Corte d'Appello, il dopo Scuto |Il Csm dovrà scegliere tra 12 - Live Sicilia

Corte d’Appello, il dopo Scuto |Il Csm dovrà scegliere tra 12

Per il ruolo di procuratore aggiunto a Catania ci sono state 13 domande.

catania
di
1 Commenti Condividi

CATANIA – Oltre all’erede di Giovanni Salvi al Tribunale di Catania si deve decidere per altri importanti ruoli alla Procura, alla Procura Generale e alla Corte d’Appello. Per il ruolo di procuratore aggiunto a Catania ci sono state 13  domande. Il CSM dovrà scegliere tra i nomi di Rodrigo Gaetano Maria Merlo, Carlo Caponcello, Luigi Patronaggio, Francesco Puleio, Umberto Gioele Monti, Ignazio Fonzo, Giovanni Bombardieri, Roberto Rossi, Marcello Tatangelo, Luca Tescaroli, Pietro Pollidori, Giancarlo Longo, Antonio Di Bernardo. Per il ruolo di presidente di Corte d’appello a Catania ci sono 12 domande. Si sono iscritti: Rosario Giovanni Russo, Cesare Vincenti, Sergio Del Core, Salvatore Barracca, Nunzio Sarpietro, Biagio Insacco, Letterio Aloisi, Maria Grazia Vagliasindi, Giovanni Dipietro, Giuseppe Meliadò, Dorotea Quartararo, Pietro Martello. Otto magistrati hanno presentato le domande presentate al Csm per la nomina a Avvocato generale di Corte d’appello a Catania: Carmelo Petralia, Annamaria Palma Guarnier, Francesco Chillemi, Carlo Caponcello, Luigi Patronaggio, Francesco Puleio, Concetta Ledda, Ignazio Fonzo Sono invece 13 gli aspiranti al ruolo di presidente di sezione al Tribunale di Caltagirone: Elvira Maltese, Guglielmo Trovato, Concetta Angela Roberta Grillo, Giuseppina Storaci, Andreina Maria Angela Occhipinti, Cesare Zucchetto, Francesca Pulvirenti, Marcella Murana, Luca Lorenzetti, David Salvucci, Vittorio Giuseppe La Placa, Antonia Leone e Veronica Vaccaro. (Fonte ANSA).


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

1 Commenti Condividi

Commenti

    I cittadini hanno bisogno di magistrati non solo preparati davvero, ma soprattutto onesti; senza radicamenti sul territorio, ed in particolare non invischiati in logge, sodalizi e congreghe varie (v. lobbies), per le quali talvolta qualcuno, tradendo il giuramento di fedeltà allo Stato, di fatto forse lo tradisce, con il seguire altro tipo di giuramento o impegno, con la scusa di favorire …il fratello comunque, ma lucrando lo stipendio dallo Stato con le nostre tasse! Con buona pace della c.d. imparzialità e giustizia!! A proposito, dov’è la vigilanza seria da parte di coloro che vi son tenuti? E sto’ CSM funziona davvero, oppure forse è manovrato dai poteri forti e correnti varie, come sembra?? Sorgono forti dubbi al riguardo!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *