco alcuni prestanome dei boss di Cosa nostra “offrivano” ai funzionari dei Monopoli vacanze, escort e cene. La corruzione funzionava anche per conoscere in anticipo i controlli che l’ente aveva intenzione di fare: i funzionari corrotti in cambio di una cena o di elettrodomestici, facevano sapere ai titolari dei centri che stavano per scattare gli accertamenti. Per Salvatore Magno, ex vicedirettore, il pm ha chiesto tre anni di carcere, cinque per Giovanni Polizzi, funzionario regionale dei Monopoli di Stato, tre anni e sei mesi per l’imprenditore delle sale bingo Michele Spina, imparentato col re dei supermercati Sebastiano Scuto, accusato di mafia. Per Francesco Casarubea, l’ex amministratore della Sala Bingo Las Vegas di Palermo, una delle più grandi d’Europa, il pm ha chiesto due anni e sei mesi, un anno e mezzo per Charles Maenza, che puntava a una licenza per aprire delle rivendite di tabacchi in provincia di Palermo, sei mesi per Giuseppe Cusimano.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

0 Commenti Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *