Garanzia giovani, ok al bando Ciapi |1200 orientatori verso l'assunzione - Live Sicilia

Garanzia giovani, ok al bando Ciapi |1200 orientatori verso l’assunzione

Col bando "Youth guarantee" l'ente regionale cercava, tra gli altri, 1400 addetti all'orientamento. Sono arrivate solo 1230 domande. Questi lavoratori potrebbero essere contrattualizzati già nelle prossime ore.

70 Commenti Condividi

PALERMO – Sono oltre 1.200. E si possono considerare già vincitori del bando “Garanzia giovani” del Ciapi di Priolo. Mille e ducento orientatori, infatti, presto potranno accedere ai contratti (da uno a sei mesi la durata) messi a bando dall’ente in house della Regione lo scorso 25 luglio. Anche se ancora le selezioni non si sono svolte. Il motivo? Le 1.230 richieste (questa la cifra esatta) giunte al Ciapi non basteranno a colmare tutti i posti messi a bando (quasi 1.400). La selezione, oltre alla valutazione dei titoli, prevede un test di ammissione. Un questionario di dieci domande a risposta multipla, per la precisione. Ad ogni risposta esatta verrà assegnato un punteggio pari a due, per ogni risposta errata un punteggio pari a -1 e zero punti nei casi di mancata risposta. Un test utile a stilare una graduatoria per l’assegnazione dei posti previsti dall’avviso.

Ma, come detto, mentre i posti per il profilo professionale degli orientatori messi a bando erano 1382, le domande arrivate sono state 1230. Così, anche l’assessorato al Lavoro ieri ha inviato una lettera al presidente del Ciapi con la quale ha chiesto di verificare i “presupposti legali” di un’assunzione diretta di quegli aspiranti orientatori, che non passasse quindi dalla prova selettiva. Insomma, oltre a invitare il Ciapi di Priolo ad accelerare l’ter per l’assunzione degli ex sportellisti, l’assessorato al Lavoro ha chiesto se era possibile “assumere direttamente” gli orientatori.

A dire il vero, l’invito a “far presto” che ginge dall’assessorato al Lavoro guidato da Giuseppe Bruno, fa storcere il naso ai sindacati. Le domande di selezione sono state raccolte, infatti, già il 26 agosto scorso, come previsto dal bando. Da quel giorno, però, tutto si è fermato per altri dieci giorni. Il motivo? Stando a Giuseppe Raimondi, della Uil, sarebbe legato anche “al ritardo col quale l’assessorato ha individuato uno dei tre componenti della commissione esaminatrice”. Una commissione che, stando all’Avviso, deve essere formata da tre persone: un funzionario della Regione esperto in politiche attive del lavoro, un funzionario direttivo del Ciapi e dal direttore stesso del Ciapi, con funzione di presidente.

Uno scoglio, questo, che sarebbe però stato superato nelle scorse ore. “Ho nominato – spiega infatti l’assessore Giuseppe Bruno – il funzionario del mio assessorato. Si tratta di Domenico Amich, dirigente del Centro per l’impiego”. Così, l’ultimo ostacolo sarebbe stato abbattuto. Nei prossimi giorni si può procedere con la selezione, la pubblicazione delle graduatorie e infine con la contrattualizzazione di circa duemila operatori. Il bando, che aveva suscitato numerose polemiche (una prima versione fu pubblicata sul sito del Ciapi per poi essere ritirata dopo le repentine e furenti proteste dei sindacati), infatti va alla ricerca di 283 addetti di segreteria, 365 impiegati amministrativi, 1382 saanno addetti all’erogazione delle attività di orientamento e 35 i “responsabili dei processi” (i direttori, insomma).

Ecco invece le domande giunte: per gli addetti alla segreteria sono 375, per i ruoli amministrativi 554, per i responsabili dei processi 104, mentre per il ruolo di orientatore, come detto, ecco 1230 domande. Quelle che potrebbero trasformarsi in assunzione, nelle prossime ore, senza nemmeno passare da una selezione. Un fatto “insolito” che nasconde un paradosso: “Perché sono arrivate meno domande rispetto ai posti messi a bando? – ha spiegato Raimondi – è semplice: alcuni orientatori hanno preferito inviare una richiesta per una qualifica inferiore, pur di assicurarsi il ‘contrattino’, visto che la richiesta a un profilo inferiore consente l’attribuzione di un punteggio maggiore”. Così, mentre restano vacanti 150 posti per Orientatore, per le altre qualifiche sarà una guerra. E se non è una guerra tra poveri, sarà comunque una guerra tra (nuovi) precari.

Articoli Correlati


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

70 Commenti Condividi

Commenti

    RESTA UN DUBBIO: MA TUTTI I CANDIDATI HANNO I REQUISITI DI PROFESSIONALITA’ PER ORIENTARE 30 MILA GIOVANI SICILIANI? SANNO CHE DOVRANNO AVERE COMPETENZE IN POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO, ORIENTAMENTO, INTERFACCIA CON LE IMPRESE ED IN MATERIA CONTRATTUALE? CHISSA’ ….

    EVVIVA finalmente avremo l’orientamento e sopratutto gli sportellisti potranno dedicarsi al duro lavoro dopo mesi di commenti agli articoli di livesicilia. Tutto regolare, 1200 assunzioni per grandi attività. Si faceva prima a chiamarla “garanzia ai soliti”.

    Dott. Sabella dedicherete al CIAPI e a questi nuovi 1200 garibaldini la stessa passionevole attenzione del Piano Giovani? Oppure queste sono cose normali perché ognuno ha i Suoi? Li vedo i vari onorevoli chi a controllare l’elenco! Che schifo

    Ma! Mi sembra una mega messa in scena di selezione di professionalità, poco seria;una formalità per collocare dipendenti di ex istituti professionali, il cui valore formativo, quasi nullo per gli allievi è già noto…..o no!….Si prepara una nuova sfornata di assunzioni di futuri dipendenti regionali,magari tra un decennio, senza concorso pubblico…o forse no!

    @Giobbe
    ma che ti frega intanto assumono tanto se la regione e’ indebitata per 3 euro invece che 1 Cosa cambia visto che in entrambi i casi non può pagare ….
    arriveranno i forconi …
    a non quelli di Ferro… ma quelli di gente disperata e perbene che non ne potrà piu si sentirsi presa x i fondelli e impoverita

    Perchè si continuano a garantire quelle persone che sono iscritta ad un albo ma sicuramente non hanno fatto un concorso? Quale diritto in più hanno rispetto altri cittadini?

    Mah… Picciuli iccati…

    gli orientatori, come le altre figure di sistema, si occupano del settore da tanti anni, quindi, possiedono senz’altro i requisiti. Piuttosto devono preoccuparsi di altre cose. Per esempio: se dovessero accettare un contratto per meno di 90 giorni, potrebbero successivamente, non avere più diritto alla cigd, ammesso che la riconoscano per i mesi pregressi. Per quelli che andranno in aspettativa, se gli enti di appartenenza decidessero, di non accreditarsi per i servizi per il lavoro, scatterebbe il licenziamento. Quindi chi accetta, rinunciando a rientrare negli interventi, successivamente, non avrebbe più diritto a rientrare nella graduatoria di mobilità degli enti. Tradotto: se non si trova un accordo, prima di accettare l’incarico al ciapi, alla scadenza del contratto ci si ritrova fuori dai giochi definitivamente. Mi sembra una specie di purgatorio attraverso il quale si finisce dritto all’inferno. Qualcuno può smentire le mie elucubrazioni, ma con dati di fatto certi, in maniera da fare una scelta in serenità, senza autodistruggerci?

    Per il semplice motivo che trattasi di persone che per la maggior parte hanno 30 anni di servizio. Ma poi perchè non la smettete con il discorso del concorso. Alla regione siciliana non si fanno concorsi da decenni, eppure si sono assunte persone in modo continuo.

    Ma che scrivete a fare, se non sapete niente! Questi 1200 sono persone che lavoravano da 30 anni e che oggi si ritrovano a dover accettare un contratto da uno a sei mesi, senza avere riconosciuti nè livello nè anzianità, dopo quattro mesi in cui non hanno avuto ne lavoro nè un sostegno al reddito. Ma che scrivete, se non sapete i fatti! Si, senza concorso perchè gli enti erano privati, ma abbiamo lavorato. Stà storia del concorso è diventata noiosa, come se non si sapesse come si superano i concorsi e come se avere superato un concorso fosse garanzia di produttività! Siamo una categoria perseguitata e messa in cattiva luce dalla stampa, ma siamo sicuramente superiori a chi scrive fesserie senza capire un tubo o in malafede, come sospetto! Quale concorso hanno superato la signorina scilabra o la signora monterosso che vanno avanti a suon di milioni? Chiedeteglielo!

    Ma se lavori in un ente, un settore, una fabbrica, un’azienda qualunque, ed all’improvviso ti lasciano per strada, ( parla una con 32 anni di servizio) non lotti per riavere il tuo sacrosanto posto di lavoro? Questo è quello che è successo a noi. Perchè siete tutti scandalizzati? Perchè siete convinti che chi è entrato per concorso, non abbia avuto una bella spintarella, per ottenere quel posto di lavoro? Perchè commentate senza aver capito di cosa si parla? Perchè non fare gli stessi commenti quando si parla di fiat o ilva? I soggetti in questione non sono formatori ma professionalità qualificate dalla regione, provenienti dagli enti di formazione, che lavorano, o meglio lavoravano, in collaborazione con i centri per l’impiego. Peraltro quello che ci propongono è un contratto da 1 a 6 mesi, quindi non avremmo comunque risolto nulla. Avete ragione nel dire che è una beffa, ma per noi. Spero di aver chiarito qualcosa.

    Smettetela di parlare a vanvera. Sono una lavoratrice degli sportelli con 30 anni di servizio da quattro mesi senza lavoro e senza sostegno al reddito. Non abbiamo fatto alcun concorso, moltissimi di noi sono stati qualificati a spese della Regione e abbiamo lavorato sodo in collaborazione con i centri per l’impiego e c’è da dire che i dirigenti dei CPI sul nostro lavoro si prendevano gli incentivi. Noi senza stipendi e loro anche gli incentivi sulle nostre fatiche. Quanti lavoratori della regione hanno fatto un concorso? E chi l’ha fatto magari ha avuto una bella raccomandazione. Nellina ha fatto un concorso, Bruno ha fatto un concorso allora rivediamo tutti quelli che non hanno fatto un concorso e gli facciamo un contrattino massimo 6 mesi con perdita di anzianità riduzione di livelli, riduzione di stipendi. Perché ci dovete perseguitare, già ci ha pensato abbondantemente il Governo della legalità…………………………………………………………

    Grande Presidente, grazie ti voteremo sempre. a vita!
    Toglietevi il cappello di fronte a Crocetta.

    I soliti siciliani che non siamo altro. Pronti a criticare tutto e tutti e fare la guerra dei poveri. Perchè non scendete in piazza a contestare i politici per gli stipendi e i vitalizzi che prendono? Perchè? E’ più facile fare le battaglie campali alle persone con 30 anni ed oltre di servizio che affrontare i problemi di petto. Siamo sempre gli stessi… Possiamo essere i vostri genitori…

    Magari fossimo garibaldini a quest’ora non saresti qui acriticare amico

    Sei certo di quello che affermi? Riflettici un pò su, dai, prendi più tempo, forse qualche idea ti passerà per la mente e potresti anche cambiare idea sulla tua approssimazione.

    Questa notizia sulla contrattualizzazione diretta di coloro i quali sono in numero minore rispetto alle richieste del bando non deve spostare di un millimetro la nostra battaglia e inoltre prima Ortisi dovrà verificare se fattibile, se lo fosse cozzerebbe con almeno tre mesi di estenuanti trattative e verrebbe fuori nella sua pienezza ciò che da sempre abbiamo sospettato, cioè melina da parte del ciapi dietro pressione di qualcuno, ciò che non è stato possibile tre mesi fa non vedo come possa essere possibile adesso. Un maldestro tentativo di far vedere che qualcosa si muove, dopo che sono stati accusati di inerzia e perditempo. Il concorso ciapi esisteva e non è cambiato nulle, se non al limite il fatto che alcuni non risponderanno a 10 domande. Non spostiamo il problema su polemiche inutili e sterili o su una guerra fine a se stessa. La nostra concentrazione dev’essere sul futuro, altrimenti non avrebbe avuto ragione di esistere la nostra battaglia, non vanifichiamo ciò che un pugno di lavoratori hanno fatto fino ad ora, non è cambiato nulla, dobbiamo solo continuare il nostro cammino e non farci distrarre da questi tentativi di divisione. Il bando ciapi ci ha svenduti, ha svenduto le nostre professionalità. Un osso la cane affamato, un affronto e una beffa a decenni di onesto lavoro. Andiamo avanti per la nostra strada e chiediamo quello che ci spetta. Lunedì alle ore 8.00 sit in permanente in Piazza Indipendenza e sciopero della fame.
    PS: sono Progettista, per cui potenzialmente dentro ma non m’interessa.

    Sanno che il personale sarà in assemblea permanente lunedì 8 settembre e sbloccano gli orientatori. E tutte le altre figure in esubero?
    Il CIAPI per stipulare il contratto agli addetti, ha ricevuto la copertura finanziaria per il costo del personale, o strada facendo si accorge che alcune figure non li potrà contrattualizzare.
    Bisogna stare attendi questo è un passo errato.

    Da 1 a 6 mesi!…non ci sono parole,tale é l’offesa perpetrata nei confronti di questi padri di famiglia.

    Lunedì 8 settembre alle ore 8.00 inizia il sit in permanente in Piazza Indipendenza degli ex operatori sportelli multifunzionali. Indosseremo una maglietta simbolo dello sdegno verso questa politica che ci ha ridotto al lastrico e faremo lo sciopero della fame. Queste decisioni dell’ultima ora non spostano la nostra battaglia per il futuro che non è e non sarà fatta per un lavoro, tra l’altro a prezzo scontato, che va da uno a sei mesi. Per noi nulla cambia e non leggiamo niente di positivo in questa decisione che anzi leggiamo come l’ennesimo tentativo del “Divite et Impera”

    Quindi in sintesi il CIAPI dovrebbe assumere tutti SENZA
    fare alcuna prova attitudinale e selettiva ?
    Ma va … allora dev’essere annullato il bando , questipotesi non era prevista
    nel bando .
    Qua o ci sono o ci fanno .

    Non va dimenticato che un bando serve a selezionare e , per assurdo , in teoria tutti i candidati potrebbero essere inidonei dopo le prove previste .

    Questo è accaduto giò parzialmente ….

    Ma del progetto Prometeo, non se ne parla più ??? Ancora devono ultimare le assegnazione delle sedi per le ultime figure di tutor, amministrativi e ausiliari, e già pensano ad altri progetti???? Mah…. Rimango basito!!!!

    La informo che il personale in questione svolge azioni di politiche attive del lavoro, di cui l’orientamento è una di queste, da oltre dieci anni e che è stato RIQUALIFICATO DALLA REGIONE SICILIA proprio per svolgere questa attività….quindi parliamo di personale con titoli specifici e professionalità decennale…ma informarsi prima di scrivere corbellerie no?

    Io non sapevo che fosse stato bandito un concorso. Era aperto a tutti?

    Di cosa si occuperebbero nello specifico tutti questi lavoratori?

    speriamo che non facciano lavorare come al solito (I PARENTI RA ZITA ) come si suol dire ,stare attenti ai cognomi anche trasversali ,vero signor Crocetta ,chi sono questi 1200 ? ci sarà chiarezza ? MAAA vedremo ,io ho i miei dubbi .

    superficiale come quelli che hanno buttato il bambino e tenuta l’acqua sporca! che sia messinscena, passi, ma sul valore nullo è una affermazione indegna!

    il trucco c’è, ma cercalo altrove; sei fuori strada!

    con questa storia del concorso per assunzione, si è mestato a non finire e comunque per le figure di sistema c’è stata una selezione regionale, un concorso (strano) perchè il rapporto di lavoro restava di tipo privatistico e perchè, come dice PACO, abbiamo anche più di 30 anni di servizio. credimi non abbiamo rubato nulla e comunque nulla avremo, è tutta un’altra messinscena del “vantone”

    È proprio cosi, un finto bando a cui possono partecipare unicamente determinate persone che certamente in 10 anni di lavoro para pubblico hanno imparato delle cose, ma davvero hanno funzionato I Centri per l’impiego (si tirino fuori le statistiche sulle performance individuali e sui risultati occupazionali creati). La domanda più importante è “ma 10 anni fa questi cd sportellisti chi li ha scelti? Hanno maturato uno status giuridico che li rende diversi dagli altri e che consente di fare un bando pubblico solo per loro?”

    @ Zorro e nonfacciofesta
    Ma chi e cosa dovete orientare ? Già hanno disorientato voi !.
    Allora onestamente diciamo che si tratta di una operazione prettamente sociale: dare un posto a chi si trova sul lastrico. E questo va accettato. A situazioni drammatiche è giuste dare risposte politiche. Ma,per favore, mettiamo da parte ogni retorica sulla professionalità, sulla utilità, sulla produttività , sull’efficienza di lavori, di cui nessuno sente l’esigenza. Vedete! La cosa più umiliante è dare un posto e non un lavoro

    Ti dico io chi dovrebbero essere questi lavoratori, una sono io e mi chiamo Adriana Vitale, nessun legame di parentela, assunta nel lontano 1986 a tempo indeterminato, riqualificata dalla Regione Sicilia nel 2000 per occuparmi di Politiche Attive del lavoro, per 14 anni ho lavorato presso i centri per l’impiego. Nel settembre 2013, il governo della rivoluzione ha deciso di farci fuori per rimpiazzarci con parenti, amici e amici degli amici. Questo è solo un osso buttato al cane affamato, un contentino di un ipotetico contratto che abbassa i livelli e fa perdere tutti i diritti conquistati nel tempo e che va da uno a sei mesi. Inoltre voglio rassicurarvi che i fondi da utilizzare sono dell’unione europea che se non spesi tornano indietro. Non vi agitate, anzi sappiate che a me neppure interessa questo obbrobrio che umilia e mortifica la mia dignità e professionalità.

    Orientatori…. di cosa? Cosa producono? Date le risorse a chi crea VERI posti di lavoro. Queste sono solo una presa in giro. Hanno preso degli sportellisti, regolarmenye senza CONCORSO, li fanno diventare ORIENTATORI (MA DI COSA???) . Le imprese chiudono e licenziano e questi gaeantiscono il posto agli ORIENTATORI prima SPORTELLISTI…. Si ORIENTATORI DI VOTI DI SCAMBIO E SPORTELLISTI DELLE SEGRETERIE POLICHE E DEI SINDACALISTI!!! ALLA FACCIA DI CHI PRODUCE!!!

    @ peppe
    Ma per favore mettiamo da parte ogni retorica sulla professionalità, sulla utilità, sulla produttività , sull’efficienza di certi lavori (orientatori, sportellisti, formatori che siano ), di cui abbiano provato da tempo l’inutilità e l’inefficienza. Cosa farete ? Vi affiancheranno ai Centri di avviamento, dove esiste già un esercito di personale dipendente? Questi non hanno mai prodotto un posto di lavoro; …. statistiche, scartoffie, queste sì, tante.

    Il bando era aperto a chi era iscritto all’albo regionale dei formatori io non ho potuto partecipare per questo motivo…pero dico a tutti i siciliani che scrivono di smetterla di infangare la vittoria di questi posti di lavoro per la gente che peccarità si sarà pure sudato questo posto con gli anni! Quindi cari siciliani smettetela di essere invidiosi quando gli altri vincono i posti di lavoro e siate solidali della felicità degli altri!

    Certo che sono poche le domande rispetto ai posti in palio.il bando richiedeva come requisito l iscrizione ad un apposito elenco tenuto dall assessorato fermo da diversi anni. Mi facciano il piacere e se ne vadano a quel paese. Buffoni!!

    Solo in sicilia si può assumere del personale per orientare i giovani al lavoro che non c’è..per quello non c è bisogno di orientatori che si grattano la pancia..basta collegarsi al sito Ryanair e il gioco è fatto. Addio Sicilia! Mi vergogno di essere nato in questa terra schifosa!

    Ma il bandi era aperto a tutti?

    Bisognava essere iscritti all’albo?

    E se uno non è iscritto a questo albo?

    Adriana Vitale ha ragione!!

    Se i numeri riportati in questo articolo sono giusti, la somma dei posti disponibili è di 2065, mentre le richieste pervenute sono 2263…Qui i numeri non tornano!!! Ma quel famoso 1760 o 1800 è lievitato nel frattempo??

    Grandissimo Presidente, grazie.
    Crocetta sei il migliore e ti voteremo a vita.
    Detrattori, toglietevi il cappello e sciacquatevi la bocca di fronte al più grande Politico della storia siciliana.

    Di comunicare l’Iban per l’accredito dello stipendio!

    Aperto a tutti?
    Vulemu babbiari?

    Evviva Crocetta, noi lo amiamo.

    Sono rosiconi e gufi: viva Crocetta!

    @Giobbe . . . la pazienza è finita!

    A proposito della professionalità degli sportellisti, sentite questa.

    La scena si svolge allo sportello di un CpI della provincia catanese:

    Giovane disoccupato: “Signora scusi, può incidere sullo stato di disoccupazione l’iscrizione ad un Albo?”

    Sportellista, donna ultracinquantenne: “L’abbo? E chegghè st’abbo?”

    Devo aggiungere altro?

    Non c’è problema, perchè non dovranno fare nulla, al massimo si faranno i fatti loro!

    Mi permetto: “divide”, e c’è un eccesso di maiuscole.

    Prometeo: “colui che riflette prima” . . . e si vede che stanno ancora riflettendo

    @ divertiamoci, picchì non ti nni vai a divettiri a villa?
    Noi il diritto lo abbiamo e come se lo abbiamo…
    Via Crocetta!

    SIAMO TALMENTE PRESI DAL GUSTO DELLA RISSA CHE SI FA FATICA A PORRE UN PROBLEMA SENZA ESSERE INSULTATO. IO NON HO VOLUTO OFFENDERE GLI SPORTELLISTI MA PORRE UN PROBLEMA DI PREPARAZIONE AD UN COMPITO CHE NON E’ FACILE. BASTA LEGGERE LA CONVENZIONE CON LO STATO PER LA GARANZIA GIOVANI PER CAPIRE QUALE MONTAGNA DI PROBLEMI CI SIANO. LA CISL HA DENUNCIATO PUBBLICAMENTE CHE NESSUNO SI E’ ANCORA PREOCCUPATO DI FORMARE GLI SPORTELLISTI. INSOMMA SI PUO’ ESSERE IN DISACCORDO MA BISOGNA ANCHE SAPERE ASCOLTARE GLI ALTRI

    Si, anche senza qualifica di orientatore…..

    questo gia si preoccupa se avra diritto alla cigd…ma andare a trovarsi un lavoro no vero?

    Scusami ma che fanno di mestiere gli orientatori?

    @Adriana: se mi permette vorrei farle alcune domande visto che non ho mai capito bene di cosa trattano queste vicende legate alla formazione.
    Posso chiedere che qualifica o titolo di studio viene richiesto per poter essere assunti?
    In che cosa consiste nel pratico il vostro lavoro, cosa fate in soldoni?
    Chi orientate esattamente lavoratori che hanno perso il lavoro, giovani disoccupati? Come e verso cosa li orientate considerando la grave disoccupazione? Mi scusi se le faccio queste domande ma è per capire meglio viste la scarsita di informazioni che trapelano da questi articoli…

    NON HO CAPITO E LE PROVE DEVONO ESSERE FATTE SOLO DAGLI AMM/VI PROVE PER NESSUNO VISTO CHE GLI ORIENTATORI E’ PERSONALE QUALIFICATO ANCHE GLI AMM/VI E’ PERSONALE QUALIFICATO DELLE 554 DOMANDE ARRIVATE RIGUARDO PROFILO AMM/VO CHI E’ NEI 365 POSTI NEL BANDO VIENE ASSUNTO SENZA ALCUNA PROVA E SIA PER IL PROFILO DI SEGRETERIA E NEL PROFILO RESP.LE DI PROCESSO.
    SE NO’ VIENE IL DUBBIO CHE NEI 1230 C’E’ DEL MARCIO

    Dice bene Adriana,
    occorre non diversi, del resto le figure che loro sempre hanno voluto sono gli orientatori e i progettisti fra l’altro adesso assunti di V Livello. Per loro gli amministrativi e gli ex direttori forse non occorrono che ci siano.
    Il Bando è unico, dopo la selezione e le graduatorie, devono essere i rispettivi contratti di tutti i lavorati quando meno dei 1753.

    D’ACCORDO CON IL MESSAGGIO DI INCAZZATISSIMA DEL 06/09/14 QUELLO CHE DICE E’ VERO PERO’ IL BANDO GARANZIA GIOVANI MICA RECITA SE LE DOMANDE DEI CANDITATI A SECONDO IL PROFILO E’ INFERIORE AI POSTI IN BANDO NON SI EFFUTTUANO LE PROVE SCRITTE PERCIO’ ANCHE PER GLI ALTRI PROFILI ANCHE SE LE DOMANDE SONO SUPERIORI AI POSTI IN BANDO NON DEVONO EFFETTUARE ALCUNA PROVA SCRITTA SI ESAMINANO LE DOMANDE CHI HA I REQUISITI PER LE POLITICHE ATTIVE SUL LAVORO ENTRA IN GRADUATORIA SE NO ‘ QUESTO MI FA PENSARE A DEL MARCIO NEI CANDIDATI NEL PROFILO DI ORIENTATORE CHE NON HA I REQUISITI O FARE POSTO O SALVARE QUALCHE AMICO DI TROPPO.
    VISTO CHE IL 05/08/14 ALL ARS TUTTE LE SIGLE SINDACALI HANNO AVALLATO UN BANDO ILLEGGITTIMO E CHE NON SI POTEVA MUTARE ADESSO TUTTO E’ POSSIBILE IN POCHI GIORNI ASSUNZIONE DIRETTA DI UNA PARTE DEI 1753 O 1800 A SECONDO IL POLITICO CHE NE PARLA COMPLIMENTI AL SIG ORTISI PRES.TE CIAPI CHE E’ STATO INTRANSIGENTE AD AGOSTO A SETTEMBRE ENTRA IN SENILITA’

    Nessuno decide di entrare in un gruppo di lavoro con l’intenzione di essere imbrogliato e manipolato ma è quello che è successo a quelli che hanno lavorato nella formazione professionale in Sicilia.
    Tutti quelli che si sono imbattuti con l’organizzazione degli Enti di Formazione (e di conseguenza con la politica del momento)hanno subito Un controllo emotivo che a lungo andare ha diminuito la loro auto-consapevolezza, distorcendo e restringendo la portata della propria vita. Come nelle sette che si impadroniscono emotivamente dei membri tenendoli in situazioni di dissesto, così i padroni degli Enti di formazione (i politici) hanno tenuto in pugno il personale.Da una parte ti facevano sentire esclusivo, sommergendoti di lodi, per incitare lealtà e devozione,dall’altra se non stavi al gioco venivi deriso, isolato, diventavi un “inconcludente sfaticato”e ancor peggio “inosservante delle regole”. D’altra parte i Direttori collusi con Presidenti e Politici di turno spendevano molto tempo ed energia a manipolare il senso di colpa e paura,per renderti dipendente al sistema, che a loro (i politici e alti burocrati) fruttava fior di milioni (di euro).Hanno usato qualsiasi mezzo disponibile inclusa la corruzione.La rabbia la collera il disdegno, l’amore per la giustizia l’equità venivano chiamati sentimenti “egoistici”. Ci si aspettava che i poveretti (i lavoratori) pensassero sempre e soltanto al benessere dell’ente (e di conseguenza ai politici che facevano la cresta) al rispetto delle regole anche sbagliate, mai a se stessi e alla giusta e legittima pretesa di una retribuzione adeguata e regolare.
    Paura! Molta paura. Anche se il messaggio della “Direzione” iniziava con serietà e idealismo, una volta che si entrava nel circuito a livelli più profondi il nostro mondo lavorativo diventava un mondo di paura, paura di non essere pagati, paura del futuro e dell’olocausto dei dipendenti, paura di perdere quel poco di gioia di vivere che ti era rimasta, paura di essere malati, anche per la consapevolezza di restare ancora e credere ai bla bla di tutti quelli che ruotavano nel sistema. Assessori, Segretari politici di turno Responsabili regionali con le loro incongruenze e instabilità ti instillano paure per legarti ancora di più alla compagine, la paura ti legava ai fratelli di sventura sfruttati fino all’osso, fino al punto che tutti diventano fobici o paranoici, accrescendo ancora di più lo stato di disagio mentale e fisico che non apparteneva più solo ai nostri utenti sinistrati ma a tutti noi.
    Una fobia è una reazione di paura abnorme e irrazionale verso qualcuno o qualcosa , può provocare aumento del battito cardiaco, secchezza delle fauci, sudorazione, tensione muscolare, si sta male molto male. Chi è stato dipendente della formazione professionale ha avuto e praticato l’indottrinamento sistematico alla fobia, da cui non si è mai saputo liberare, il lavoratore pensa che fuori dalla formazione e dalle tirannie degli enti non sia possibile una vita felice e piena di successo pertanto seguita a lavorare a essere sfruttato a patire torture psicologiche da aguzzini gerarchici sino ad arrivare a loro!Quelli che tirano il filo del loro destino, che si cibavano e sbafavano con il nostro sudore della fronte! Andavano in vacanza,spendevano patrimoni,raccomandavano figli suocere mariti e mogli, si vantavano con prosopopea delle loro azioni, trattando come fantocci tutti quelli che stavano sotto la loro giurisdizione.I lavoratori sono diventati la poltrona di pelle umana dei corrotti della Regione! Anche il patetico impiegato sottomesso, curvo,strisciante e spione faceva la sua parte,come un cerbero difendeva la sua postazione( spesso non per denaro ma solo qualche permesso di uscita anticipata), non disdegnava di conficcare al collega la lama di un coltello di ricatti di comportamenti aggressivi sollecitati dalla compiacenza del Direttore dell’Ente e chi stava dietro di lui.Tutto ciò Per distruggere psicologicamente il “ribelle” fino a portarlo alla decisione di licenziarsi (o trasferirsi di ufficio o comunque andarsene in qualunque modo).Doppio scopo per i gerarchi della formazione professionale! quelli sottomessi apparentemente al sistema, restano asserviti e pedine a loro uso e consumo, quelli scomodi che desideravano giustizia venivano mobbizzati,nonostante ciò i lavoratori non riescono a staccarsi dal loro lavoro! Similmente il distacco provoca lo stesso dolore che alla separazione da un vizio o da una dipendenza,ma chi ci riusciva lasciava un posto vuoto pronto per essere rimpiazzato dal raccomandato di turno quello che compiaceva, ma, non si sa Come aveva sempre qualche incarico importante è sempre in “Mission” come si dice in Inglese.Morale: Siamo dentro un sistema fatto di gente che lavora per favorire chi non lavora e occupa un posto di rielievo nella scala politica.Non ricordo in 25 anni di lavoro un sistema più idoneo, non ricordo un lavoro fatto con dignità e non soggetto all’assessore tal dei tali o ancor peggio ai comodi dell’assessorato inteso come staff.Molti dipendenti dell’assessorato alla formazione professionale sono stati un’associazione a delinquere di stampo mafioso,rimproverando noi che non avevamo fatto il concorso! Mi chiedo se loro lo hanno fatto!Ma gli Enti sono stati inventati dai dipendenti della formazione? L’assunzione diretta è stata una nostra invenzione? Allora usciti dall’oblio di tanti anni di sopprusi sarebbe bene coinvolgere tutto ciò che fa rumore a livello Nazionale dovremmo denunciare a largo raggio ciò che abbiamo vissuto! Una denuncia collettiva di danni morali e materiali alla persona.La colpa è anche di tutti quelli che lavorano male,che non lavorano affatto,che hanno il loro posto e se ne fregano di noi, la colpa è di quelli che non si mettono d’accordo, che non sanno lottare per la giustizia,che non si sanno esprimere perché fondatamente ignoranti,(la quantità di parole usate in un discorso e la loro varietà precludono un pensiero profondo e ricco di significato).Loro parlano come politici, mezze frasi mezze parole,burocrati accusati assenti, giustificazioni non alla luce del sole, di cosa si spaventava la ex maxi burocrate nostrana non poteva parlare in pubblico? è colpa anche di coloro che ci governano che non sono all’altezza! A proposito mi chiedo chi ha preso i soldi della premialità del Fse avviso 1 e 2 ? Noi no! ci siamo solo ammazzati di lavoro per raggiungere gli obiettivi!! Infine quelli che non conoscono la situazione stiano zitti per favore !

    Io sono un Orientatore, se siamo in strutture regionali tipo i CPI ha senso svolgere un lavoro qualificato.
    Con il progetto Spartacus mi risulta che alcuni dipendenti, ospitati presso strutture comunale, non hanno svolto un lavoro efficente e con ottimi risultati.
    Bisogna dire che occorrono idonei attrezzature e programmi capaci di accogliere la platea di disoccupati, cassintegrati e altro.

    Il personale amiinistrativo rimarrà fuori. Il numero è eccessivo, rispetto alle domande.

    Tutti erano sicuri che le cose sarebbene andate benissimo con il CIAPI.
    Invece con gli Enti tutti questi problemi non c’erano.

    @senzafiltro è certamente una persona sveglia ed è uno che comincia a vedere il contesto in cui si muove la nostra società e la domanda che pone è, secondo me, lecita ed intelligente e non sarà attraverso queste note che potrà arrivare ad una risposta perchè passa troppa rabbia, parlano anche gli sciocchi superficiali e dimenticano troppo spesso che il lavoro da noi è merce di scambio, che chi ti vuole dare una mano e far capire a te stesso cosa sei capace di fare chiedendoti singole abilità, passioni, in definitiva parlando con le persone come se fossero (sono) delle..persone, per illustrarti vie alternative, lo fa in una regione in cui mancano le “politiche di sviluppo”, una regione dove gli imprenditori sani sono indifesi, dove si parla di turismo e si devasta il territorio, dove si parla di progetti e si restituiscono i soldi a Bruxelles magari perchè gira e gira non si è trovato un parente (loro) a cui far vincere i fondi.
    in queste sabbie mobili l’orientatore (la figura di sistema) si confronta con le migliaia di persone che prima di noi e come noi hanno perso il lavoro per l’incapacità politica di tanti, troppi mistificatori che, credimi non saprei proprio come riorientare al lavoro.

    Ma questo aneddoto non lo avevi raccontato attribuendo la frase ad una impiegata del CPI? Gli sportellisti sanno benissimo cosa é un albo …

    Il ministero del lavoro dice che in sicilia ci sono 76.000 potenziali utenti dei servizi per la garanzia giovani, 76.000 diviso 1.200= poco più di 63 utenti per addetto, in sei mesi/20 gg lavorativi vuol dire che ogni addetto dovrà accompagnare 1 lavoratore ogni due giorni.
    Avete fatto le pulci agli altri avvisi di società ministeriali e governative, per favore adesso mettete mani a questo scempio.
    Peraltro accompagneranno questo utente ogni due giorni verso cosa? Verso l’ennesimo colloquio di orientamento? Verso quali opportunità di inserimento?
    Grazie

    Tanto per cominciare non si sa se il lavoro sarà per sei mesi! Poi diciamolo pure quello Quello che oggi l’assessorato potrebbe dare vale per quello che ci ha tolto in passato.È anche un riscatto dei sacrifici che abbiamo fatto per mantenere i figli le mogli e le amanti dei politici che anziché produrre se ne stavano chissà dove.Poi tornando al numero di utenti per ciascuno è un bene poter seguire un disoccupato ogni due giorni, in quanto chi non ha mai fatto un colloquio di orientamento, non Sa che gli interventi per ogni persona sono delle anamnesi lavorative lunghissime dove l’operatore deve far vedere all’utente in base alle sue capacità e competenze varie possibilità lavorative.A volte anche due giorni non bastano e si instaura altresì un rapporto di fiducia e si diventa come un assistente sociale del lavoro a cui rivolgersi per avere sostegno e illuminazione.Non parlate se non sapete!

    Io ho conosciuto molti tra coloro che sono nella Formazione, la maggior parte di loro è buona solo a scaldare la sedia. Non sono buoni neanche ad orientare se stessi.
    Logicamente qualcuno tra loro ha buone capacità ma si contano nelle dita delle mani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *