Il boss ergastolano mandava i saluti attraverso il cappellano del carcere - Live Sicilia

Il boss ergastolano mandava i saluti attraverso il cappellano del carcere

Il retroscena emerge dal blitz che ha portato all'arresto di Giuseppe Costa, carceriere del piccolo Di Matteo
1 Commenti Condividi

PALERMO “Buongiorno, mi ha detto qui che… Vito... ti, vi manda un caro saluto e spera di vedervi presto”. Così diceva il cappellano del carcere di Parma, Giovanni Mascarucci, a Giuseppe Costa, il carceriere del piccolo Giuseppe Di Matteo, tornato in manette ieri mattina. Il frate non è indagato.

Costa era tornato in libertà il 3 febbraio 2017. I carabinieri e gli agenti della Dia di Trapani ascoltavano le sue conversazioni. Tra le telefonate registrate dalla Direzion e investigativa antimafia emerge una conversazione datata 23 novembre 2019, tra il cappellano del carcere di Parma, Giovanni Mascarucci, e Costa.

A mandare i saluti era Vito Mazzara, boss condannato all’ergastolo per vari omicidi, detenuto a Parma e recentemente assolto per l’uccisione del giornalista Mauro Rostagno. Mazzara è lo zio della moglie di Costa.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

1 Commenti Condividi

Commenti

    alla faccia del cappellano i miei complimenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *