Granata parla su tutto | Ma non su Lombardo - Live Sicilia

Granata parla su tutto | Ma non su Lombardo

Il silenzio dell'onorevole antimafia
di
21 Commenti Condividi

Nelle ultime settimane ha bacchettato destra e sinistra (destra soprattutto) su tutto lo scibile umano. Un’intervista dopo l’altra, un profluvio di pareri sulla Santanchè (Il Riformista, 5 gennaio) e i minori stranieri (Secolo d’Italia, 12 gennaio), Cosentino peggio di Pomicino (Il Fatto, 30 gennaio) e Verdini (“Se fossi in lui mi sospenderei”, Riformista, 12 febbraio). Un censore nelle fila dell’ex An che ha fatto della trasparenza e della legalità la sua battaglia politica. Parliamo di Fabio Granata, ex assessore al Turismo, ex presidente della commissione antimafia regionale, siracusano, fedele alleato di Raffaele Lombardo e di Gianfranco Miccichè nella nascita del Lombardo-ter e nella costruzione del nuovo partito del Sud. Logico, quindi, aspettarsi una qualche reazione dopo  lo tsunami che ha colpito il governatore accusato dalla Procura di Catania di relazioni pericolose con esponenti vicini a Cosa Nostra. Lo abbiamo cercato ieri, l’onorevole Granata, proprio per intervistarlo sul caso Lombardo. E lui, gentilissimo come sempre: “Mi richiami alle 15 e parliamo”. Alle 15, però, il cellulare dell’uomo che vuole scegliere i candidati Pdl all’Antimafia (Libero, 14 gennaio), che gridava dalle colonne del Secolo il suo no alle candidature sospette (18 febbraio), che ribadiva sullo stesso quotidiano ex An l’adozione da parte del Pdl del codice antimafia (24 febbraio) coniando lo slogan “Meglio uno voto in meno e un onesto in più in lista (Liberazione, 24 febbraio), l’uomo che sul Fatto del 28 febbraio minacciava che “dopo le regionali faremo i conti nel partito”, risultava spento. Oggi l’abbiamo rintracciato. Ancora gentilezza: “Sentiamoci la settimana prossima”. Un riserbo strano per uno che sino al 4 marzo scorso confermava la sua lealtà al partito “ma con le mie idee” (intervista al Secolo). Ecco le sue idee sulla vicenda Lombardo, sul silenzio di Confindustria, sulle accuse di Rita Borsellino, non le vuole esprimere. Oggi sul Riformista dedica invece  una paginata al suo pensiero sulla pillola abortiva.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

21 Commenti Condividi

Commenti

    Ma ormai lo hanno capito pure i bambinetti dell’asilo che Lombardo, per schermare il suo malgoverno – quelo che tira avanti con l’aiuto delle logge e delle lobby – si era costruita una sua antimafiuccia privata: Massimo Russo, Caternina Chinnici, Beppe Lumia, Fabio Granata. Sembrava il Circolo della nuova Santa Inquisizione. Fino all’altro ieri. Quando hanno saputo dell’inchiesta a carico del loro dante causa però i quattro cavalieri dell’antimafia pret a porter sono diventati tutti super garantisti. E soprattutto muti.

    Più che una Granata, un petardo.

    Bellissimo articolo …in pratica vuole vedere come va a finire prima di esprimersi.

    Se vi ha parlato gentilmente non era lui, Granata gentile può essere solo ironia… mai conosciuto politico più sgarbato, irascibile, iracondo e scontroso di Granata.

    fa bene l’on. Granata a non parlare di Lombardo, se no che antimafia è?

    La santa inquisizione sembra questo forum, fino a prova contraria a carico del Presidente non esiste un bel niente, c’è stata semplicemente una fuga di notizie su un dossier presentato dalla digos alla procura che ancora dovrà attenzionare. Vedi caso una fuga di notizie che dalla stessa procura è stata definita di chiara matrice politica in una parte di Sicilia, la provincia di Catania, dove è risaputo risiedere la parte di quel PDL più ostile al Presidente
    Mi chiedo per quale motivo ci si scandalizzi se confindustria o se l’On Granata o chiunque non commenti “il niente” sia da giudicare….

    Scusate e perchè su cosentino non vuole vedere come và a finire, la verità è che questi professionisti dell’antimafia sanno solo vivere sulle discrazie non accertate degli altri,
    la coerenza e una cosa seria o parli per tutti o non parli per nessuno ON.granata questo vale anche per On. Lumia

    in compenso avete visto com’era raggiante dalla felicità per la vittoria della Roma, all’olimpico? Tutto scodinzolante e ai piedi della Sensi….
    Che tristezza.

    Ve lo dico io perché nessuno vuole dire alcunché: perché, i politici tutti, tranne qualche eccezione (questa, più rara dell’araba fenice), hanno i loro scheletri nell’armadio ‘_’

    sono fabio granata.non avendo scheletri nell’armadio posso parlare di tutto senza reticenze.il mio percorso politico e’abbastanza caratterizzato da posizioni non sempre popolari o in linea con il mio schieramento.non ho commentato semplicemente perche’in quei giorni e’ morto mio padre.vi basta?a differenza di molti posso parlare di questioni di mafia sempre e in assoluta liberta’.non so’voi.resto a vostra disposizione.fabio granata

    Ma c’e’ ancora qualcuno che da conto a granata che non e’ manco riuscito a farsi rieleegete deputato regionale da assessore uscente??? Ma questo un mestiere ce l’ha?? O e’ un altro miccicheiano a tanto al kilo???

    in ogni caso quando volete aprire un dibattito su mafia,trasparenza amministrativa,informazione,potere economico e collegati,in sicilia,resto disponibile come sempre.da parte vostra bastava consultare la pagina siracusana del giornale di sicilia per capire perche’alle 15 il mio cellulare era spento.e il rinvio alla prossima settimana mi e’ stato proposto dal mio interlocutore che parlava a nome della vostra redazione.a questo punto capisco maliziosamente….

    Avendo la fortuna e l’opportunità di seguire spesso Fabio Granata, ne conosco innanzitutto la qualità di non sottrarsi mai al confronto. Lo si può condividere o meno ma in pochi in Sicilia hanno fatto le battaglie che lui, ed un manipolo di pochi altri, hanno sostenuto in difesa del territorio e dell’identità siciliana.
    Se non è stato eletto da assessore regionale uscente forse lo deve proprio a questo: alla capacità di occuparsi dei grandi temi trascurati da molti( no alle trivellazioni, recupero di tutto il patrimonio monumentale, no all’invasione dell’eolico nel val di noto, ecc.)sacrificando i piccoli favori di cui si alimenta la politica che tutti a parole vogliamo combattere ma che a tanti alla fine fà comodo. E poi….magari potremmo anche considerare che tre giorni fà ha perso il padre e che magari in questo momento ha altro cui pensare che a Lombardo….. Troppo spesso ci dimentichiamo di restituire umanità alla politica e forse…anche questa volta abbiamo perduto un’occasione…

    è sconcertante come ancora certi politici e sopratutto magistrati possano ancora stare in un governo dove solo l’ipotizzare certi legami con la mafia, mi fanno rabrividire. On granata ma come mai per lombardo non avete lo stesso comportamento, siete o no professionisti dell’antimafia oppure siete degli opportunisti della politica con la p minuscola poiche tutti quelli che stanno mantenendo in vita questo governo siete solo dei miracolati.

    Gentilissimo onorevole Granata, nessuna malizia da parte nostra ma semplicemente desiderio di conoscere il parere di un politico che ha sempre combattuto in prima linea contro il malaffare e la criminalità, pagandone anche un alto prezzo. Non sapevamo del lutto che l’ha colpita (a Palermo la pagina siracusana del Gds non arriva) e vogliamo porgerle le più sentite condoglianze. Una sola domanda: ma perchè sul tema della pillola abortiva ha invece voluto parlare venerdì col giornalista del Riformista? Intanto raccogliamo la sua proposta d aprire un dibattito su mafia, trasparenza, informazione e quant’altro: quando sarà disponibile sarà un onore ospitare un suo intervento.

    @ on. Fabio Granata
    CARISSIMO ON. GRANATA nel manifestarle le più sentite condoglianze per il venir meno di suo padre cosa che non era nota almeno a tutti, ma comununque volevo chiederle cosa nè pensa del governatore visto che come è noto negli ultimi tempi a livello nazionale è stato un attento commentatore.
    Inoltre come siciliano le chiedo le sembra giusto che continuate a livello politico a sostenere il governatore eletto da una colazione e di fatto governa con un’altra maggioranza questa e democrazia????????? io penso prorpio di nò libero di fare alleanze ma rpima delle elezioni, allargamenti magari ma quello che state facendo io penso che elettoralmente e profondamente scorretto.
    aspenttando delle risposte le rinnovo le condoglianze e per quello che serve una buona pasqua.
    saluti

    Io, lo so siamo in pochi, posso, checché ne dica un autorevole politico, parlare ai quattro venti di malaffare poiché la mia coscienza è candida; non metterei la mano sul fuoco per gli altri, soprattutto se questi sono politici.

    Ma per caso ….solo l’On. Cuffaro ha avuto i voti dalla mafia?
    Ci piacerebbe che l’On. Granata ci rispondesse nel merito.
    LA LEGGE è UGUALE PER TUTTI? O PER CUFFARO E DIVERSO?
    CHI SBAGLIA PAGA ..DICE L’ON.LUMIA , MA PER CASO SI RIFERIVA SOLO A CUFFARO O ANCHE A LOMBARDO?
    UN CORDIALE SALUTO.

    quoto con giulio ottima domanda

    visto che abbiamo l’onore di avere l’on. Granata tra di noi, apriamo il confronto sulla cultura mafiosa: come mai non ha ritenuto di scagliarsi contro il presidente Cuffaro, inquisito e condannato per mafia, quando era suo assessore? come mai non si è dimesso dal governo Cuffaro? non ritiene che denunciare il cuffarismo sia ipocrita da parte di chi è stato vicepresidente di Cuffaro? non ritiene che dare patenti di antimafioso sia politicamente truffaldino da parte di chi è stato per dieci anni strettissimo collaboratore di Cuffato?

    @on. Granata
    quando può io attendo una sua risposta grazie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.