Gettò la figlia nel cassonetto| "Non imputabile": assolta - Live Sicilia

Gettò la figlia nel cassonetto| “Non imputabile”: assolta

L'avvocato Enrico Tignini

Sotto processo c'era una giovane mamma, Valentina Pilato.

LA SENTENZA
di
4 Commenti Condividi

L'avvocato Enrico TigniniPALERMO – Assolta perché non imputabile al momento del tragico evento, revoca degli arresti domiciliari, e nessuna misura di sicurezza. È una vittoria piena per la difesa di Valentina Pilato, la mamma che abbandonò la figlia neonata in un cassonetto, uccidendola.

Omicidio, ma senza l’aggravante della premeditazione. Con questa accusa il pubblico ministero Maurizio Bonaccorso aveva chiesto la condanna a 21 anni e 2 mesi di carcere per la donna.

Secondo la Procura, la donna era nel pieno delle sue facoltà mentali quel tragico giorno di novembre del 2014. Sul punto, però, c’è stato uno scontro fra periti. Quelli chiamati in causa dalla Corte d’assise – Francesco Bruno e Maria Pia De Giovanni – avevano sostenuto che Valentina Pilato non era in grado di intendere e volere. Si liberò della piccola come si fa di “un oggetto pericoloso che la mente della madre si rifiuta di considerare un figlio”. Una tesi in linea con quella del perito della pilato, difesa dagli avvocati Enrico Tignini (nella foto) e Dario Falzone.

Di diverso avviso i consulenti del gip, secondo i quali l’imputata, malgrado avesse un disturbo di adattamento, era lucida. Nei mesi scorsi a Valentina Pilato il Tribunale del Riesame aveva concesso gli arresti domiciliari sulla scia di quanto stabilito dalla Cassazione. Secondo i supremi giudici il carcere, chiesto e ottenuto dalla Procura a distanza di 5 mesi dal fatto, non sarebbe stata la misura adeguata. Inizialmente i pm avevano contestato alla giovane mamma il reato di infanticidio, l’imputazione, però, è stata modificata in omicidio volontario


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

4 Commenti Condividi

Commenti

    Ormai tutti hanno imparato il sistema cioè si fan passare per dementi oppure depressi o ancora sotto effetto di stupefacenti ed evitano la galera . Viva la democrazia viva l’Italia .

    Assolta??? Preferisco non commentare!!!

    Se ha una coscienza quella è la condanna a vita. Terribile.

    Ottima decisione, ma teme il piacere, almeno la decenza di non pubblicare queste oscenità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *