Il silenzio dei giorni, il rifiuto della diversità nel romanzo di Di Natale - Live Sicilia

Il silenzio dei giorni, il rifiuto della diversità nel romanzo di Di Natale

Liberamente ispirato al "delitto di Giarre", un caso di cronaca che portò alla nascita dell'ArciGay.
0 Commenti Condividi

CATANIA – Uscirà il 13 maggio in libreria, per Ianieri edizioni, “Il silenzio dei giorni” il romanzo d’esordio della giornalista Rosa Maria Di Natale, liberamente ispirato a un episodio di cronaca nera avvenuto nel 1980 in provincia di Catania, noto come il “delitto di Giarre”, che porto’ alla fondazione del primo nucleo di militanti gay e l’anno successivo, a Palermo, alla prima Festa nazionale dell’orgoglio omosessuale.

Il protagonista, Peppino Giunta, siciliano di nascita e milanese d’adozione, nello spazio di una notte racconta il suo drammatico vissuto al capo della redazione dove lavora come correttore di bozze. Ma ricostruendo i dolori del passato nella sua Giramonte del 1972, immaginario paesino ai piedi dell’Etna brulicante di contadini orgogliosi e passioni “umane troppo umane”, aumentano le probabilita’ di perdersi tra apparenza e realta’.

“E’ un romanzo che indaga su quanto puo’ far male il rifiuto della diversita’ – spiega l’autrice – e su quanto pesano i rancori familiari sui destini individuali”. Rosa Maria Di Natale vive e lavora a Catania, ha vinto il “Premio Ilaria Alpi” nel 2007 con una video-inchiesta, ha pubblicato un saggio sul rapporto tra il digitale e la scrittura, e racconti apparsi sulle riviste “Linus” e “Maltese Narrazioni”. (ANSA). 


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

0 Commenti Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *