Delitto al cimitero, il figlio sulla scena del crimine |Il legale: "Se qualcuno ha visto, parli" - Live Sicilia

Delitto al cimitero, il figlio sulla scena del crimine |Il legale: “Se qualcuno ha visto, parli”

Potrebbero partire dalle scarpe le indagini affidate ai due investigatori privati, Angelo Panebianco e Alfio Tomarchio, assunti dall'avvocato Giuseppe Lipera, legale di Fabio Matà,  per cercare di fare luce sulla tragica morte di Maria Concetta Velardi.

indagine parallela
di
3 Commenti Condividi

CATANIA – “Mia madre non si sarebbe mai levata le scarpe così distante dalla tomba”. È sicuro Fabio Matà, figlio della 59enne uccisa martedì pomeriggio al cimitero di Catania, e trovata scalza, che la mamma, Maria Concetta Velardi non era solita togliere le calzature se non per entrare nella cappella di famiglia. Lo ha affermato parlando con il proprio legale, Giuseppe Lipera – assunto insieme all’avvocato Grazia Coco -, nel corso del sopralluogo organizzato dall’avvocato per verificare l’eventuale esistenza di nuovi elementi che possano fare luce sull’efferato omicidio. Potrebbero partire dalle scarpe, dunque, le indagini affidate ai due investigatori privati, Angelo Panebianco e Alfio Tomarchio, due ex poliziotti dell’agenzia veneziana con la sede secondaria a Catania DGS, e assunti da Lipera proprio per cercare di fare luce sulla tragica morte della donna, cercando elementi che possano condurre alla verità.

“Abbiamo organizzato questo sopralluogo – chiarisce il legale – innanzitutto per capire cosa sia successo. Per questo abbiamo deciso di effettuare il sopralluogo alla stessa ora del delitto – continua – per capire se a quest’ora ci sia gente. E abbiamo visto che le persone ci sono, quindi qualcuno potrebbe aver visto qualcosa”. E lancia un appello, chiedendo a chiunque possa aver notato qualsiasi cosa di parlare, anche in forma anonima. Presente al sopralluogo anche il fratello della vittima, Giovanni Velardi, visibilmente scosso al punto da dichiarare ai giornalisti presenti la volontà di farsi giustizia sa sè.

Dal sopralluogo, in ogni caso, non è emerso alcun elemento nuovo: l’anomalia rimane la brutalità di un omicidio perpetrato nei confronti di una donna definita da tutti “umile”. L’autopsia forse potrà fornire agli investigatori nuovi elementi sulle modalità dell’omicidio, anche se non potrà illuminare sul movente, intorno al quale il mistero rimane fitto. “Bisogna capire – conclude Lipera – se si è trattato di delitto improvvisato o se c’è qualcuno che abbia potuto premeditare tutto questo”. Dall’esame del DNA, cui Fabio Matà si è sottoposto volontariamente, potrebbero comunque emergere novità.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

3 Commenti Condividi

Commenti

    vivo all´estero ma sono dalla provincia Catania,ho il terrore quello checordoglio leggo e sconcertante,mi dispiace x la signora,uccidere una persona cosi e agghiacciante non o parole,spero che risolvano questo misterioso delitto,chiedo alle forze dell´ordine di essere piu´presenti e salvaguardare i cittadini,un cordoglio va ai figli mi dispiace tanto,grazie a leive sicilia che mi permette di leggere la cronaca Siciliana Catania,grazie di cuore baci dalla germania-

    Importante che i parlamentari siciliani compreso lo stato sono scortati e sicuri, e litigano per come aumentarsi lo stipendio cercando di succhiare il sangue a noi cittadini.signori parlamentari e stato dovete mettere la vigilanza in questi luoghi solitari e istallare telecamere,come altri cimiteri al nord anno.non dite che i soldi non ce ne in cassa del comune o dello stato,visto che la polizia municipale ha personale in cadenza mettete la vigilanza.

    Ora che nella vicenda c’è l’avvocato Lipera abbiamo due certezze: il colpevole non verrà mai scoperto ma in compenso per mesi si parlerà di questo orribile omicidio !
    Ma chi ha consigliato al figlio della vittima di rivolgersi a Lipera, il padre di Speziale ?
    Oh, poveri noi !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *