Due miliardi per le ferrovie siciliane | Barca: "Velocità e più treni" - Live Sicilia

Due miliardi per le ferrovie siciliane | Barca: “Velocità e più treni”

Firmato il contratto istituzionale di sviluppo per la realizzazione della direttrice Messina-Catania-Palermo, che consentirà il collegamento in 2 ore 25 minuti.

Trasporti
di
10 Commenti Condividi

ROMA – Arrivano 2,5 miliardi per riportare le ferrovie siciliane a un livello “civile ed europeo”. E’ stato infatti firmato il contratto istituzionale di sviluppo per la realizzazione della direttrice Messina-Catania-Palermo, che consentirà il collegamento in 2 ore 25 minuti, con un risparmio di 20 minuti e una maggiore frequenza di convogli. “L’obiettivo – ha spiegato il ministro della Coesione territoriale, Fabrizio Barca nella conferenza stampa a Palazzo Chigi – è quello di avere di una ferrovia normale, civile ed europea”.

Il contratto, firmato da Barca e dal ministro dello Sviluppo Corrado Passera, dal governatore della Regione siciliana Rosario Crocetta e dagli ad di Ferrovie Mauro Moretti e di Rfi Michele Mario Elia, interessa 5 macro-interventi per un totale di 14 opere, per la quali, a fronte di un costo complessivo di oltre cinque miliardi di euro, di cui 2,4 già disponibili. Il termine ultimo per la conclusione complessiva dei lavori è il 2020.

Gli interventi complessivi che scaturiranno dai lavori, dalle progettazioni e dagli studi previsti nel Contratto consentiranno di raggiungere tre risultati: una progressiva forte riduzione dei tempi di percorrenza, con un aumento della frequenza e della qualità del servizio fra queste tre importanti aree metropolitane della Sicilia; un miglioramento dell’accessibilità delle aree interne della Sicilia centrale e meridionale ai grandi centri metropolitani; una maggiore efficienza dei nodi ferroviari di Catania e Palermo.

“Oggi – ha spiegato Barca – la situazione del trasporto pubblico locale tra Catania e Palermo è assolutamente insufficiente, ma è una di quelle di cose di cui si parla in Italia da anni e che attendeva da tempo di essere affrontata”. Moretti, che ha spiegato le caratteristiche tecniche del progetto, ha osservato che “se dobbiamo fare un collegamento tra grandi città dobbiamo puntare alla velocità, ma anche alla frequenza, perché se il treno non è disponibile in maniera abbondante la gente non lo prende”: pertanto l’obiettivo finale é di avere treni ogni mezz’ora nelle ore di punta e ogni 1-2 ore nelle altre fasce orarie.

Soddisfatto Crocetta, che però sottolinea l’importanza di mettere in connessione il sistema ferroviario con quello aeroportuale: “Intanto – ha affermato – incassiamo questo risultato con il sano pragmatismo di chi fa l’amministratore, ma guai se ci fermassimo: il problema del raccordo con l’aeroporto di Trapani si pone immediatamente”. Oggi, ha concluso Passera, “mettiamo sul tavolo oltre 2 miliardi, il resto verrà”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

10 Commenti Condividi

Commenti

    Anzichè firmare il contratto di servizio con Trenitalia, Crocetta preferisce il contratto sugli interventi strategici. Non lamentatevi se fra un pò verranno soppresse alcune corse!

    Ben fatto Crocetta.
    Ministro Barca si occupi pure del traffico marittimo come la sostituzione delle vetuste navi che collegano le isole minori con la Maggiore.
    Ministro sfrutti il suo COGNOME perbacco !:)

    Vuoi vedere che nel 2020 dovremo pentirci di aver remato contro il Ponte?

    Oggi la situazione del trasporto pubblico su rotaia tra palermo e catania non è insufficiente è INESISTENTE!

    Ma quando arriverà un’autostrada, una ferrovia decente o un’aerorto funzionante in provincia di Ragusa?

    Solo 2 ore e 25 per 265 km? Caspita che progresso! E che dire della Metropolitana di Palermo, l’unica al mondo non chiusa ad anello e con corse a mezz’ora di distanza una dall’altra. Certo, quando si vede il neopresidente lombardo che viene eletto con lo slogan “prima il Nord”, o Lombardia in testa i cosiddetti girano a velocità pazzesca. Ma ci vogliamo dare una svegliata? Caro Crocetta, sono i collegamenti aerei low-cost quelli che fanno la ricchezza di un territorio attirando i turisti dalle regioni ricche. Vedi come è risorta la provincia di Trapani, Egadi comprese, da quando c’è Ryan-Air a Birgi. Sviluppa Comiso con i low-cost e poi mettiti a studiare lo stato borbonico che lungi dall’essere uno stato inefficiente come per anni ci hanno fatto credere gli storici bugiardi del nord era uan potenza a livello europeo (vedi la prima ferrovia italiana Napoli-Portici) e dava fastidio agli inglesi che appoggiarono i Savoia e Garibaldi per cancellare un pericoloso concorrente. Riprendiamoci la storia ragazzi! E che dire dell’impero dei Florio fatto a pezzi dal fascismo sempre per privileggiare il Nord?
    Se non acquisiamo una coscienza di cosa eravamo e di cosa possiamo diventare se ci mettiamo a valorizzare le nostre risorse naturali e umane saremo sempre sottosviluppati! E per ultimo smettila di mortificare i regionali; se un allenatore di calcio si mette a dire a tutti che ha una squadra di brocchi e lavativi cosa otterrà? lo scudetto o la retrocessione? Valorizza il personale che hai, incentiva chi lavora bene e non necessariamente con i soldi. Leggiti One-minute manager, con la lode da 1 minuto ed il rimprovero da 1 minuto, e avrai solo da guadagnarci!

    io sono per il ponte , e queste infrastrutture ne sono la prova , avremmo sempre l’handicap nei collegamenti con il resto d’europa , alta velocita una chimera

    gia’ basterebbe un autostrada , almeno !!!

    2 H e 25 min per andare da Catania a Palermo o da Messina a Palermo???

    E QUESTA PRESA PER I FONDELLI CE LA VOGLIONO SVENDERE
    COME CHISSA’ CHE COSA? … CONSENTITEMI DI CITARE UNA FRASE
    DAL FILM “AVATAR” … “CI PISCIANO ADDOSSO SENZA FARCI NEANCHE LA CORTESIA DI CHIAMARLA PIOGGIA”…

    MA LO SAPETE QUANTO CI METTONO I TRENI IN SVIZZERA
    (CHE IN FATTO DI MONTAGNE E PERCORSI ACCIDENTATI E’ MOLTO
    MA MOLTO PIù COMPLESSA DEL TERRITORIO SICILIANO)
    PER LO STESSO PERCORSO???

    MENO DI 1 h e 1/2 … MENO DI UN’ORA MEZZA!!!

    CON TRENI MODERNISSIMI … PUNTUALISSIMI … E SPENDENDO
    QUASI LA META’ DI QUESTI FANTOMATICI 2 MILIARDI DI EURO!!!

    L’ENNESIMA PRESA PER I FONDELLI PER I SICILIANI

    SVEGLIAMOCI … FINIAMOLA DI ESSERE IMBECILLI E IGNAVI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *