Gettò la figlia nel cassonetto | Dopo 5 mesi, arrestata la madre - Live Sicilia

Gettò la figlia nel cassonetto | Dopo 5 mesi, arrestata la madre

I rilievi della Scientifica in via Di Giorgi dove la piccola Giorgia è stata abbandonata in un cassonetto dei rifiuti

La donna dovrà rispondere di omicidio aggravato e occultamento di cadavere. Oggi è stata prelevata dai carabinieri e portata al carcere di Pagliarelli.

2 Commenti Condividi

PALERMO – Omicidio aggravato e occultamento di cadavere. Cinque mesi dopo avere abbandonato la figlia neonata in un cassonetto della spazzatura arriva la clamorosa svolta nell’inchiesta. Valentina Pilato è capace di intendere e volere e può reiterare il reato. Ecco perché il pubblico ministero Maurizio Bonaccorso ha chiesto e ottenuto che la mamma di Giorgia venisse arrestata e trasferita al carcere Pagliarelli di Palermo. L’ordinanza di custodia cautelare è stata eseguita dai carabinieri.

La decisione coglie di sorpresa i legali della ragazza, gli avvocati Enrico Tignini e Dario Falzone, che avevano fatto ricoverare a lungo Valentina Pilato in una clinica privata. La donna, che dopo le dimissione era andata a vivere in casa dei genitori e lontano dagli altri due figli, inizialmente era indagata per infanticidio. I periti nominati dal giudice per le indagini preliminari Ettorina Contino, davanti a cui si è svolto un incidente probatorio, hanno concluso che l’indagata aveva piene facoltà mentali quando abbandonò la bimba in un cassonetto in via Ferdinando Di Giorgi. Il corpicino senza vita era stato trovato dentro un borsone da un uomo che rovistava nei contenitori in cerca di ferro vecchio.

La donna, che risiedeva a Gemona in Friuli, era venuta a Palermo per partorire. Adesso dovrà rispondere di omicidio aggravato e occultamento di cadavere.

 


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

2 Commenti Condividi

Commenti

    Era ora, e che diamine !

    E del piccolo Giorgio ? Vi ricordate, il bimbo di 3 mesi percosso e ridotto cieco e sordo dai suoi genitori, non se ne parla più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *