"I cittadini collaborano |più di quanto si pensi" - Live Sicilia

“I cittadini collaborano |più di quanto si pensi”

Dallo sbarco dei migranti agli omidici di Biancavilla, passando dalla retata antidroga a Galermo. Catania e i catanesi visti dagli occhi del Comandante dei Carabinieri Alessandro Casarsa. L'INTERVISTA VIDEO

L'intervista
di
8 Commenti Condividi

CATANIA – Alessandro Casarsa è orgoglioso dei suoi uomini. Il Comandante dei Carabinieri di Catania non è incline ai convenevoli e agli stereopiti; nell’intervista fiume che concede a LiveSiciliaCatania per Casarsa è fondamentale che i lettori possano comprendere l’operatività e il lavoro che l’Arma svolge per garantire la sicurezza e l’ordine pubblico. Nessun bilancio su questi primi mesi a Catania. “Non mi sento di fare resoconti – dice – quello che posso fare sono delle considerazioni su una città che ha sicuramente delle problematiche, come tutte le grandi città, ma che ha un grande orgoglio e ha soprattutto la grande volontà di risolverle. E poi – dichiara Casarsa – quello che ho notato è che questa popolazione ama questa terra, a volte la critica nelle sue difficoltà, ma quando può collabora e lo fa più di quanto si pensa”.

Ha fiducia nei cittadini il Comandante Casarsa, tanto che quando si parla di omertà mette bene i puntini sulle i. “Io credo – afferma – che non si può parlare di omertà tranne quando parliamo di ambienti criminosi e lì, è chiaro, non ci aspettiamo forme di collaborazione, o meglio ci aspettiamo forme di collaborazione da quelle persone che sono stanche di subire, e quando si rivolgono a noi queste persone sanno che i carabinieri hanno una grande capacità di ascolto, anche dal punto di vista umano”.

Sono stati intensi questi primi mesi di lavoro per Alessandro Casarsa. Appena entrato nella Caserma di Piazza Verga ha affrontato l’emergenza degli sbarchi, poi una maxi retata antimafia, blitz contro lo spaccio e il traffico droga e le faida tra i Clan di Biancavilla con tre delitti in 90 giorni. “Catania non si fa mancare nulla” – commenta il Comandante precisando che ogni vicenda viene affrontata con il massimo impegno “che – precisa – non è mai proporzionato alla dimensione stessa del fenomeno. Per noi carabinieri ha la stessa dignità un piccolo reato quanto un grande reato”.

Con questo spirito Casarsa è andato di persona a Biancavilla per far sentire forte la presenza dello Stato in quella città funestata da rappresaglie criminali e sangue. “Quando sono stato a Biancavilla – racconta – ed ho visto la città in questo clima di terrore, con la gente che aveva paura ad affacciarsi perchè avevano sparato nella città ho pensato che comunque sia la parte sana di quella realtà, che è la stragrande maggioranza, ha bisogno di essere protetta e ha bisogno di sapere che c’è qualcuno su cui può contare”.

Casarsa, durante la conferenza stampa per l’operazione Leo 121 che ha sgominato un gruppo di trafficanti di droga legati ai Santapaola che si erano impossessati di Via Capo Passero a San Giovanni Galermo, affermò: “Abbiamo restituito un quartiere alla città”. Ora il comandante si aspetta una risposta da parte dei cittadini e “cioè – spiega – che capiscano lo sforzo che noi facciamo. A Catania non basta dire abbiamo bisogno di questo, abbiamo bisogno dell’altro e mettersi alla finestra e aspettare che sia qualcun’altro a farlo. Per cui alle persone dico di collaborare con noi, ma non di fare il nostro lavoro. I carabinieri non hanno bisogno di persone che fanno i carabinieri ma hanno bisogno di persone che collaborano”.

Il Comandante Casarsa ha le idee precise anche sul significato di informazione sana. “Io credo che chi fa il vostro lavoro abbia un compito che non è quello di avere il maggior numero di click per chi è sulla rete o di vendere il maggior numero di copie, ma è quello di fare arrivare dei messaggi alle persone che oggi sono bombardate e sono libere di scegliere da che parte sentire le cose. Nel fare informazione si può avere un attegiamento finalizzato a creare allarmismo, a fare scoop e creare momenti di tensione, oppure si può scegliere – dichiara – di fare una sana comunicazione. Quello che c’è di positivo è che attraverso l’informazione si può agevolare la sicurezza, perchè leggendo le varie testate possiamo capire le istanze e cosa interessa alla cittadinanza di questa città, e se sappiamo cosa serve a questa città – aggiunge Casarsa –  sappiamo dove impiegare le risorse che l’amministrazione dell’Arma dei Carabinieri mette a disposizione per poterle fronteggiare”.

E a proposito di informazione e istanze dei cittadini. Da alcune settimane LiveSiciliaCatania ha sollevato un dibattito interattivo con i lettori sui posteggiatori abusivi. I catanesi chiedono a gran voce maggiori controlli da parte delle forze dell’ordine. Casarsa garantisce il massimo impegno su questo fronte: “Da una parte stiamo operando per contrastare il fenomeno attraverso gli strumenti a nostra disposizione, dall’altra parte ci stiamo muovendo per capire se all’interno di queste strutture ci siano delle vere e proprie organizzazioni”. Insomma c’è la volonta a sdradicare la piaga dalla radice. “Ritorno all’esempio del medico – spiega – una malattia si può esprime in un raffreddore ma la causa può essere un virus o un grave male, il compito del buon medico è quello di combattere da una parte la malattia per come si manifesta, ma di colpirla alle cause. E i Carabinieri – chiosa Casarsa – a Catania cercano di fare quello”.

 


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

8 Commenti Condividi

Commenti

    Sinceramente il col. Casarsa mi convince davvero! Sono certo che dara’ molto a questa città!! D’accordo sul terrorismo mediatico! D’accordo sulla collaborazione dei cittadini!! Un ottima persona. Finalmente qualcuno con le idee chiare !!!

    Anche se non sono un simpatizzante dei carabinieri lei m e piaciuto molto nel discutere e nel esprimersi,E SPERO PROPRIO CHE NELLA MILANO DEL SUD INIZIA UNA NUOVA ERA ED E QUELLA DI NUOVE OPPORTUNITÀ LAVORATI ED ALTRO SOLO COSI S PUO FINALMENTE DIRE CHE C SONO I MEZZI PER FARE O CERCARE DI FARE SCOMPARIRE I GRUPPI D DELINQUENTI ECC ECC .

    A me mi sempra strano che i catanesi collabborano con i carabinieri!!!

    Complimenti comandante! CI sono siciliani come me che amano la sicilia e odiano la mafia. Carabinieri si nasce. viva l’arma.

    Colonnello continui così, la sua mano, il suo lavoro si comincia a vedere. Con il procuratore Salvi state facendo un’ottimo lavoro. Non mollate !!!

    A Catania si respira davvero aria di rinnovamento. A quanto pare il Tribunale di Catania adesso lavora davvero a regime! Mi riferisco alle due ultime operazioni antidroga! Colpire la mafia alla base, così si fa !!!! Ottima anche l’informazione, anche se sorge il dubbio su il perché nel giro di tre anni ne sono nate tantissime….. E spesso qualcuno crea anche confusione…. È il caso di dirlo…. aria nuova !!,!,!,!,!,!,!,!,

    Vogliamo tutti più legalità, per noi e per i nostri figli, … siamo con voi! Grazie per quello che fate, il vostro lavoro è una missione.

    Io penso che avendo un riscontro, la collaborazione dei cittadini con le forze dell’ordine, potrà esistere. Penso anche che c’è un risveglio delle coscienze, grazie anche,e soprattutto a giornali on line che hanno denunciato ed hanno permesso di denunciare dando voce ai cittadini che mai si sono rassegnati,di denunciare lo stato di abbandono in cui è precipitata Catania. C’eravamo abituati a tutto! Secondo me bisogna iniziare combattendo l’ignoranza che c’è in questa città. Lo si potrà fare mettendo in sinergia tutte le istituzioni educative a partire dalla scuola e in questo gli insegnanti hanno un bel da fare!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.