Immigrazione, Attaguile:"Sentiremo |il Procuratore di Caltagirone - Live Sicilia

Immigrazione, Attaguile:”Sentiremo |il Procuratore di Caltagirone

"Sulla pelle dei migranti e utilizzando una solidarietà di facciata - ha detto il segretario della commissione nazionale antimafia - qualcuno si sta arricchendo infischiandosene delle reali necessità dei profughi"

la conferenza stampa
di
2 Commenti Condividi

CATANIA – “In merito alla scandalo legato alla gestione del Cara di Mineo martedì a Roma in Commissione nazionale Antimafia sentiremo il procuratore di Caltagirone Giuseppe Verzera”. Lo ha reso noto il segretario della commissione nazionale antimafia Angelo Attaguile incontrando i giornalisti a Catania. “Sulla pelle dei migranti e utilizzando una solidarietà di facciata – ha detto Attaguile – qualcuno si sta arricchendo infischiandosene delle reali necessità dei profughi, la maggior parte dei quali non vuole neppure rimanere in Sicilia”. “Noi siamo per aiutare chi veramente fugge da una guerra – ha proseguito Attaguile – e riteniamo di doverlo fare creando dei centri di accoglienza nei loro Paesi. Purtroppo è sotto gli occhi di tutti come qualcuno stia facendo soldi a palate alimentando un’immigrazione clandestina senza precedenti con oltre 150mila sbarchi nel solo 2014. Lo dicono anche gli indagati nelle intercettazioni che gli immigrati portano guadagni più facili rispetto alla droga e alla prostituzione”.

Attaguile, che è anche segretario nazionale di “Noi con Salvini”, ha sottolineato peraltro gli ingiustificati ritardi delle commissioni ministeriali territoriali. “La legge – ha osservato – sancisce che le commissioni dovrebbero esaminare le domande di asilo entro trenta giorni dalla loro presentazione e pronunciarsi nei tre giorni successivi. In realtà impiegano anche 18 mesi. Chi trae profitto da questi ritardi?”. “Inoltre – ha proseguito – la maggior parte degli immigrati non ottiene il riconoscimento dello stato di rifugiato e ricorre al tribunale, così i tempi di permanenza si allungano sino a 3 e anche 4 anni. Se pensate che nel 2014 dalle nostre parti sono sbarcati in circa 150mila significa che gli oltre 80mila ricorsi preventivati metteranno in ginocchio il distretto della Corte d’Appello di Catania come ha già preannunciato il procuratore di Catania Giovanni Salvi”.

“E’ strano – ha concluso Attaguile – che queste persone trovino migliaia di euro per il viaggio della speranza mentre poi in Italia si dichiarano nullatenenti così da beneficiare del gratuito patrocinio a carico delle casse pubbliche. Ogni ricorso costa circa 700 euro”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

2 Commenti Condividi

Commenti

    Attaguile,per favore,si faccia portavoce dei siciliani,che non ne possiamo più di vedere poveracci buttati per strada nelle aiuole nei parchi ai semafori ai supermercati a rovistare immondizia a elemosinare a riempire case senza le condizioni igieniche e assistenziali minime.Altro che droga ,chi ha avviato questo business è un vero affariste avvoltoio,e deve pagare.

    In questo periodo storico improvvisamente tutti sono diventati esperti in tema d’accoglienza.
    Lo fanno non da operatori del settore ma dalle loro poltrone/commissioni/scranni.
    Bene; innanzitutto vorrei chiedere ad Attaguile, e quindi al suo amico Salvini, come pensa di costruire centri di accoglienza in Libia, Somalia, Eritrea, Mali, Nigeria, Costa D’Avorio, Togo, Pakistan e potrei continuare.
    Chi dovrebbe costruirli, con quali soldi e con quali operatori.
    In seconda battuta e riguardo i tempi di attesa sono certo che dall’alto della suo incarico istituzionale Attaguile potrà certamente sollevare il problema al livello nazionale, dialogando con le prefetture le quali sono deputate e le sole responsabili dell’esame sulla richiesta della domanda d’asilo.
    Infine sono certo che insieme a Salvini, nostro rappresentate europeo, si impegnerà a convincere le altre nazioni europee sulla necessità della modifica del regolamento Dublino III, unico e vero problema di questa impasse.
    Sono certo che Attaguile ed il buon Salvini sanno di cosa sto parlando e provvederanno di conseguenza, nell’interesse della collettività e dei diritt dei migranti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.