E il presidente ritornò psichiatra - Live Sicilia

E il presidente ritornò psichiatra

Lombardo a "Ballarò"
di
5 Commenti Condividi

E’ riuscito a dire, anzi a sussurrare, qualcosa come: chi ci sta, ci sta. E’ riuscito a sminuzzare, tra stacchi e urla, una  riflessione minuscola sui Fas. Ma la serata di Raffaele Lombardo a “Ballarò” non è stata facile. Prima gli hanno chiesto una sorta di consulenza psichiatrica su Berlusconi. E il presidente – memore della sua specializzazione in psichiatria forense – l’ha concessa volentieri, su Noemi e dintorni, escludendo l’infelice colpa. Poi si sono messi tutti a litigare, in pieno stile “chiassata partenopea”. Pannella urlava: “Spinello, spinello!”. Franceschini chiamava sardonicamente Bondi “eccellenza”, Belpietro esibiva il mascellone. Perfino un uomo misurato come Ezio Mauro si concedeva un “Ma si vergogni lei” in ribattuta in danno del ministro Bondi che, a sua volta, espettorava, circonfuso di rossore: “Io sono mite! Sono miteeeee!!!”. E’ stato a quel punto che una telecamera ha inquadrato, pietosamente, il dottor Lombardo. E lì si è visto chiaramente che stava osservando la scena con un rinnovato (e antico) interesse professionale.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

5 Commenti Condividi

Commenti

    Stimato Puglisi,
    ieri, a Ballarò, Lombardo ha trasformato in storia una delle leggende che si rincorrono tra i vicoli di Palermo e quelli di Grammichele (paese d’origne del baffuto presidente). Ha detto: è vero mangio la carta. Oh perbacco! O meglio direbbe il Berlusca, cribbio! Il “signore del vulcano” fa l’analisi psichiatrica agli altri e non si chiede le ragioni di questa mania compulsiva che lo porta a ingurgitare cellulosa? Che sia forse uno strascico delle sue vicende giudiziarie (dalle quali, va detto per onestà, uscì indenne)?
    saluti

    Devo tagliare l’ultima parte del suo commento per ragioni di salvaguardia nostra e sua. Ma il commento resta – comunque la si veda – gustoso. Il commento, non la carta. Saluti affettuosi.

    Da Lei lo accetto. Lo prendo come un gesto di affetto.
    Con stima Nathan

    Se fossimo su Fb scriverei “Mi piace”. Per quanto riguarda Pannella mi piace ricordare che una volta gli uomini più grandi sceglievano l’apice della carriera per ritirarsi, fino a che erano comunque lucidi. Lui è un po’ in irtardo.
    Mentre su Belpietro… che dire con quel mascellone come lo definisci tu potrebbe dire o fare qualsiasi cosa… Persino una spudorata e ai limiti del volgare difesa d’ufficio. Per Berlusconi meglio lui col suo acume e genio che Fede, di cui molto in negativo è stato detto ma mai abbastanza…!
    Fede in una redazione = veline in Parlamento => SCANDALOSO

    Ma il mascellone (alla Capello) è un mero dato cronaca. Come si dice: absit iniuria mascellonis…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.