Il sondaggio vinto da chi accoglie | Non è tutto odio quello che luccica - Live Sicilia

Il sondaggio vinto da chi accoglie | Non è tutto odio quello che luccica

foto d'archivio

Vince Pietro Bartolo. Secondo Carlo Giarratano. Una buona notizia per tutti.

I risultati
di
7 Commenti Condividi

Non è tutto odio quello che luccica. Nel sondaggio di LiveSicilia sul siciliano dell’anno vince Pietro Bartolo, già medico di Lampedusa, prima che politico; al secondo posto si piazza Carlo Giarratano di Sciacca, salvatore di migranti con il suo peschereccio.

Non è tutta retorica del respingimento, sobillata da chi non vuole risolvere il problema, perché preferisce soffiare sul fuoco dei risentimenti. C’è anche una parte non secondaria di persone – e i lettori di LiveSicilia.it lo dimostrano – che premia le braccia aperte.

Non sono né sognatori, né illusi, né casta, né potere – nonostante, talvolta, lo sfottò caricaturale di chi schiuma rabbia – questi italiani sensati che conoscono la vastità della questione migratoria, ma non credono che possa risolversi con una posa plastica o uno slogan roboante.

Sono quelli che hanno fiducia – secondo la lezione del Presidente Mattarella – che si sforzano di raccontarsi e di raccontare il mondo in una chiave migliore, che non disertano gli impegni e non fuggono davanti alla complessità, talvolta all’opacità, delle cose reali, eppure hanno deciso di stare accanto a chi costruisce un senso nuovo, intorno a sentimenti vecchi e immortali.

La solidarietà, la bontà verso il prossimo, la capacità di rispettare le diversità e di considerarle una fonte di ricchezza, la voce che argomenta senza urlare, la cultura di chi sa che nei libri ci sono risposte per ogni tempo; ecco i valori immortali e vecchi che sono finiti nel mirino dei profeti dell’egoismo.

Ma c’è ancora chi non si rassegna. E non è un caso che molti tra i militanti della cortesia e della speranza siano siciliani che leggono questo giornale: da sempre la nostra è la patria dell’esilio che sogna un futuro, da sempre il dolore che ci accompagna ha trovato terreno fertile per trasformarsi in umanità.

Non è tutto odio quello che luccica, nella narrazione di un contesto che troppi vorrebbero incattivito per trarne vantaggi, ingrassando il rancore, mettendo i poveri contro i poveri, predicando l’indifferenza quale valore supremo. C’è un mare di gente – buona, non buonista – indisponibile al peggio. Una notizia che consola tutti.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

7 Commenti Condividi

Commenti

    Ripeto: l’egoismo non ci porta da nessuna parte. Non possiamo accogliere tutto e tutti, ci vogliono regole, non possiamo permettere sprechi e affari sui migranti, ci vogliono regole …
    Le politiche che ci vogliono isolati ed incattiviti sono un fallimento, come è chiaro dopo un anno di salvinismo.

    blaaa blaaa blaa….tutta l’africa in italia non c’entra!

    Cosa dirai allora quando Salvini sarà premier, considerando che il suo è di gran lunga il primo partito Italiano oltre al fatto che il centrodestra è maggioranza nel paese.

    Ognuno ha le sue idee e le esprime liberamente, mi dispiace solo che pochi abbiano pensato alle sorelle Napoli ma,bsi sa, l’antimafia va bene quando è retorica o strumentalizzazione, quando è coraggio vero, …..meglio non parlarne. Ovviamente questo commento non verrà pubblicato perché non in sintonia con ja retorica dei;” professionisti dell’antimafia! Ma Sciascia è morto,per fortuna di tanti!

    Live Sicilia ha riconquistato la mia fiducia. Grazie!

    Si può sempre combattere contro la servitù volontaria di quelle forze conservatrici che lisciano il pelo ai meridionali per rastrellare voti e indurli a farsi rappresentare dalla cattiveria e dalla paura.

    oramai tutto fa brodo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *