"Il trasporto pubblico locale è a rischio in Sicilia" - Live Sicilia

“Il trasporto pubblico locale è a rischio in Sicilia”

L'allarme di Anav e Asstra
REGIONE
di
0 Commenti Condividi

PALERMO – Trasporto pubblico locale a rischio in Sicilia. Gli autobus potrebbero fermarsi per effetto dei rilievi della Corte dei Conti nei confronti dei provvedimenti regionali. L’allarme viene lanciato dalle associazioni di categoria. “Nei prossimi giorni si rischia lo stop totale al trasporto pubblico locale, a causa del blocco dei corrispettivi da parte della Regione Siciliana”, dice il presidente di Anav Sicilia, Antonio Graffagnini (nella foto). “A causa del rilievo alla Regione, mosso dalla Corte dei Conti in fase di rendiconto generale – aggiunge – le aziende del trasporto locale non saranno in grado di garantire gli stipendi e le messa in servizio dei bus di linea, con la conseguenza inevitabile che saremo costretti a bloccare tutti gli autobus”.

“La Regione deve intervenire al più presto”, gli fa eco il presidente di Asstra Sicilia Michele Cimino. “Siamo certi – aggiunge – che il problema è già all’attenzione dell’amministrazione e confidiamo, anzi siamo certi che sarà risolto in tempi rapidi”.

“Confidiamo – aggiunge Graffagnini – che al più presto gli organi preposti possano trovare la miglior soluzione al problema per consentire così alle aziende di proseguire regolarmente l’attività di trasporto pubblico locale e all’utenza di poter usufruire del diritto alla mobilità”.

“Il servizio reso alla mobilità dei cittadini – conclude Cimino – non può essere interrotto ma la Regione è pienamente cosciente di questo e confidiamo nella soluzione a breve anche per salvaguardare i livelli occupazionali oltre che di servizio”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI
0 Commenti Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.