Il primario e il femore | "Sono innocente" - Live Sicilia

Il primario e il femore | “Sono innocente”

Ma spuntano nuove accuse a suo carico. Le frasi-choc.

Le intercettazioni
di
1 Commenti Condividi

MILANO – Respinge “in toto le accuse” Norberto Confalonieri, il primario di ortopedia arrestato a Milano e accusato di corruzione, turbativa d’asta e di lesioni sui pazienti. E’ quanto fa sapere il suo difensore, l’avvocato Ivana Anomali, precisando che “gli stralci delle intercettazioni sono parziali e fuorvianti in quanto lette al di fuori del contesto”. Ma dai verbali emergono nuove accuse nei confronti del primario. Secondo un collega medico, una paziente venne operata per una “vertobroplastica” anche se aveva dei “crolli vertebrali multipli” e la donna “successivamente si dovette recare presso un’altra struttura ospedaliera”. Un altro medico, Dario Lo Vetere, ha detto che Confalonieri mentre eseguiva un intervento in sala operatoria affermò che “la protesi era inutile”. Un altro collega, poi, ha raccontato che Confalonieri “periodicamente” invitava le tv a riprendere “i suoi interventi”.

L’intercettazione dello ‘scandalo’

“Eh l’ho rotto (…) gli ho fatto la via d’accesso bikini (…) per allenarmi (…) oggi ho fatto una vecchietta per allenarmi no!”. Così, intercettato, il primario di ortopedia dell’ospedale Pini, Norberto Confalonieri, arrestato per corruzione e turbativa d’asta e indagato per lesioni, parlava di aver “provocato la rottura di un femore ad una paziente 78enne, operata” nel pubblico, come si legge nell’ ordinanza, “a suo dire per ‘allenarsi’ con la tecnica d’accesso anteriore ‘bikini'” in vista di un “intervento privato”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

1 Commenti Condividi

Commenti

    UN UOMO COSI E DA RADIARE E FARE SI CHE NON POSSA ENTRARE PIU’ IN TUTTI GLI AMBIENTI OSPEDALIERI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *